lunedi` 27 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Riflessioni su una giornalista di Al Jazeera 29/05/2022
Riflessioni su una giornalista di Al Jazeera
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Cisgiordania, la giornalista Shireen Abu Akleh uccisa con un colpo al volto  - Gazzetta del Sud
Shireen Abu Akleh

La propaganda araba, purtroppo rilanciata da troppi mezzi d’informazione occidentali, presenta la giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh, colpita da una pallottola durante uno scontro a fuoco a Jenin, tra soldati israeliani e terroristi armati, come la vittima di un omicidio deliberato e amplifica la sua campagna per demonizzare lo Stato ebraico. Eppure l'Autorità Palestinese si rifiuta tuttora di effettuare un esame balistico indipendente che determinerebbe definitivamente la provenienza del colpo. A margine di questa vicenda, è interessante sottolineare che la giornalista apparteneva alla grande famiglia dei Cristiani d'Oriente, un tempo fiorente e oggi decimata dagli stermini di Daesh e di altre correnti di estremismo islamico. “La scomparsa dei Cristiani d'Oriente è una catastrofe della civiltà” titolava Le Monde nel marzo 2021.

Secondo il quotidiano, “Al suo arrivo nel VII° secolo , l'Islam aveva adottato lo status di  dhimmi,  questa cittadinanza di second’ordine riservata agli ebrei ed ai cristiani. Sotto i califfati arabi come sotto l'impero ottomano, era preferibile far pagare loro la doppia tassa piuttosto che convertirli con la forza. … Nel 2006, Al-Qaeda in Iraq, il gruppo che avrebbe poi fondato Daesh, aveva lanciato la  fatwa ‘Uccidere un cristiano è un dovere.’  Ma, se la catastrofe è ben visibile in Siria e in Iraq, i cristiani sono minacciati ovunque. In Egitto essi vengono discriminati. E così anche nei territori di Hamas: a Gaza non ci sono quasi più cristiani.”  Oggi in quella che fu la culla del cristianesimo non ci sarebbero più di dieci o dodici milioni di cristiani. Anche questa cifra è fuorviante, poiché include i copti d'Egitto, che sono almeno otto milioni. Sebbene siano spesso presi di mira da fanatici musulmani, loro godono della protezione del regime.

Nata a Gerusalemme nel 1971, dopo la Guerra dei Sei Giorni e la riunificazione della città, Shireen Abu Akleh apparteneva a una comunità poco conosciuta, la Chiesa Greco-Melchita, formata da cristiani bizantini che si unirono alla Chiesa Cattolica nel 1724. È anche nel cimitero cattolico situato sul monte Sion che è stata sepolta la giornalista. La Chiesa Cattolica Greco-Melchita conta ancora circa 700.000 fedeli, principalmente nel Levante, cioè in Paesi relativamente risparmiati dalle devastazioni dello Stato islamico. Ricevono aiuti da un numero simile di correligionari espatriati, in particolare negli Stati Uniti. Si trovano principalmente in Libano, poco più della metà, in Siria se ne contano 170.000, in Giordania 30.000 e in Israele e nei territori palestinesi 54.000. Molti ignoravano che Shireen Abu Akleh, che aveva fatto propria la causa palestinese, fosse cristiana e l’hanno scoperto con sorpresa. Poche ore dopo la sua morte, sui social network arabi è stato registrato uno strano fenomeno: la comparsa di commenti e di video di musulmani che vietavano ai loro fratelli musulmani di implorare per lei la misericordia divina, come è tradizione in Medio Oriente. Dato che Shireen era un infedele, tale invocazione sarebbe stata vietata. Insomma, questi buoni musulmani son felici di strumentalizzare la sua morte, ma non fino al punto di trasgredire le prescrizioni del Corano relative ai Cristiani.

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT