lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
13.07.2011 Profugo anch'io
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 13 luglio 2011
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Profugo anch'io»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Profugo anch'io

Il mondo che non c'è più, shtetl anni '30

Cari amici,

vi devo confessare un dubbio. Non so bene se diventare austriaco, ungherese croato, o ucraino o polacco. Dovete sapere che mio bisnonno, circa 130 fa, lasciò uno sthetl, un villaggio abitato prevalentemente da ebrei nelle montagne della Galizia, che allora era Austria-Ungheria. Se ne andò per ragioni economiche, suppongo, ma i pogrom ebbero la loro parte. Si fermò a Vienna, poi si sposò a Fiume e finalmente approdò a Trieste, immagino sempre spinto dal bisogno di sicurezza economica e sociale. La famiglia di mia madre, invece, venne a Trieste alla vigilia della Shoà da una città della Polonia orientale e poi si trasferì in Israele. Dopo la guerra mia madre tornò in Italia, ritrovò mio padre ed eccomi qua. Anche se sono italiano e contento di esserlo, credo di aver diritti di essere annoverato fra i profughi polacchi e magari anche fra quelli dei successivi stati che furono padroni della Galizia (oggi è Ucraina). Non pensate che io abbia diritto a queste cittadinanze? Dite che è passato troppo tempo? Be', perché io no e i "palestinesi" sì?

Oggi vi sono ufficialmente 4,8 milioni di "profughi" palestinesi (http://it.wikipedia.org/wiki/Palestina), anche se 63 anni fa se ne andarono dal territorio israeliano circa 600-700 mila arabi (e 800 mila ebrei furono costretti a emigrare dai paesi arabi). Come sono diventati così tanti? E' semplice, ci sono due ragioni: la prima è che i generosi paesi arabi non hanno mai voluto integrare i fratelli palestinesi nella loro cittadinanza, ma li hanno in tutti i modi discriminati e rinchiusi; secondo, c'è un'agenzia dell'Onu che li assiste e ottiene contributi in proporzione al loro numero. L'agenzia si chiama UNRWA (United Nations Relief and Works Agency), è distinta dalla normale agenzia per i rifugiati (UNHCR) perché si occupa solo dei palestinesi e dal loro status di profughi dipendono l'entità del suo staff e tutti i consueti privilegi burocratici che sono attribuiti ai funzionari in missione. L' UNRWA è stata largamente complice dei giochi sporchi del terrorismo, ha molti membri attivi delle milizie di Hamas a busta paga (http://www.aish.com/jw/mo/48945166.html), ha appoggiato in molti modi la "resistenza" dei terroristi (http://www.jewishpolicycenter.org/53/how-unrwa-supports-hamas), ha dichiarato durante l'operazione "Piombo fuso" che era stata colpita una sua scuola, che peraltro era stata trasformata in un centro di coordinamento di Hamas (http://idfspokesperson.com/2009/01/06/hamas-operatives-killed-in-unrwa-school-6-jan-2009/), mentre poi venne fuori che l'edificio non era stato toccato dai bombardamenti (http://en.wikipedia.org/wiki/Al-Fakhura_school_incident), ecc. Soprattutto dipende così tanto dai suoi assistiti, che non può neppure cambiare il suo nome. Di recente l'Unrwa ha cercato di diventare UNPR (“UN agency for Palestinian refugees”) che è più chiaro e preciso. Ma Hamas ha deciso che ogni cambiamento anche solo di nome era svantaggioso, ha organizzato un paio di manifestazioni mediamente violente di fronte al quartier generale di Gaza, e il piano è rientrato (http://www.secondoprotocollo.org/?p=3274).

In realtà è evidente che c'è una dipendenza reciproca e un reciproco vantaggio. Basta rivendicare un cugino che afferma di essere emigrato da Israele nel '48 o dopo per diventare profugo. E non importa se i "profughi" non sono andati all'estero, ma si sono fermati in "Palestina" (dove peraltro le località edificate per ospitarli, che sono regolari quartieri e città "palestinesi" sono chiamate "campi profughi"). Naturalmente costoro hanno la "cittadinanza palestinese", non sono apolidi, ma cittadini dell'Autorità Palestinese. Come se io, essendo venuto ad abitare da Trieste a Milano una quarantina d'anni fa, volessi definirmi "profugo italiano"...) Togliendo dall'elenco i "profughi palestinesi in Palestina" e i "profughi palestinesi in Giordania" (che, ricordiamolo, è una parte del mandato palestinese assegnato dai trattati internazionali dopo la Prima Guerra Mondiale alla Gran Bretagna perché ne facesse la "Jewish home", il "focolare ebraico" della dichiarazione Balfour ed è in maggioranza abitato da palestinesi, con una regina palestinese, deputati palestinesi ecc.), risulta che almeno l'ottanta per cento dei "profughi" ha tanto diritto a dirsi tali quanto io a dirmi profugo  austriaco, ungherese croato, o ucraino o polacco o... italiano (http://elderofziyon.blogspot.com/2011/06/80-of-palarab-refugees-have-citizenship.html).

Ma a me nessuno assegna un "diritto del ritorno" assistito in Galizia o in Polonia (e nemmeno a Trieste, se è per quello, se voglio tornarci devo trovarmi una casa...). Che vi devo dire, il mondo è fatto così, ci sono quelli che hanno tutte le ragioni (politiche e mediatiche) e quelli che non ne hanno. Che volete, penso che resterò italiano... O magari prima o poi farò anch'io il mio rientro in Israele (pardon, "Palestina occupata"). Alla faccia dell'UNRWA.

Ugo Volli


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT