venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Mordechai Kedar
L'Islam dall'interno
<< torna all'indice della rubrica
La Jihad all’interno d’Israele 15/05/2021
La Jihad all’interno d’Israele
Analisi di Mordechai Kedar

(Traduzione di Yehudit Weisz)

Una giornata di orrore in Israele: come si traduce pogrom in italiano? | il  manifesto

Quando sinagoghe e seminari religiosi vengono dati alle fiamme, è una guerra di religione. Quando i rotoli della Torah vengono profanati, è una guerra di religione. Quando le auto vengono incendiate solo dopo aver verificato che esse appartengono a ebrei, è una guerra di religione. Quando conducenti e passeggeri ebrei vengono trascinati fuori dalle loro auto al grido di “Allah Akbar” e sottoposti a pestaggio, è una guerra di religione. Quando migliaia di musulmani insorgono lanciando lo slogan “Con il nostro sangue e il nostro spirito libereremo la moschea di al-Aqsa”, è una guerra di religione. Quando i disordini sono descritti ed etichettati come jihad, è una guerra di religione. Ed è una guerra di religione quando i rivoltosi nelle città israeliane di Gerusalemme, Lod, Jaffa e Acri, tra le molte altre località, si uniscono attorno a slogan jihadisti come “Khaybar, oh ebrei di Khaybar, l’esercito di Maometto ritornerà”, evocando il massacro da parte del fondatore dell'Islam di tutti gli uomini di questa antica comunità ebraica e la schiavitù delle loro donne. Ci sono ovviamente legioni di commentatori che attribuiranno il conflitto israelo-palestinese in generale, e la crescente esplosione di violenza da parte dei cittadini arabi di Israele in particolare, a cause territoriali, nazionali, economiche, civili o legali. Tuttavia loro trascurano la causa più profonda e insormontabile del conflitto: l'assoluto rifiuto da parte dell'Islam del diritto degli ebrei alla propria sovranità.

Pogrom” By “Arab Mob” Against Jews In Lod, Israel, As Hamas Fires Several  Hundred Rockets Overnight

Nell’ ordine islamico delle cose, gli ebrei non sono considerati un Popolo, ma piuttosto membri di una comunità religiosa che deve essere ridotta (come i loro omologhi cristiani) allo stato inferiore giuridicamente e socialmente istituzionalizzato di “minoranze protette non musulmane” ( dhimmi ) sotto il dominio dell'Islam, l'unica vera religione del mondo. In quanto tali, non hanno diritto all'esistenza dell'indipendenza in nessuna parte della Palestina, anche perché questo Paese nella sua interezza è una dotazione islamica ( waqf ) che non può essere staccata dal suo legittimo posto nella Casa dell'Islam ( Dar a-Islam ). Infatti, fin dall'inizio del conflitto ebraico-palestinese, questo era stato gestito come una guerra di religione. Prima da Hajj Amin al-Husseini, leader degli arabi palestinesi dall'inizio degli anni '20 alla fine degli anni '40, che fu aiutato negli anni '30 e nella guerra del 1948 dai Fratelli Musulmani egiziani, poi dal ramo palestinese della Fratellanza: Hamas in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza e lo stesso Movimento Islamico in Israele. Dato il radicamento pervasivo dell'Islam nella società palestinese (come del resto in tutte le società mediorientali) – in età giovanile anche Yasser Arafat e la maggior parte della generazione dei fondatori dell'OLP erano membri della Fratellanza Musulmana - il riconoscimento dell'esistenza di Israele da parte delle comunità musulmane, sia all'interno di Israele che all'esterno, saranno realizzabili solo se si renderanno conto della forza schiacciante e dell'invincibilità dello Stato ebraico. Solo un Israele potente, ben organizzato, altamente determinato e militarmente invincibile può avere una possibilità di sopravvivere alle aggressioni dei suoi vicini violenti e spietati.


Mordechai Kedar è lettore di arabo e islam all' Università di Bar Ilan a Tel Aviv. Nella stessa università è direttore del Centro Studi (in formazione) su Medio Oriente e Islam. E' studioso di ideologia, politica e movimenti islamici dei paesi arabi, Siria in particolare, e analista dei media arabi.
Collabora a Informazione Corretta
In Home Page, l'archivio con tutti i suoi articoli


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT