sabato 02 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
In galera chi lancia pietre 26/07/2015

In galera chi lancia pietre 
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

A destra: questo è un delinquente

Il lancio di pietre, per esprimere dissenso politico, è diventato ufficialmente reato dopo che la Knesset l’ha approvato con 69 sì – maggioranza più alcuni voti dall’opposizione - e 17 no – Lista Araba Unita e Meretz, una estrema sinistra che passa con disinvoltura dalla difesa dei diritti civili a quella dei terroristi. Il reato comporta 10 anni di carcere, che diventano 20 se viene provata la volontà di uccidere, come purtroppo è successo troppe volte negli ultimi anni contro soldati e civili che viaggiavano in auto.


Le pietre possono uccidere

Un commento a parte merita il voto contrario dei tre partiti arabi che formano uniti la Lista Araba. Passi l’aver definito la legge “razzista e anti-costituzionale”, perché studiata apposta “per reprimere la legittima, civile e popolare protesta dei palestinesi”, è questo il linguaggio al quale siamo abituati, non avendo appreso nulla dal sistema democratico israeliano, l’unica legge alla quale obbediscono è ancora quella della giungla.


Questa immagine, divenuta simbolo della Prima Intifada, veicola un messaggio falso e cerca di identificare empaticamente chi la osserva nel bambino che lancia pietre

Ciò che invece fa sperare in bene in una futura dis-unità della Lista sono gli interventi dei deputati dei tre partiti, in gara fra loro a chi attaccava Israele con più ferocia, cercando di scavalcarsi a vicenda, dimenticandosi persino delle vittime arabe scambiate per ebrei. Pietre e proiettili non guardano in faccia a nessuno quando colpiscono.

E’ così che la democrazia israeliana punisce chi compie atti di terrorismo, quello giudicato dai media occidentali con benevolenza, che sarà mai una pietra, quando a lanciarla sono oltretutto dei giovani... Adesso basta. La legge c’è e punirà chi delinque. Ai possibili, futuri delinquenti scegliere.


Angelo Pezzana con la copertina del suo libro "Quest'anno a Gerusalemme" (Giuntina ed.): storie degli ebrei italiani in Israele


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT