martedi` 22 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa è parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Giorno del ricordo e accordo nucleare 10/04/2021
Giorno del ricordo e accordo nucleare
Analisi di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)



Capita che l’attualità ci riservi delle piccole ironie. Questa settimana, i rappresentanti dell'Unione Europea riuniti a Vienna, in Austria, hanno raddoppiato i loro sforzi per convincere gli Stati Uniti ad alleggerire le loro sanzioni al fine di convincere l'Iran a tornare all'accordo sul nucleare. Nel frattempo in Israele si commemorava il ricordo dei sei milioni di ebrei brutalmente assassinati dall'impresa nazista. Proprio quando, forse per l'ultima volta, si ascoltava la testimonianza di coloro che sono sopravvissuti all'inferno, al fervente “mai più” che echeggiava a Gerusalemme rispondevano delle minacce tanto chiare quanto precise dall'Iran. Questo Paese non nasconde il suo desiderio di cancellare lo Stato ebraico dalla faccia della terra e sta compiendo notevoli sforzi sia tramite i Guardiani della Rivoluzione sia grazie agli Hezbollah libanesi, un movimento terroristico che in cambio dei suoi finanziamenti addestra i militanti. E’ noto che Teheran non perde occasione di affermare che la Shoah è un'invenzione degli ebrei, rendendoli talvolta anche responsabili della pandemia. Gli Ayatollah non esitano ad accusare gli ebrei d’incoraggiare deliberatamente l’utilizzo di vaccini Covid “poco sicuri”, quegli stessi vaccini con cui Israele ha vaccinato la sua popolazione. Nel 2020, la pandemia ha comportato l’annullamento del concorso annuale di caricature antisemite organizzato a Teheran. Tutto ciò - per non parlare delle violazioni dei diritti umani - non impedisce all'Europa di corteggiare questo enorme mercato.

Josef Borrel, l’allora Ministro spagnolo degli Affari esteri, a proposito delle minacce iraniane a Israele, non ha detto forse che lui “ci potrebbe convivere”? Borrel oggi è responsabile della politica estera di tutta l'Unione Europea. È vero che, come ha ricordato il 7 aprile a Gerusalemme uno dei partecipanti alla cerimonia del Giorno del ricordo, 27 Paesi europei hanno contribuito attivamente o passivamente alla politica di sterminio di Hitler; sappiamo perfettamente che in questi Paesi solo un’infima minoranza di “Giusti” ha rischiato la vita per prestare aiuto ai loro connazionali ebrei. Sempre il 7 aprile, gli Stati Uniti, voltando le spalle alla politica di Donald Trump, hanno annunciato che avrebbero ripreso a versare i loro contributi all'UNRWA. Eppure, sappiamo che persino l'Unione Europea ha più volte puntato il dito contro i libri di scuola di questa istituzione, che insegnano non solo l'odio per Israele, ma anche un antisemitismo esacerbato. Va detto che all'interno del Partito Democratico oggi al potere in America, c’è un certo numero di sostenitori del movimento BDS che si appella alla distruzione di Israele e fa fatica a nascondere il suo antisemitismo. In molti campus americani, gli studenti ebrei sono vittime di insulti e intimidazioni senza che le autorità universitarie intervengano.  ​​In Francia, non siamo ancora a questo punto, malgrado l'aumento degli “incidenti” nelle università e delle “inciviltà” nelle strade. Piccolo barlume di speranza in questo quadro cupo, la presa di coscienza di cos’è stata la Shoah nei Paesi del Golfo. Per la prima volta nella storia, in Bahrein e negli Emirati Arabi, personalità arabe si sono unite alle piccole comunità ebraiche locali per commemorazioni che hanno quasi assunto un aspetto ufficiale.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT