lunedi` 16 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Quindi non ci sarebbe stato un tempio a Gerusalemme? 22/04/2022
Quindi non ci sarebbe stato un tempio a Gerusalemme?
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Jerusalem: Over 150 hurt in clashes at al-Aqsa Mosque compound - BBC News
Il Monte del Tempio a Gerusalemme

Sta succedendo qualcosa di strano in questo periodo di feste. Si sa che negli Stati Uniti c'è il motto: “In God we trust”, una professione di fede che si può tradurre in “Noi riponiamo la nostra fede in Dio.” Questo testo compare anche su tutte le banconote e su tutte le monete del Paese. La Francia, a lungo considerata la “figlia primogenita della Chiesa”, vive ancora come il resto dell'Europa, in Occidente come in Oriente, al ritmo delle grandi feste religiose – Natale e Pasqua, Pentecoste. Eppure i leader di questi Paesi ascoltano senza batter ciglio i portavoce dei movimenti terroristici Hamas e Jihad a Gaza e i rappresentanti eletti dell'Autorità Palestinese affermare che gli ebrei e l'ebraismo non hanno alcun legame con quello che chiamano il “Nobile Santuario” o la Spianata delle Moschee; secondo i seguaci di questa recente religione che è l'Islam, non ci sarebbe mai stato un tempio a Gerusalemme. Le massime autorità religiose della cristianità – cattolici, ortodossi o protestanti – senza dubbio troppo impegnate nella liturgia pasquale non sentono il bisogno di far sentire la propria voce. E’ come se nessuno avesse il coraggio di ricordare timidamente che, secondo il racconto dei Vangeli, fu invece proprio al Tempio di Gerusalemme che il bambino Gesù venne portato dai genitori per essere circonciso come vuole la fede mosaica, ed è stato ancora là che ritornò per celebrare il suo “Bar Mitzvah”, questo rito di passaggio obbligatorio per ogni giovane ebreo; ed infine che fu a Gerusalemme che venne per celebrare la Pasqua ebraica e compiere il suo destino. Solo ora, il passato ebraico di questo luogo santo turba. Turba soprattutto chi eviterebbe di affrontare la verità storica. Da tempo immemorabile gli ebrei venerano il Monte Moriah, il luogo in cui Abramo, pronto a sacrificare suo figlio Isacco, ha suggellato il patto del suo popolo con l'Onnipotente; sono stati gli ebrei a costruire un tempio in questo luogo, e che lo ricostruirono dopo la sua distruzione; Re Erode trasformò questo sito, circondando la collina originale con un gigantesco muro di contenimento, livellandola e riempiendola di materiale di riporto e creando l'attuale immensa spianata, estendendola verso Sud, dove secoli dopo verrà costruita la moschea di Al Aksa. Oggi, invece, in nome dell'Islam, agli ebrei sarebbe vietato di osare mettere piede su questa spianata costruita dai loro antenati. Vedervi un ebreo in preghiera infiammerebbe i fedeli che vengono a meditare durante il mese sacro del Ramadan – o in qualsiasi altro momento dell’anno; vedervi un ebreo passeggiarvi non sarebbe solo una violazione della santità del luogo, ma addirittura una grave violazione della libertà di culto dei fedeli musulmani. Una libertà che sembra negata agli ebrei. Così, mentre il Primo Ministro giordano dichiarava dalla tribuna del parlamento “Le mie lodi a tutti i lavoratori palestinesi e giordani che si ergono a baluardo e a quelli che lanciano pietre contro i filo-sionisti che profanano la moschea di Al-Aksa”, è lo Stato ebraico che viene richiamato a una maggiore moderazione.

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT