martedi` 12 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
06.08.2010 All'UNRWA i terroristi di Hamas sono i benvenuti
Chissà come mai la cosa non stupisce

Testata: Il Foglio
Data: 06 agosto 2010
Pagina: 3
Autore: La redazione del Foglio
Titolo: «Di giorno insegnanti dell’Onu, di notte capi militari di Hamas»

Riportiamo dal FOGLIO di oggi, 06/08/2010, a pag. 3, l'articolo dal titolo " Di giorno insegnanti dell’Onu, di notte capi militari di Hamas ".

La scoperta che uno dei capi di Hamas fosse anche dipendente dell'UNRWA non stupisce più di tanto. Per saperne di più sull'UNRWA e sui suoi scopi reali, cliccare sul link sottostante:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=100&id=33081

Roma. Di giorno insegnante premuroso per le Nazioni Unite, di notte comandante militare di Hamas. Il caso di Issa al Batran rischia di gettare ulteriore discredito sull’agenzia Onu per i rifugiati palestinesi, la Unrwa. Batran è stato ucciso cinque giorni fa dall’aviazione israeliana. Gerusalemme ha annunciato che il capo di Hamas era ai vertici del braccio militare del movimento islamico nel centro della Striscia di Gaza e il responsabile della fabbricazione di razzi Qassam lanciati sui kibbutz israeliani. Batran insegnava alla scuola dell’Onu ad al Bureij, un campo profughi nella Striscia di Gaza. Ci ha insegnato fino al gennaio del 2009, quando Israele ha lanciato l’operazione “Piombo Fuso” contro Hamas. Forse anche dopo. Il suo codice Unrwa era il “2Z9558”. A dirigere l’agenzia Onu nei prossimi tre anni sarà un italiano, Filippo Grandi, nominato a gennaio. In un’intervista al Manifesto lo scorso aprile, Grandi aveva replicato così alle accuse che terroristi islamici lavorassero per l’agenzia: “Sono accuse totalmente false, tutti i nostri dipendenti hanno l’obbligo della neutralità”. Purtroppo il caso Batran non è unico nella storia dell’agenzia. Nell’ottobre 2004 l’allora Commissario Generale dell’Unrwa Peter Hansen ammise pubblicamente per la prima volta che membri di Hamas erano pagati dall’Unrwa, aggiungendo “Non mi sembra un crimine. Hamas come organizzazione politica non significa che ogni membro sia un militante, e noi non facciamo controlli politici e non escludiamo nessuno, di qualunque convinzione sia”. Fra i più noti c’è il caso di Awad al Qiq, che aveva alle spalle una lunga carriera come insegnante di scienze in una scuola Unrwa. Ma anche il principale fabbricatore di bombe per la Jihad Islamica. Rimase ucciso nel maggio 2008 mentre supervisionava un laboratorio dove si costruivano missili. Qiq era il capo dell’“unità di ingegneri” di Hamas e un suo poster a lungo è rimasto appeso nelle aule della Rafah Prep Boys School, anche questa gestita dalla Unrwa. C’è stato il caso del dipendente Unrwa Nahed Rashid Ahmed Atallah, che era solito usare un veicolo Onu per trasportare terroristi e armi e che aveva utilizzato il suo lasciapassare per attraversare i confini con Egitto, Siria e Libano per prendere contatti con membri del Fronte Popolare palestinese, dai quali riceveva fondi e armi. Tra gli esempi noti anche quello di Mohammed Ali Hassan, che usava un edificio Unrwa a Nablus per immagazzinare armi e fare esercitazioni di tiro. Nidal Nazal è l’autista di ambulanze dell’Unrwa che ha rivelato d’aver usato la sua ambulanza per trasportare terroristi impegnati nella preparazione di attentati Un altro insegnante della Unrwa era Said Sayyam, ministro dell’Interno di Hamas ucciso dall’aviazione israeliana nel 2009, imam nelle moschee più fondamentaliste di Gaza, teorizzatore dei rapimenti dei soldati israeliani e islamista che aveva imposto alle donne l’uso del velo islamico negli edifici governativi. Noto per la sua ferocia con i militanti di Fatah accusati di “collaborazionismo”, Sayyam era anche indicato dagli Stati Uniti come il responsabile dell’uccisione di funzionari americani nei Territori palestinesi. Un’inchiesta del 2003 rivelò che uno dei dirigenti del sistema educativo Unrwa a Gaza, Suheil al- Hindi, durante le lezioni glorificava le operazioni suicide contro Israele. Hamas domina le strutture Unrwa dal 1990. Il 15 maggio 2008, per il sessantesimo anniversario d’Israele, il personale Unrwa ha organizzato la giornata della “catastrofe” (dall’arabo Naqba), il termine con cui i palestinesi indicano la nascita d’Israele. Durante l’evento Amir al Misehal, a capo dei servizi civili della Unrwa, disse che “ciò che ci è stato preso con la forza verrà ripreso dalla forza”. Al suo fianco c’era l’allora commissario generale Unrwa, Karen Abu Zayed. Non conduceva una doppia vita Nafez Suliman Abed al Rahman al Ja’ab, direttore delle scuole della Unrwa a Rafah. Nota a tutti è la sua pubblicistica “contro i nemici di Allah, gli ebrei”.

Per inviare la propria opinione al Foglio, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT