giovedi` 29 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Giugno 1967: Gerusalemme liberata dai suoi invasori 31/05/2022
Giugno 1967: Gerusalemme liberata dai suoi invasori
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Yom Yerushalayim: Israel's Most Polarizing Holiday - Sponsored Content |  The Times of Israel

All'inizio di giugno del 1967 – 55 anni fa – gli abitanti di Gerusalemme stavano uscendo da una settimana terribile. Nasser aveva ordinato alle forze dell'Onu di andarsene dal Sinai dove esse si trovavano fin dal 1956 (con la crisi del Canale) dopo l’intervento per la crisi di Suez; aveva anche chiuso lo Stretto di Tiran alla navigazione israeliana, tagliando lo Stato ebraico fuori dal suo sbocco verso l'Africa e l'Asia, il che costituiva un casus belli in materia di diritto internazionale. Israele, che stava preparando la sua reazione, aveva fornito alla Giordania le sue rassicurazioni: questo nuovo conflitto avrebbe riguardato solo l'Egitto. In segno di buona fede, a Gerusalemme non era stata fatta alcuna preparazione particolare. Ciò non impedì al re di Giordania, esortato da Nasser ad attaccare Israele “per incontrare a metà strada l'esercito egiziano vittorioso”, di scatenare sulla città, lunedì 5 giugno, un fuoco di artiglieria di intensità senza precedenti, cogliendo completamente di sorpresa i residenti che stavano svolgendo il loro lavoro come al solito e costringendoli a correre in cerca di rifugio. Si trattava soprattutto di anziani, di donne e di bambini, poiché gli uomini validi erano stati mobilitati nei giorni precedenti. Per lunghe, lunghissime ore, tutta questa popolazione rimase rinchiusa e isolata in rifugi improvvisati, tremante al suono dei cannoni che echeggiavano di collina in collina. Ognuno di loro si ricordava bene le immagini della folla egiziana in delirio che gridava “uccidiamo gli ebrei” solo qualche giorno prima. 

Yom Yerushalayim Thoughts | Torah In Motion

Quando in quel fatidico giorno di mercoledì 7 giugno 1967, le Forze di Difesa Israeliane finalmente arrivano a Gerusalemme, non hanno quindi alcun obiettivo di conquista, ma quello di venire in aiuto della città bombardata senza pietà dai soldati giordani. Quei soldati giordani che erano già lì, loro, fin dal 1948, in violazione di ogni diritto internazionale, la legione araba dell'emiro Abdallah di Transgiordania, che aveva invaso e poi annesso Giudea, Samaria e Gerusalemme Est.  L'annessione non era stata riconosciuta dalla comunità internazionale ma l'emiro si era proclamato re di Giordania, la nuova entità così creata dall’unione tra Transgiordania e Cisgiordania. I 26.000 abitanti del quartiere ebraico della Città Vecchia di Gerusalemme dovettero fuggire; le antiche sinagoghe distrutte, il cimitero ebraico più antico del mondo, quello del Monte degli Ulivi devastato, lapidi divelte e profanate. Nulla di tutto ciò aveva commosso la coscienza del mondo e nessuno parlava di conquista e di occupazione. Non avevamo ancora scoperto la causa palestinese e inoltre quando, nel 1964, venne creata al Cairo l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, non si trattava di liberare i territori che secondo la risoluzione di spartizione sarebbero tornati ad uno Stato arabo, ossia la Cisgiordania allora occupata dalla Giordania, ma di Haifa e di Tel Aviv e dall'intero Stato ebraico. Sfortunatamente, il mondo ha una memoria corta, se non selettiva.  I libri di storia si guardano bene da evocare una verità che invece è indiscutibile.

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT