domenica 28 novembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ricordiamo i profughi dimenticati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
L'Occidente di fronte a Israele 04/11/2021
Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano, novembre 2021, a pag.13, con il titolo "Israele e Medio Oriente: da che parte si schiereranno le democrazie occidentali? Con l’Iran? Con la Turchia?", il commento di Angelo Pezzana.

Angelo Pezzana - Wikipedia
Angelo Pezzana

Benny Morris - Wikipedia
Benny Morris

Riaprire il Consolato americano a Gerusalemme quale servizio diplomatico per i palestinesi è stata una “cattiva idea” della amministrazione Biden. Non l’ha dichiarato Netanyhau, ma il Ministro degli Esteri Yair Lapid. Riaprirlo, dopo averlo chiuso, da quando l’Ambasciata è stata trasferita nella capitale è un “pessimo segnale”, ha poi aggiunto Lapid. La decisione, annunciata dal Segretario di Stato Usa Antony Blinken, riprenderà quindi in forma ufficiale i rapporti non solo con i palestinesi che vivono a Gerusalemme e nell’Anp, ma anche a Gaza. Con l’Ambasciata a Gerusalemme, che bisogno c’era di un consolato? ll rapporto Israele Usa – un amico fidato di lunga data, l’ha definito il premier Bennett- non verrà però messo in discussione, anche se la politica estera targata Biden richiama sempre più quella di Obama. Lo dimostra l’Iran che continua a violare gli accordi con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, un pericolo per tutti non solo per Israele. Fino a quando lo Stato ebraico accetterà gli attacchi coordinati e finanziati da Teheran? Saranno sufficienti gli Iron Dome ? Lo storico Benny Morris mette in guardia: Israele potrebbe doversi difendere contemporaneamente su tre fronti, Hezbollah alla frontiera con il Libano, Hamas da Gaza e le Alture del Golan sotto tiro delle milizie rivoluzionarie di Teheran. A un Iran in possesso dell’arma nucleare rimarrà soltanto la scelta del momento per organizzare l’attacco contro Israele. E l’Europa? Da un lato prende atto che l’antisemitismo non è un problema degli ebrei ma degli antisemiti, che bisogna combatterlo, riconosce che è in continua crescita, arriva persino ad ammettere che “la linea rossa dell’antisemitismo è oltrepassata quando si mette in discussione il diritto allo Stato di Israele di esistere, il ricordo del capitolo più buio nel libro di storia europea”. Parole condivisibili che però non aiutano a capire quali siano gli strumenti concreti per intervenire.

Jewish Lives Matter - Casa Editrice Giuntina
La copertina del libro di Fiamma Nirenstein (Giuntina ed.)

Israele viene accusata di essere uno Stato di apartheid mentre viene difeso un movimento terrorista come Hamas, scrive Fiamma Nirenstein nel suo libro Jewish Lives Matter “combattere l’antisemitismo è diventato un’impresa ancora più difficile oggi, perché è in controtendenza rispetto alle mode culturali del politically correct, che usa le parole più belle: diritti umani, uguaglianza, libertà”. Non a caso Onu, Ue e altri organismi internazionali stanno cercando di impedire gli sviluppi degli Accordi di Abramo tra Israele e gli Stati musulmani, l’unica iniziativa concreta di pace in Medio Oriente, quindi con reali possibilità di successo. Da che parte si schiereranno le democrazie occidentali? Con l’Iran? Con la Turchia? Due potenze coloniali che pochi media nostrani hanno il coraggio di raccontare.

Per inviare al Bollettino la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT