lunedi` 16 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Provocazione palestinese: un parziale fallimento? 19/04/2022
Provocazione palestinese: un parziale fallimento?
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Taylor Force Act: Congress's First Step in Beating Palestinian Terror |  National Review

Tutto era stato pianificato con cura. L'obiettivo era duplice. Da un lato, provocare manifestazioni di massa e tumulti a Gerusalemme in questo secondo venerdì del Ramadan, e dall'altro, farne ricadere le responsabilità su Israele mentre il Paese si preparava in raccoglimento per il tradizionale seder che celebra la festa di Pesach e la riconquistata libertà del popolo ebraico. Come sappiamo, il modo migliore per raggiungere questi due obiettivi è spingere le forze di sicurezza a intervenire sul Monte Moriah: la Spianata del Tempio per gli ebrei e la Spianata delle Moschee per i musulmani. Così, prima di tutto, dei “giovani” – prudentemente incappucciati – hanno ammucchiato pietre, assi e sbarre di ferro all'interno della moschea di Al Aqsa, essendo il termine di luogo santo abbastanza elastico da non creare problemi; successivamente tirano una pioggia di pietre sui fedeli ebrei che pregano davanti al Muro del Pianto sottostante. Come previsto, i poliziotti israeliani arrivano sul Monte per arrestarli; come previsto, vengono ricevuti da un diluvio di proiettili di ogni tipo. Violenti tafferugli. Rinforzi della polizia. Feriti da una parte e dall’altra.  Arresti. Il tutto trasmesso quasi in diretta dai social network arabi, con un sottofondo di canti di guerra. A Gaza, Hamas e la Jihad islamica si strangolano per l’indignazione e fanno a gara nelle minacce; a Ramallah, il Primo Ministro palestinese si dichiara inorridito nel vedere gli ebrei “lordare con i loro piedi” la santa spianata. Un'espressione alquanto razzista se non antisemita.  Probabilmente si son dimenticati di dirgli che furono gli ebrei a costruire la suddetta spianata. Certo, è stato molto tempo fa.

Palestinian terrorism Images, Stock Photos & Vectors | Shutterstock

L'Arabia Saudita, custode dei luoghi sacri dell'Islam, condanna, lo stesso fa l'Egitto. Insomma, una provocazione riuscita? Non è certo. È che la reazione delle cancellerie occidentali tarda ad arrivare. A questo proposito, ci sono due ragioni per questa insolita cautela. Innanzitutto la polizia israeliana, dimostrando notevole efficienza, ha prontamente evacuato i manifestanti, tanto che la spianata ha ritrovato la calma in tempo per accogliere le decine di migliaia di fedeli accorsi a pregare. Ma non è tutto. Avendo per una volta imparato la lezione di eventi di questo tipo, le autorità israeliane trasmettono in tempo reale le immagini di quanto stava accadendo. Non si vedono dei fedeli pacifici disturbati mentre sono assorti nelle loro preghiere come affermano i loro sostenitori. Al contrario, si vede chiaramente la violenza dei manifestanti, le barricate preparate in anticipo, le pietre sparse sulla spianata. Così gli Stati Uniti sono i primi a rendere pubbliche le loro conclusioni: lungi dal puntare il dito contro lo Stato ebraico, invitano “entrambe le parti” a mostrare moderazione. Presto sono seguiti da quattro grandi capitali europee, tra cui quelle di Francia e Germania: anche loro invitano entrambe le parti a dar prova di autocontrollo. In Israele avremmo preferito una ferma condanna della provocazione palestinese, ma non bisogna sognare, dunque ci dichiariamo soddisfatti.

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT