martedi` 03 agosto 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Onu criminalizza ancora Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Su chi può contare Israele? 10/07/2021
Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano, luglio-agosto 2021, a pag.11, con il titolo "L’Occidente chiede a Israele una inerzia impossibile: non difendersi dagli attacchi di Hamas. Ma su chi possiamo contare?", il commento di Angelo Pezzana.

Angelo Pezzana - Wikipedia
Angelo Pezzana

A Gaza noi di Hamas non ci siamo arresi. E abbiamo dimostrato che Israele  non è impenetrabile" - la Repubblica

Quale lezione trarre a guerra finita -per ora- tra Hamas e Israele? La prima, senza dubbio, il mai scomparso doppio standard che ha da sempre contraddistinto le posizioni degli stati, tutti, nei confronti di Israele, uno stato legittimo, presente in tutte le istituzioni internazionali, che però non ha il diritto di difendersi neppure da una entità terrorista come Hamas che comanda a Gaza dopo il colpo di stato del 2007 contro l’Anp di Abu Mazen. In Israele le opinioni sono molteplici, da chi pone in evidenza la capacità militare di Hamas nell’affrontare uno degli eserciti più forti del mondo, lanciando sul suo territorio migliaia di missili, sostenuto dalla assenza di alcuna condanna internazionale, che ha contribuito a rendere credibile una equivalente comparazione tra una democrazia e  una dittatura, dimenticando chi aveva attaccato per primo.
 La seconda vede il mondo arabo ritornato a schierarsi contro Israele, mettendo a rischio i risultati del Progetto Abramo, l’unica vera iniziativa coronata da un successo che, senza ricorrere a nessuna guerra, aveva avviato il primo vero cambiamento nei rapporti arabo-israeliani.

The dilemma of rebuilding Gaza without rearming Hamas - BBC News

Gli arabi -ma si può affermare il mondo islamico- tutti applaudono il leader della jihad islamica Ziad al-Nahala che ha bombardato Tel Aviv, ringraziando apertamente l’Iran e le sue Guardie rivoluzionarie della rivoluzione, partner nella “vittoria storica” contro l’esercito sionista. 
Un discorso a parte meriterebbero i media, ostinati nel contare i morti a Gaza, dando conto giornalmente del numero, seguito sempre dal paragone, con quelli israeliani. Mai che sia stato scritto o detto il perché della differenza, di Hamas che disponeva i propri cittadini, meglio se bambini, vicini agli edifici che l’esercito israeliano aveva avvertito in anticipo che sarebbero stati attaccati in quanto rampe di lancio dei missili. È troppo poco definire ‘disinformazione’, visti i risultati colmi di indignazione che hanno fatto alzare il livello dell’antisemitismo anche nel nostro paese.

Persino i portuali della costa livornese hanno perquisito le navi in partenza per il Medio Oriente per bloccare eventuali cariche armi  con destinazione Israele. Non risulta eguale interesse per navi di provenienza iraniane.
In Israele si discute, a Gaza si celebra la vittoria. La democrazia segue i propri valori, davanti al silenzio di un Occidente che invece di difendere l’aggredito invoca una tregua, facendo finta di ignorare che dopo questa guerra potrà esploderne un’altra. Una possibilità quasi certa se l’Iran arriverà in tempi brevi a disporre dell’arma nucleare, come tutto lascia prevedere dal cambiamento della politica americana. Come reagirà Israele? Su chi  potremo contare?

Per inviare al Bollettino la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT