mercoledi` 08 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Ipocrisia e spie informatiche 10/11/2021
Ipocrisia e spie informatiche
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Spyware: cosa sono, come si diffondono e come eliminarli - Cyber Security  360

Si parla molto di spyware in questi giorni. Va detto che il nome stesso è tutto un programma. Le spie non hanno una buona reputazione. Perseguite dalla giustizia o da altre spie, spesso vanno incontro ad un orribile destino. Lo spyware, questa cimice che si introduce di nascosto nel tuo telefono o nel tuo computer, lui agisce alla luce del sole. Digita sul tuo browser “Scegli uno spyware per il telefono”, sarà molto istruttivo. Sono disponibili decine e decine di modelli con le loro specifiche e relativi vantaggi e naturalmente il sito web dell'azienda che li commercializza. “Lo spyware può essere utilizzato in numerosi casi, ci spiega ingenuamente un opinionista. In primo luogo, viene utilizzato per sorvegliare le azioni dei suoi familiari, in particolare quelle dei bambini.” Insomma, finché si tratta di controllare cosa fanno i figli, i mariti o le mogli, sembra che questo prezioso spyware possa essere utilizzato legalmente. Ovviamente, essendo la natura umana quella che è, ci sono purtroppo individui che se ne servono per scopi meno dichiarati, come spiare i concorrenti… Se non si sa a cosa serve, non si compra, ovviamente, e a nessuno verrebbe in mente di incolpare i virtuosi distributori di software per l'uso che ne viene fatto da questi individui.  

Ma per quanto riguarda gli Stati? Quanti di loro possono affermare di utilizzare questo tipo di metodo solo per difendersi, come ci spiegano, contro il terrorismo, compreso il terrorismo domestico, i narcotrafficanti o per assicurarsi che i loro vicini non li spiino? Sappiamo che la Russia dispone di un software antivirus all’avanguardia di cui gli Stati Uniti hanno vietato l'uso, con il sospetto che venga utilizzato per lo spionaggio economico. Tutto suggerisce che l'America abbia i suoi software e che le agenzie ufficiali come la CIA e l'FBI ne facciano ampio uso. In effetti Washington ha dovuto scusarsi per aver spiato il telefono della Cancelliera tedesca Angela Merkel. Non il suo telefono di servizio, ma il suo cellulare privato. La Cina, l'Iran e i principali Paesi dell'Europa occidentale non sono certamente da meno. Le nazioni che non hanno i mezzi, o il know-how per avere un proprio software, se lo cercheranno invece sul mercato. Secondo il Carnegie Center for Peace, non meno di sessantacinque governi di tutto il mondo, dal Cile al Vietnam, hanno acquistato degli spyware venduti in commercio. Tutti si impegnano, mano sul cuore, a rispettare il codice di buona condotta imposta dal venditore. Se non si sa a cosa serve, non si compra, ovviamente, ma questa volta in caso di abuso si è molto più tentati di condannare il suddetto venditore e non l'utilizzatore. L'abbiamo visto di recente. I telefoni di funzionari francesi sono stati spiati da “qualcuno” in Marocco? Il Presidente francese ha avuto uno scambio cortese con le autorità di quel Paese prima di prendere il telefono per fare una vigorosa lezione al Primo Ministro israeliano sulla base del fatto che il software che il Marocco avrebbe utilizzato era stato acquistato in Israele.

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT