lunedi` 05 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Netanyahu/Lapid, due politici più vicini di quanto si creda. Almeno in politica estera 03/10/2022
Riprendiamo dal BET-Mosaico di ottobre 2022, a pag. 15, il commento di Angelo Pezzana con il titolo "Netanyahu/Lapid, due politici più vicini di quanto si creda. Almeno in politica estera".

Angelo Pezzana

70% Believe Israel is on its way to Fifth Election - The Israel Democracy  Institute
Yair Lapid, Benjamin Netanyahu

Nell’attesa di conoscere per quale governo voteranno gli israeliani il primo novembre sarà opportuno non stupirsi, come avviene sulla maggior parte dei nostri giornali, se queste elezioni sono le quinte in quattro anni. Le differenze tra destra e sinistra, ad esempio, hanno subìto un profondo cambiamento sull’atteggiamento da tenere di fronte al problema palestinese. Dopo le affermazioni contro Israele in Germania, Abu Mazen non rappresenta più la parte definita anche a livello internazionale ‘moderata’. Ci si chiede invece chi vincerà, lui o Hamas, per entrambi il nemico da eliminare rimane lo Stato ebraico. Una continuità c’è stata in politica estera, nel passaggio dal governo Netanyahu a Bennett/Lapid. È sotto Bibi che erano nati gli Accordi di Abramo, per la prima volta degli stati musulmani mediorientali riconoscevano Israele, aprivano le frontiere, stabilivano rapporti commerciali. Un risultato sbalorditivo. A cui è seguìto un altro gesto di grande importanza, il trasferimento dell’Ambasciata americana a Gerusalemme. C’è da chiedersi quando la farà anche l’Italia, come mai il nostro governo, che si dichiara ‘amico di Israele’ non prende la stessa decisione? Anche la sicurezza continua ad essere affrontata come un problema da valutare con estrema attenzione e durezza. Yair Lapid, succeduto a Bibi, nei suoi rapporti internazionali, si comporta con la stessa saggezza e coraggio. Lo confermano le azioni ammonitive all’Iran, ricordando agli Usa che la minaccia nucleare li deve vedere in prima fila, non ci sono trattati da firmare, l’Iran è una dittatura, qualunque cosa possa sottoscrivere non è attendibile, mentre lo è la dichiarazione di voler cancellare Israele dalla carta geografica. Israele, comunque, è pronta a difendersi. Come continua a comportarsi ai propri confini, con Libano e Siria, obbedienti agli ordini di Teheran. Voglio ricordare anche l’invasione dell’Ucrania da parte di Putin. Conosciamo tutti il rapporto particolare tra Israele e la Russia, lo Zar controlla il confine con la Siria, di fatto dà a Israele un aiuto per controllare atti di terrorismo al confine nord. Ma Lapid non si è girato dall’altra parte, parla con Zalensky, un gesto che Putin non ha gradito, minacciando la chiusura della Agenzia Ebraica di Mosca. Un avvertimento, in stile mafioso.

Per inviare a Bet la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT