lunedi` 02 agosto 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Onu criminalizza ancora Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Netanyahu: è solo un arrivederci? 15/06/2021
Netanyahu: è solo un arrivederci?
Analisi di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)



Naftali Bennett, Yair Lapid

Benjamin Netanyahu, che è stato Primo Ministro dello Stato di Israele per dodici anni consecutivi e che è ancora oggi, con trenta deputati, a capo del più grande raggruppamento della Knesset, ha ceduto ieri il suo seggio a Naftali Bennett. Con sette deputati, quest'ultimo è alla guida di un governo eterogeneo che potremmo dire nato dal matrimonio tra la carpa e il coniglio. Il “regno” del cosiddetto “Re Bibi” era stato comunque costellato da successi. In campo economico ha reso verdi di gelosia i Paesi dell’OCSE; ha realizzato un formidabile lavoro di costruzione di strade e opere di ingegneria civile che hanno trasformato il paesaggio di Israele; è suo il colpo di genio che ha assicurato agli israeliani vaccini sufficienti contro il Covid 19 per sconfiggere praticamente il coronavirus: da oggi, martedì 15 giugno, indossare la mascherina negli ambienti chiusi non è più obbligatorio e vengono così rimosse le ultime restrizioni imposte dalla pandemia, mentre l'Europa sta ancora lottando per riuscire ad arginare il flagello.

Israel Parliament Set To Vote On Anti Benjamin Netanyahu Government
Benjamin Netanyahu

Anche a livello internazionale i suoi successi non sono stati meno brillanti. Riconoscimento da parte degli Stati Uniti della sovranità di Israele sul Golan e soprattutto di Gerusalemme come capitale di Israele, e il concomitante trasferimento dell'ambasciata in questa città; sotto l'egida del Presidente Trump, la firma degli Accordi di Abramo, che hanno sfatato il mito secondo cui, solo la soluzione del problema palestinese avrebbe reso possibile l'instaurazione di relazioni diplomatiche tra lo Stato ebraico e i Paesi del mondo islamico (mito già crollato con i trattati di pace con Egitto e Giordania). E poi non dobbiamo dimenticare le gesta, a dir poco, titaniche dei servizi segreti israeliani. Insomma, un ritratto da far andare in visibilio. Come spiegare allora la caduta di questo uomo politico così esperto? L'usura del potere? L'ostilità delle “élite” del Paese, in maggioranza appartenenti al centro, se non alla sinistra, nei confronti del partito Likud, presentato spesso come populista se non ignorante? Un'ostilità trasmessa da molti media, mentre dei programmi satirici si divertivano a prendere in giro il Presidente del Consiglio e i principali deputati del suo governo? Senza dubbio. Ma bisogna essere obiettivi e affrontare la dura realtà. Benjamin Netanyahu non sapeva, o non voleva, prepararsi alla successione, preferendo sbarazzarsi di eventuali rivali il più rapidamente possibile, di solito senza mezzi termini. Naftali Bennett, Yair Lapid, Lieberman, Gideon Saar hanno tutti servito come ministri in uno o nell'altro dei suoi governi prima di essere esclusi o espulsi, e troppo spesso sono stati sostituiti da personalità di secondo piano. La tradizionale alleanza del Likud con i partiti religiosi ha conferito loro un peso sempre più crescente, sempre meno sostenuta da ampi segmenti della popolazione.

Gli eccessi della frangia estremista della destra hanno poi portato all’esasperazione. A ciò si deve aggiungere l'atteggiamento da parte del Presidente del Consiglio, a chiudersi nella cerchia famigliare con sua moglie e suo figlio: lei è stata oggetto di critiche e poi di accuse, che hanno offuscato la sua immagine. “Noi torneremo”, ha detto ieri davanti a una Knesset burrascosa. È mai possibile un suo ritorno? Gode ​​ancora di una popolarità eccezionale: il suo partito ha vinto trenta seggi alle ultime elezioni nonostante i problemi sopra citati e, secondo i sondaggi, il 27% degli israeliani pensa che sia il più qualificato per guidare il governo, molto più di Bennett e dei suoi alleati. Il nuovo governo che riunisce un'incredibile schiera di partiti, dall'estrema sinistra all'estrema destra - Bennett e Saar sono più a destra di Netanyahu - insieme a un partito arabo, potrebbe non reggere. Resta da vedere se, in caso di nuove elezioni, “il re Bibi” sarà ancora alla guida del Likud, dove sono già in lizza dei candidati importanti che tentano il tutto per tutto pur di detronizzarlo.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT