domenica 17 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Corbyn e l’odio antisemita contro le parlamentari laburiste 28/12/2020
Corbyn e l’odio antisemita contro le parlamentari laburiste
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(traduzione di Yehudit Weisz)

Immagine correlata
Jeremy Corbyn durante una manifestazione di odio contro Israele

Sono stati pubblicati molti articoli sul ruolo preminente di Jeremy Corbyn nel non prevenire, e occasionalmente anche nel promuovere, l'antisemitismo nel Partito Laburista britannico. Il suo sostegno agli antisemiti estremisti ha avuto una buona copertura mediatica. La sua dichiarazione più frequente, tra le tante, era che le organizzazioni terroristiche genocide antisemite, Hamas e Hezbollah, erano suoi “amici e fratelli”. Le aveva anche invitate alla Camera dei Comuni.  Tuttavia, vari aspetti del suo ruolo nel non prevenire l'antisemitismo nel Labour sono stati solo parzialmente trattati dai media. Ma c'è di più. L'interferenza dell'ufficio di Corbyn nelle indagini sugli incidenti antisemiti all'interno del Labour è stata condannata dalla Commissione per l'uguaglianza dei diritti umani (EHRC), in cui si afferma: “La commissione ha rilevato che l'ufficio del signor Corbyn ha illegalmente 'interferito politicamente' con quasi due dozzine di casi di presunto antisemitismo.” Un aspetto dell'antisemitismo laburista, che ha ricevuto un'attenzione insufficiente da parte dei media, riguarda il danno collaterale derivante dall'atteggiamento di Corbyn verso l'antisemitismo all'interno del partito da lui guidato.

Immagine correlata
Corbyn con la keffiah a una manifestazione

Ciò riguarda l'enorme numero di messaggi offensivi che alcuni importanti rappresentanti ebrei, eletti nel partito, hanno ricevuto.  E quando ha reagito, lo ha fatto solo nominalmente. Per evidenziare tutto questo in un modo piuttosto semplice, occorre focalizzare l'attenzione sulle esperienze molto spiacevoli delle quattro parlamentari ebree che rappresentavano il Labour quando Corbyn divenne Presidente del partito nel 2015. Ciò fornirà informazioni sulla denigrazione antisemita e sull'odio estremo che alcuni importanti ebrei membri del partito hanno dovuto subire durante la leadership di Corbyn. Già nel 2016, la deputata Ruth Smeeth - che ha perso il seggio durante le elezioni parlamentari del 2019 - aveva affermato di aver ricevuto più di 25.000 messaggi di insulti. Si era appellata a Corbyn, che denunciasse e condannasse i peggiori aggressori che affermavano di agire in suo nome. Ma Corbyn non reagì. Tuttavia bisogna essere chiari. Non ci sono prove che i messaggi di odio provenissero principalmente dai membri del Labour. Potrebbero aver avuto origine in parte nell'estrema destra "fascistoide", così come nel suo gruppo speculare di sinistra dove militano gli odiatori di ebrei. In mancanza di una terminologia migliore, si potrebbe chiamare quest'ultimo gruppo “progressisti deviati”.  Inoltre, bisogna considerare che una persona può inviare molti messaggi. Tuttavia, se non ci fosse stato l'atteggiamento negligente e spesso passivo nei confronti dell'antisemitismo di Corbyn e del suo ambiente circostante, questo flusso massiccio di odio per gli ebrei sicuramente non sarebbe scaturito. La maggior parte degli insulti antisemiti contro Smeeth erano sui social media, in particolare su Twitter e Facebook. Anche nel suo ufficio sono arrivate chiamate ed e-mail. Uno dei messaggi ricevuti la presentava come appesa al patibolo. La marea di odio verbale era iniziata nel giugno del 2016, quando Ruth Smeeth si congedò dalla conferenza stampa in cui era stato presentato il rapporto estremamente poco professionale di Shami Chakrabarti (che presto si unirà alla Camera dei Lord su raccomandazione di Corbyn) che parlava di antisemitismo nel Partito Laburista. Smeeth ha raccontato di essere stata aggredita verbalmente in quella occasione da un attivista laburista e sostenitore di Corbyn "che ha usato i tradizionali insulti antisemiti per attaccarmi perché facevo parte di una 'cospirazione mediatica'". Ha raccontato che "il leader del mio partito è rimasto a guardare e non ha fatto assolutamente niente." Tuttavia Smeeth rimane nel partito laburista fino ad oggi. Un'altra donna parlamentare laburista, Luciana Berger, è stata anche uno dei principali bersagli dell'odio antisemita. Ha lasciato il partito nel febbraio del 2019. In un articolo di quell'anno, Berger ha detto che nel 2014 un membro dell'organizzazione nazionale neonazista era stato incarcerato per aver inviato a Berger un tweet antisemita. A seguito del verdetto, la polizia le aveva riferito che lei era diventata l’obiettivo di 2500 messaggi di odio in soli tre giorni. Ciò era accaduto mentre il predecessore di Corbyn, Ed Miliband, che è ebreo, era Presidente del Labour. 

Un altro antisemita è stato incarcerato per aver inviato alla Berger un tweet antisemita dopo l'omicidio del parlamentare laburista Joe Cox nel 2016. Un attivista di estrema destra è stato condannato a due anni di prigione dopo una campagna di insulti antisemiti contro Luciana Berger in cui era stata definita “malvagia e sporca puttana ebrea” e paragonata a un topo. La Berger ha anche ricevuto messaggi secondo cui avrebbe dovuto uccidersi in modo che “un vero parlamentare laburista possa prendere il tuo posto”. Berger ha ottenuto la protezione della polizia quando il suo partito ha tenuto la sua riunione annuale a Liverpool, la località del suo collegio elettorale. Non ha quasi mai ricevuto alcun sostegno da Corbyn. Nell'ottobre del 2019, un'altra parlamentare ebrea, Louisa Elman, uscì dal Partito Laburista: era membro del partito da 55 anni. In una lettera ha detto di essere stata "profondamente turbata dalla crescita dell'antisemitismo nel Labour negli ultimi anni.” L'ultima donna parlamentare laburista rimasta, Margaret Hodge, ha detto in faccia a Corbyn che lui è un antisemita. Ha detto che la leadership sotto Corbyn era stata disonesta “nelle sue affermazioni di avere un approccio di tolleranza zero nei confronti dell'antisemitismo” e ha continuato dicendo che l'antisemitismo ha attanagliato il partito, ma che: “[l'antisemitismo] è solo un elemento che riflette la cultura con cui la politica dell'estrema sinistra si approccio al mondo.” La Hodge ha aggiunto: “È una cultura caratterizzata da una completa intolleranza nei confronti di chiunque non condivida il loro punto di vista.” Margaret Hodge ha anche osservato: “Non avrei mai pensato che sarei diventata una vittima dell'odio ebraico dell'estrema sinistra. Non avrei mai immaginato che nell’arco di un anno, la situazione all'interno del partito sarebbe peggiorata in modo così drammatico e che la crisi dell'antisemitismo nel Labour sarebbe vertiginosamente sfuggita al controllo. Nell'ultimo mese sono stata accusata di essere un agente dell'ambasciata israeliana. I teorici della cospirazione mi accusano di gestire un cartello di "rabbini nazisti" e affermano che Jeremy Corbyn è la "soluzione finale" per la questione sionista. Io ricevo attacchi vergognosi che cercano di mettere in discussione la mia identità ebraica ed esprimere dubbi sulla sofferenza della mia famiglia sotto i nazisti ".

Nel dicembre del 2000 ha rivelato di ricevere decine di migliaia di tweet offensivi al mese.  Una ricerca condotta da Community Security Trust (CST), un'organizzazione di monitoraggio dell'antisemitismo, ha rilevato che tra ottobre e novembre c'erano circa 90.000 menzioni del nome di Hodge o del suo indirizzo di Twitter, inclusi retweet e condivisioni. Alcune, tuttavia, erano positive o neutre. Ha rilevato che erano state coinvolte 22.000 persone. Il CST ha raccolto un dossier di tweet offensivi contro Hodge. Un messaggio la chiamava " una voltagabbana, una vecchia rugosa e malvagia che ama gli omosessuali". Un'altra ha detto lei aveva "trascorso la guerra in Svizzera vendendo ... acciaio a Hitlar [sic] per bruciare gli ebrei". L’incentivazione dell'anti-israelismo genocida da parte di Corbyn e la sua negligenza e passività, hanno creato l'infrastruttura per gli attacchi estremi ai rappresentanti eletti del Labour. Quando si discute della posizione di Corbyn nella storia dell'antisemitismo britannico contemporaneo, nel giudicarlo su questo tema, dovrebbe essere sommato ai molti altri fattori negativi, il suo ruolo nel contribuire a creare l'ambiente in cui si sono verificati attacchi così massicci contro alcuni parlamentari ebrei. Dopo la sua espulsione dal Partito laburista parlamentare, Corbyn ha annunciato che sta lanciando un progetto globale di pace e giustizia. Questa iniziativa da parte di un promotore dell'antisemitismo, che è stato del tutto passivo quando massicci attacchi di odio hanno colpito importanti ebrei nel suo partito, è un altro grande atto dell'estrema ipocrisia di Corbyn.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT