sabato 02 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Quando la “pace” è nemica della “giustizia”. Ucraina e Israele devono resistere o arrendersi? Mai! 04/05/2023
Riprendiamo da BET Magazine-Mosaico di maggio 2023, a pag.11 il commento di Angelo Pezzana dal titolo "Quando la “pace” è nemica della “giustizia”. Ucraina e Israele devono resistere o arrendersi?" (Mai!).

Angelo Pezzana

Con la guerra in Ucraina, si rafforzano i rapporti tra Israele e la  diaspora - Mosaico

Dal 24 febbraio 2022, quando la Russia ha invaso l’Ucraina, il mondo assiste a un massacro quotidiano di fatto, prendendone soltanto atto, invece di giustizia la parola più diffusa continua a essere ‘pace’, rivolta non soltanto all’invasore russo ma ad entrambi i paesi. Prima di arrivare alla sentenza del Tribunale dell’Aja che ha dichiarato Putin un criminale degno di arresto, i paesi democratici hanno discusso se il paese invaso era degno di ricevere le armi che disperatamente chiedeva per difendersi dall’invasore. Il presidente americano, offriva l’invio di un aereo interpretando nella fuga del premier Zelensky la soluzione migliore per avere la pace! Abbiamo assistito in Italia, da sinistra e destra, da parte degli autonominatosi ‘pacifisti’ attribuire la responsabilità della guerra alla Ucraina, bastava arrendersi e la pace sarebbe diventata reale. Non sono mai mancati in prima fila gli appelli quotidiani alla pace del Vaticano, parole purtroppo senza seguito. Dopo più di un anno di Resistenza, l’esempio eroico di Zelensky ha scosso i leaders occidentali. Voglio citare Bernard-Henri Lévy che lo ha paragonato a Churchill, quando di fronte ai paesi europei che uno dopo l’altro cadevano davanti a Hitler invasore, gridava agli inglesi di RESISTERE invece di arrendersi. Anche Putin deve essere battuto nel senso militare del termine. Grande BHL ! Ma c’è un altro esempio, Israele. Viene minacciato apertamente dall’Iran di essere cancellato dalle carte geografiche, dipende soltanto dalla produzione definitiva dell’arma nucleare, quale reazione provocano queste minacce di sterminio? UE,USA,NATO, non risulta che abbiano ancora deciso come agire. Certo, riconoscono a Israele il diritto di difendersi, ma non interrompono i finanziamenti ai movimenti arabi terroristi che si aggiungono a quelli iraniani. I razzi continuano colpire da Gaza, dal Libano (zona Unifil),ma i Tg informano soltanto dei raid israeliani. Vogliamo ricordare l’uso della moschea di Al Aqsa ? Altro che preghiere, piuttosto un magazzino colmo di pietre e altre armi per attaccare le guardie israeliane. Ebbene, solo servizi in Tv che raccontano i raid israeliani! Poi veniamo informati che l’antisemitismo è in forte aumento! Le accuse contro Israele a base di parole come ‘apartheid’ sono sempre più presenti nei nostri comuni e regioni, seguiti a ruota da manifestazioni negli istituti scolastici. Dovrebbero essere tanti quelli che orgogliosamente si dichiarano ‘amici di Israele’, perché non fanno sentire le loro voci?

Per inviare a Bet Magazine-Mosaico la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT