mercoledi` 13 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Ugo Volli
Cartoline
<< torna all'indice della rubrica
Excusatio non petita, o della 'stabilità' dell'Unrwa 22/10/2013

Excusatio non petita, o della "stabilità" dell'Unrwa
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Cari amici,

se è permesso esserlo in questi tempi piuttosto grigi, sono molto contento. Perché, mi chiederete. Mah, non succede tutti i giorni che quella che poteva sembrare una mania, un'ossessione, una fissazione - di Informazione Corretta e mia personale - venga confermata dall'alto delle istituzioni rappresentative del nostro paese. Qual è la mania? Ha un nome difficile da pronunciare e una missione altrettanto difficile da comprendere, ma val la pena di pensarci. Permettetemi di citare una cartolina che vi ho scritto due anni e mezzo fa, il 13 luglio del 2011 (http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=40563 ):

" L'agenzia si chiama UNRWA (United Nations Relief and Works Agency), è distinta dalla normale agenzia per i rifugiati (UNHCR) perché si occupa solo dei palestinesi e dal loro status di profughi dipendono l'entità del suo staff e tutti i consueti privilegi burocratici che sono attribuiti ai funzionari in missione. L' UNRWA è stata largamente complice dei giochi sporchi del terrorismo, ha molti membri attivi delle milizie di Hamas a busta paga (http://www.aish.com/jw/mo/48945166.html), ha appoggiato in molti modi la "resistenza" dei terroristi (http://www.jewishpolicycenter.org/53/how-unrwa-supports-hamas), ha dichiarato durante l'operazione "Piombo fuso" che era stata colpita una sua scuola, che peraltro era stata trasformata in un centro di coordinamento di Hamas (http://idfspokesperson.com/2009/01/06/hamas-operatives-killed-in-unrwa-school-6-jan-2009/), mentre poi venne fuori che l'edificio non era stato toccato dai bombardamenti (http://en.wikipedia.org/wiki/Al-Fakhura_school_incident), ecc. Soprattutto dipende così tanto dai suoi assistiti, che non può neppure cambiare il suo nome. Di recente l'Unrwa ha cercato di diventare UNPR (“UN agency for Palestinian refugees”) che è più chiaro e preciso. Ma Hamas ha deciso che ogni cambiamento anche solo di nome era svantaggioso, ha organizzato un paio di manifestazioni mediamente violente di fronte al quartier generale di Gaza, e il piano è rientrato (http://www.secondoprotocollo.org/?p=3274).

"In realtà è evidente che c'è una dipendenza reciproca e un reciproco vantaggio. Basta rivendicare un cugino che afferma di essere emigrato da Israele nel '48 o dopo per diventare profugo. E non importa se i "profughi" non sono andati all'estero, ma si sono fermati in "Palestina" (dove peraltro le località edificate per ospitarli, che sono regolari quartieri e città "palestinesi" sono chiamate "campi profughi"). Naturalmente costoro hanno la "cittadinanza palestinese", non sono apolidi, ma cittadini dell'Autorità Palestinese (come se io, essendo venuto ad abitare da Trieste a Milano una quarantina d'anni fa, volessi definirmi "profugo italiano"...) Togliendo dall'elenco i "profughi palestinesi in Palestina" e i "profughi palestinesi in Giordania" (che, ricordiamolo, è una parte del mandato palestinese assegnato dai trattati internazionali dopo la Prima Guerra Mondiale alla Gran Bretagna perché ne facesse la "Jewish home", il "focolare ebraico" della dichiarazione Balfour ed è in maggioranza abitato da palestinesi, con una regina palestinese, deputati palestinesi ecc.), risulta che almeno l'ottanta per cento dei "profughi" ha tanto diritto a dirsi tali quanto io a dirmi profugo  austriaco, ungherese, croato, o ucraino o polacco o... italiano (http://elderofziyon.blogspot.com/2011/06/80-of-palarab-refugees-have-citizenship.html)."

Se volete documentarvi di più sul rtapporto fra profughi e Unrwa vi consiglio quest'altro articolo di Mordechai Kedar: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=41938 o quest'altro mio, che ne discute il funzionamento economico: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=44687; o, se preferite, la sintesi di Daniel Pipes (http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=215&sez=120&id=43524 ). Informazione Corretta ha dedicato all'argomento addirittura uno dei suoi dossier, che potete trovare qui: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=49378 . Il risultato di queste analisi è sempre lo stesso: un carrozzone burocratico incredibile, che serve non a risolvere con l'integrazione ma a perpetuare il problema dei profughi, rendendone ereditaria la condizione (il che non accade per tutti gli altri profughi del mondo che sono assistiti da un'altra agenzia dell'Onu ben più funzionale, l'UNHCR). Dato che l'Unrwa ha interesse alla continuazione indefinita dello statuto dei profughi, da cui dipende il suo budget, non solo non si occupa dei profughi ebrei dai Paesi arabi, che nel frattempo si sono integrati, ma dovrebbero rientrare comunque nella sua competenza, ma è attivamente complice del progetto palestinista, spesso si lascia usare come copertura del terrorismo.

Se siete interessati a episodi più simbolici, vi consiglio di dare solo un'occhiata alla foto riportata qui sopra, dove si vede il direttore locale dell'Unrwa, una diplomatica svedese di lungo corso, che alla fine di un incontro ufficiale a un campo profughi del Libano si è fatta ritrarre tenendo in mano una cartina della "Palestina" che comprende tutto il territorio israeliano attuale, da Acco a Eilat, da Gerusalemme a Tel Aviv, portando anche una vezzosa borsetta con il disegno della kefia in cui è inquadrata una foto della moschea sul Monte del Tempio a Gerusalemme: insomma la piena espressione di come un'agenzia dell'Onu in teoria neutrale, condivida pienamente il progetto massimo palestinese di distruzione di Israele (che significa esplicitamente, secondo il loro programma il genocidio o almeno la pulizia etnica di tutti gli ebrei da quelle terre). Nessuna meraviglia dunque che ci siano dei dipendenti dell'Unrwa che prendono sì lo stipendio dall'agenzia, ma che di mestiere vero facciano i terroristi per Hamas ( http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=120&id=35883 ), per cui del resto il suo direttore Grandi fa direttamente propaganda, quando può ( http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=99&sez=110&id=39666 ).  Su questo punto si potrebbe andare avanti a lungo, per esempio raccontando quel che i libri di testo delle scuole dell'Unrwa dicono e non dicono sulla Shoà sugli ebrei e su Israele (http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/142661), ma credo che abbiate chiaro di che si tratta: una costosissima macchina burocratica, perennemente in via di fallimento perché spende sempre sopra i propri mezzi, che ha come effetto, non importa quanto consapevole, quello di prolungare la guerra e agevolare il terrorismo.

Come vedete noi di Informazione Corretta ne parliamo spesso, perché è davvero una pietra dello scandalo, una delle prove più chiare del pregiudizio e della lotta contro Israele della "comunità internazionale". Oggi però siamo contenti, perché si è saputo che la Camera dei deputati italiana ha organizzato un convegno sull'Unrwa: sarà forse che in tempi di magra ci si decide a riesaminare lo spreco dei fondi che l'Italia butta in questo pozzo di San Patrizio?  Be', forse no. Vi riporto qui sotto il comunicato stampa:

"(AGENPARL) - Roma, 21 ott - In occasione della visita in Italia del Commissario generale dell’UNRWA, Filippo Grandi, giovedì 24 ottobre, alle ore 15, presso la Sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio, la Camera dei deputati promuove un incontro sulle attività dell’Agenzia e sulle condizioni di vita dei rifugiati palestinesi nella regione mediorientale. Il Convegno, dal titolo “Un importante attore per la stabilità della regione - L’Agenzia Onu per i rifugiati palestinesi nel Medio Oriente di oggi”, sarà aperto dalla Presidente della Camera, Laura Boldrini. Interverranno Filippo Grandi, Commissario generale Agenzia Nazioni Unite per l’assistenza ai rifugiati palestinesi, UNRWA, YasmeenRabah, studentessa universitaria, London School of Economicsand Political Science, Fabrizio Cicchitto, Presidente Commissione Esteri Camera, Mario Marazziti, Presidente Comitato Diritti umani Camera. Concluderà Lapo Pistelli, Vice Ministro Affari esteri. Moderatrice, Tana De Zulueta, Presidente Comitato italiano UNRWA."
(http://www.agenparl.it/articoli/news/politica/20131021-camera-boldrini-apre-convegno-su-attivita-unrwa ).


Laura Boldrini   Lapo Pistelli         Tana de Zulueta

Più che una discussione, sarà un'esaltazione, un monumento. E si capisce bene, dato che Boldrini ha fatto carriera nella burocrazia dell'Onu e naturalmente è legata a questo ambiente. Aggiungeteci l'immancabile palestinese, un deputato del PD notoriamente terzomondista e antisraeliano come Pistelli, un altro deputato, Marazziti, che nel suo curriculum ha una grande lode (http://cerca.unita.it/ARCHIVE/xml/45000/42169.xml?key=Mario&first=311&orderby=0&f=fir) dell'inviato della Rai Riccardo Cristiano, datato 2002, poco più di un anno dopo la sua vergognosa denuncia dei colleghi che si erano permnessi di documentare il linciaggio palestinese di due israeliani a Ramallah (http://www.focusonisrael.org/2008/12/07/riccardo-cristiano-una-storia-che-e-bene-non-dimenticare/ ). Tana de Zulueta, che presiede, è nota per la sua partecipazione a manifestazioni antisraeliane (http://cerca.unita.it/ARCHIVE/xml/85000/82444.xml?key=bella+ciao&first=171&orderby=0 ), per aver firmato interrogazioni contro Israele da parlamentare (http://www.tanadezulueta.it/html/modules/wfsection/article.php?articleid=20 http://www.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2001/08/29/Politica/MO-SALVI-DE-ZULUETA-ITALIA-CHIEDA-RITIRO-TRUPPE-ISRAELE_174000.php ), per aver ospitato nel suo blog tirate contro Israele (http://www.tanadezulueta.it/html/modules/sections/index.php?op=viewarticle&artid=371 ). Del resto, essendo presidente dell'associazione italiana di appoggio all'Unrwa, è difficile attendersi da lei un approccio critico. Unica voce potenzialmente dissenziente in questa compagnia che canta la stessa canzone è Fabrizio Cicchitto, che ha avuto sempre posizioni diverse su Israele, ma la cui presenza in questo caso sembra puramente cerimoniale.

Non mi attendo dunque una discussione vera, anche se qualcuno magari vorrà andare alla cerimonia e alzare la mano per chiedere a Grandi ragione degli atteggiamenti antisraeliani della sua agenzia, dell'appoggio ai terroristi di Hamas, della bizzarria di uno statuto di profugo che dura da quasi settant'anni ed è fatto ereditare a nipoti e pronipoti di quelli che se ne anbdarono da Israele e magari oggi risiedono in un territorio che si definisce stato palestinese. Ma sono contento. Perché questa manifestazione, con quel titolo che allude all'immobilismo della crisi (“Un importante attore per la stabilità della regione") somiglia molto al classico caso di excusatio non petita. Il mondo si sta rendendo conto che l'Unrwa è un fattore del problema del conflitto palestinese , non della soluzione. Ed è un fattore costoso e dannoso. Magari questo verrà fuori anche a Montecitorio, dopodomani, nonostante i buoni uffici della vecchia collega Boldrini, o forse proprio per questo.

 Ugo Volli


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT