domenica 17 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
L'impatto della Shoah sui bambini del dopoguerra, figli di sopravvissuti 26/01/2021
L'impatto della Shoah sui bambini del dopoguerra, figli di sopravvissuti
Manfred Gerstenfeld intervista il Sam Juni

(traduzione di Yehudit Weisz)

Israel National News - The Shoah's impact on survivor's post-war children
Sam Juni

“Data l'enormità dell'esperienza dei sopravvissuti al campo di sterminio, alcuni dei loro adattamenti per mantenere la sanità mentale nelle loro vite, hanno inevitabilmente generato significative ripercussioni negative sui figli che hanno cresciuto. Pertanto, la patologia psichiatrica e della personalità è solitamente più grave nelle famiglie degli ex internati del campo di sterminio. I sopravvissuti che non erano stati nei campi di sterminio - e le loro famiglie - spesso non presentano problemi di adattamento spiacevoli.” “Se i sopravvissuti alla Shoah si sentono a disagio con la propria identità, ciò influenzerà i loro figli, che in letteratura sono denominati Sopravvissuti di Seconda Generazione, sulla base del fatto che sono effettivamente sopravvissuti a causa della loro sofferenza e della loro educazione, anche se non erano fisicamente presenti durante la Shoah. Un numero significativo di Sopravvissuti di Seconda Generazione soffre di problemi di identità, di essere parte di un retaggio perduto e di non essere in grado di identificarsi con la cultura in cui vivono.”

Child Survivor Fund - Claims Conference

Il Dottor Sam Juni, Professore Emerito alla New York University, è un noto diagnosta e ricercatore di psicopatologia e disturbi psichiatrici. Ha fondato il Corso di laurea in Psicologia alla NYU di Tel Aviv e lo ha diretto per quasi un decennio. Anni fa ha iniziato a notare modelli distinti di sindrome patologica tra i Sopravvissuti alla Shoah di Seconda Generazione. “Quando i sopravvissuti alla Shoah danneggiano l'identità dei loro figli, il più delle volte questo danno colpisce il figlio maggiore, sebbene anche gli altri bambini subiscano delle conseguenze. Tali problemi si manifestano tipicamente nelle prime fasi della vita. “C'è spesso un'eccessiva protezione dei sopravvissuti alla Shoah nei confronti dei loro figli a causa della prolungata esposizione dei genitori a minacce estreme e a situazioni di emergenza. I clinici hanno dimostrato che i Sopravvissuti alla Shoah di Seconda Generazione hanno difficoltà a estraniarsi da genitori ingombranti, troppo preoccupati e invadenti. “Ci sono sindromi rivelatrici condivise da molti bambini di seconda generazione. Queste includono spesso problemi con figure autoritarie, religiosità, gestione finanziaria, far fronte alla pressione dei genitori per avere successo, così come hanno problemi alimentari e dietetici. Generalmente etichettiamo queste ripercussioni come patologiche quando superano la soglia "normale" interferendo con il funzionamento quotidiano della persona.

“La paranoia è un sintomo ricorrente dei sopravvissuti alla Shoah. Ciò è spesso correlato alla necessità di restare uniti a coloro che hanno un simile background ed evitare relazioni strette con “estranei”. Alcuni Sopravvissuti di Seconda Generazione adottano una posizione simile e praticano un'eccessiva vicinanza con altri figli di sopravvissuti. In alcuni casi invece, c'è un'apertura eccessiva verso coloro che sono percepiti come diversi. Quest'ultima modalità spesso non è autentica e rappresenta un meccanismo di difesa, di inversione psicologica per contrastare le tendenze paranoiche sottostanti. Per molti sopravvissuti e le loro famiglie, la concezione del ruolo di Dio non coincideva con l'immagine di un padre premuroso. Non sorprende quindi che la tensione religiosa e la dissonanza si verifichino frequentemente nei sopravvissuti alla Shoah. In termini di emotività, la reazione diretta alla Shoah è rabbia e delusione, che possono portare ad un’aperta rivolta contro Dio. In alcuni, questo può anche manifestarsi come negazione della Sua esistenza. Tuttavia, c'è anche un'altra variante: alcuni sopravvissuti in realtà diventano più religiosi a causa delle loro esperienze con la Shoah. Ciò sembra contro-intuitivo e probabilmente è il risultato del meccanismo di difesa psicologica noto come Formazione di Reazione.

“Molto spesso, i bambini di seconda generazione sono costretti ad affrontare la loro relazione con Dio all'inizio della loro vita, anche se non è espressa apertamente dai genitori. Questo può portare a risultati bidirezionali: alcuni osserveranno eccessivamente i principi religiosi, mentre altri abbandoneranno completamente la religione. Una risposta moderata in questo campo è insolita. “La teoria dello sviluppo postula che il concetto di Dio che i bambini interiorizzano sia molto legato alla loro esperienza formativa con le figure genitoriali. Ciò è particolarmente vero nei Sopravvissuti di Seconda Generazione che spesso hanno una "immagine paterna" non idealizzata a causa della debolezza percepita dei loro genitori, durante la Shoah. Ciò aggrava le già problematiche questioni di religiosità basate sulle reazioni alla Shoah di per sé. “I sopravvissuti sono spesso parsimoniosi. Anche qui i bambini di seconda generazione adottano spesso una posizione simile nel loro atteggiamento nei confronti del denaro, mentre altri si comportano totalmente nella direzione opposta e diventano spendaccioni. Ancora una volta, la moderazione è insolita. “Un segno caratteristico dei genitori sopravvissuti alla Shoah è l'intensa pressione che spesso esercitano sui loro figli affinché raggiungano il successo. La maggior parte dei Sopravvissuti di Seconda Generazione assimila questo orientamento e gravita verso uno status elevato e carriere di successo. “Nelle famiglie dei sopravvissuti, tra i bambini nati prima e quelli nati dopo la guerra, ci sono spesso problemi specifici se si trovano a vivere insieme in un’unica famiglia. C'è una netta differenziazione tra i due gruppi. Si potrebbe paragonarla a quella che esiste tra figli e figliastri nelle famiglie allargate.

“I sopravvissuti mostrano una serie di strategie di sopravvivenza e riconciliazione che possono essere classificate in due percorsi principali. Uno implica incolpare se stessi e interiorizzare parte della sofferenza; la colpa del sopravvissuto è preminente in questa strategia. L'altro invece mantiene una posizione provocatoria e accusatoria nei confronti degli aggressori per i loro atti atroci; verso la società per averle consentite, condonate o favorite; e anche verso Dio per il Suo ruolo. Ogni categoria comporta una strategia senza via d’uscita per i Sopravvissuti di Seconda Generazione che sono cresciuti in queste rispettive atmosfere familiari “Molti sopravvissuti alla Shoah - se all'epoca erano adulti - ebbero la fortuna di una solida educazione emotiva. Attraverso i vari costrutti della loro personalità, videro un padre come qualcuno su cui fare affidamento e una madre come colei a cui ricorrere quando qualcosa fa male. In sostanza, quindi, avevano una base di personalità unificata e una visione del mondo positiva. Quando si è scatenato l'inferno e il mondo è crollato loro addosso, il loro senso di umanità ben radicato non è svanito. In fondo, esisteva ancora una solida fiducia in un mondo giusto. Avevano molte domande e persino accuse, ma i loro principi di base non si sono spostati. “Al contrario, sin dalla prima infanzia, i Sopravvissuti di Seconda Generazione sono stati esposti a un mondo percepito ingiusto e ostile, pieno di orribili aggressori. La loro personalità e la capacità di relazioni interpersonali sane erano quindi già imperfette per la loro stessa natura. È dimostrato che i Sopravvissuti di Seconda Generazione soffrono di pervasive difficoltà di personalità e di una ridotta capacità di relazionarsi in modo appropriato con le persone (relazioni oggettuali interpersonali) e con Dio (relazioni oggettuali teistiche). Le difficoltà evidenziate dei Sopravvissuti di Seconda Generazione, includono una visione del mondo negativa, immagini indebolite dei genitori e una visione del mondo come un luogo pericoloso.

“I clinici si trovano spesso di fronte a una situazione apparentemente paradossale, poiché spesso troviamo molto più facile trattare i sopravvissuti rispetto ai bambini di seconda generazione. Questo è vero, nonostante il fatto che i sopravvissuti soffrano di sintomi psichiatrici più pronunciati o visibilmente “anormali”, mentre i Sopravvissuti di Seconda Generazione di solito manifestano disturbi della personalità più lievi.” Per spiegare questo paradosso, il Dottor Juni osserva che la moderna psichiatria ha sviluppato strumenti medici e farmacologici per affrontare i sintomi clinici anche quando sono estremi e interrompono notevolmente il normale comportamento. Egli osserva: “I disturbi della personalità - anche se sono molto meno dannosi per la vita quotidiana di base - sono molto difficili da migliorare. Pertanto, i Sopravvissuti di Seconda Generazione trovano più difficile correggere i problemi destabilizzanti rispetto ai loro genitori, anche se questi ultimi spesso presentano una sintomatologia psichiatrica grave. “I Sopravvissuti di Seconda Generazione sono di solito destinati a vivere in un'infanzia in cui la colpa si coniuga con una visione del mondo che rende difficile produrre sfide di sviluppo appena gestibili. Oltre a ciò, hanno sperimentato spesso un'insana inversione di ruoli, in cui non erano solo i custodi di se stessi, ma anche quelli dei loro genitori.” Il Prof. Juni conclude dicendo che la terapia degli specialisti spesso non consente ai Sopravvissuti di Seconda Generazione - che sono influenzati negativamente dalla propria storia familiare disadattata - di sbarazzarsi della maggior parte dei loro problemi. Sarebbe consigliabile progettare interventi per aiutarli ad affrontare e vivere vite produttive nonostante il loro tumulto interiore.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT