sabato 31 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale - it.danielpipes.org Rassegna Stampa
04.07.2012 Iran tra nucleare e accuse a Israele
commento di Fiamma Nirenstein, analisi di Daniel Pipes

Testata:Il Giornale - it.danielpipes.org
Autore: Fiamma Nirenstein - Daniel Pipes
Titolo: «Iran, ultima follia con plauso Onu: La droga è ebrea - Dopo un attacco israeliano contro l'Iran...»

Riportiamo dal GIORNALE di oggi, 04/07/2012, a pag. 13, l'articolo di Fiamma Nirenstein dal titolo " Iran, ultima follia con plauso Onu: «La droga è ebrea» ". Da IT.DANIELPIPES.ORG, l'articolo di Daniel Pipes dal titolo " Dopo un attacco israeliano contro l'Iran... ".
Ecco i pezzi:

Il GIORNALE - Fiamma Nirenstein : " Iran, ultima follia con plauso Onu: «La droga è ebrea» "


Fiamma Nirenstein, Mohammad Reza Rahimi

Alle volte si cerca di creder­ci, l’Iran la smetterà con questa mania atomica, non sarà pazzo come sembra, ve­drai che alla fine ci stanno a smette­re di arricchire l’uranio. Invece no, il timore che il regime iraniano sia patologico e pericoloso ci viene sempre confermato. Ultimo episo­dio: una settimana fa si è riunita a Teheran la conferenza internazio­nale dell’Onu contro la droga. Il vi­ce presidente Mohammad Reza Rahimi ha detto che la chiave per comprendere la diffusione della droga è tutta negli ebrei e nell’ebrai­smo. È un dictat ordinato dal Tal­mud, dice il colto Rahimi, che inse­gna a distruggere chiunque non sia ebreo. Rahimi ha dunque pro­messo una taglia in denaro del suo governo per chiunque troverà an­che un solo ebreo drogato. Non esi­stono perché devono drogare tutti gli altri. Nelle more di questa attivi­tà, dice Rahimi che lui sa che i gine­cologi ebrei uccidono i neonati ne­ri, e anche che hanno inventato la rivoluzione bolscevica,tant’è vero che nel 1917 fra gli ebrei non c’è ne­anche un morto. Nessuno fra i dele­gati dell’Onu si è alzato in piedi, fra gli eleganti europei e i potenti ame­ricani presenti nessuno ha prova­to a reagire contro Rahimi. Si sono alzate, oh sì, molte sopracciglia e qualcuno ha detto che quello era un gran brutto intervento, ma che l’Iran è un partner contro la droga. Una volta una stupefatta Hillary Clinton fu inchiodata in un angolo da Suha Arafat che le raccontava che gli israeliani riempivano la lo­ro acqua di veleno. Ma anche lei non disse niente,come l’Onu non ha detto niente a Rahimi. Ma, già, non dice niente nemmeno ad Ah­madinejad quando promette al­l’Assemblea dell’Onu di distrugge­re Israele. Anzi, molti applaudono.
www.fiammanirenstein.com

IT.DANIELPIPES.ORG - Daniel Pipes : " Dopo un attacco israeliano contro l'Iran..."


Daniel Pipes

per l'originale in lingua inglese, cliccare qui

In che modo gli iraniani risponderanno a un attacco israeliano contro la loro infrastruttura nucleare? Questa previsione è molto importante perché concerne non solo una decisione di Gerusalemme, ma anche quanto si daranno da fare gli altri Paesi per impedire un attacco israeliano.

In genere, gli analisti forniscono le migliori previsioni del caso per le politiche di deterrenza e contenimento (qualche commentatore arriva addirittura al punto di accogliere favorevolmente un potenziale nucleare iraniano) e pronosticano invece le peggiori conseguenze di un attacco. Essi si aspettano che Teheran farà tutto il possibile per rivalersi come ad esempio organizzando sequestri di persona, ricorrendo al terrorismo, agli attacchi missilistici, alle battaglie navali o decidendo di chiudere lo Stretto di Hormuz. Queste previsioni non tengono conto di due fatti: nessuno dei due precedenti attacchi d'Israele contro i Paesi nemici che stavano costruendo armi nucleari, l'Iraq nel 1981 e la Siria nel 2007, portò a delle ritorsioni; e un'analisi della storia della Repubblica islamica dell'Iran dal 1979 mette in evidenza "una valutazione più misurata e meno apocalittica – anche se ancora fa riflettere – delle probabili conseguenze di un attacco preventivo".

 

 

Gli autori, Michael Eisenstadt e Michael Knights del Washington Institute for Near Eastern Policy.

Queste sono le parole di Michael Eisenstadt e Michael Knights del Washington Institute for Near Eastern Policy, che forniscono una guida eccellente a degli scenari possibili in "Al di là dell'analisi dei peggiori scenari: le probabili reazioni dell'Iran a un attacco preventivo israeliano". La loro analisi del comportamento iraniano degli ultimi trent'anni li porta a prevedere che tre principi fondamentali potrebbero modellare e limitare la reazione di Teheran a un attacco israeliano. Tali principi sono: l'insistenza sulla reciprocità, una certa attenzione a non farsi gratuitamente dei nemici e la ferma intenzione di impedire altri attacchi israeliani (o americani).

 

 

In altre parole, i mullah fronteggiano i gravi limiti alla loro capacità di reagire, tra cui la debolezza militare e un pressante bisogno di non farsi più altri nemici esterni. Partendo da queste linee guida, Eisenstadt e Knights prendono in esame otto possibili azioni iraniane, che devono essere valutate senza perdere di vista l'alternativa – ossia gli islamisti apocalittici che controllano le armi nucleari:

  • Gli attacchi terroristici contro obiettivi israeliani, ebraici e americani. Sono probabili ma provocano una distruzione limitata.
  • I rapimenti di cittadini americani soprattutto in Iraq. Sono probabili ma limitati nell'impatto, come negli anni Ottanta del secolo scorso in Libano.
  • Gli attacchi contro gli americani in Iraq e in Afghanistan. Sono molto probabili, specie tramite mandatari incaricati di perpetrare questi attacchi, ma causano una distruzione limitata.
  • Gli attacchi missilistici contro Israele. Sono possibili: pochi missili lanciati dall'Iran supererebbero le difese israeliane, facendo forse qualche centinaio di vittime; i missili lanciati da Hezbollah sono limitati a causa dei fattori interni libanesi. È improbabile il coinvolgimento di Hamas, poiché essa ha preso le distanze da Teheran. È altresì impensabile un'implicazione del governo siriano, che sta combattendo per la propria esistenza contro un'opposizione sempre più forte e forse anche contro le forze armate turche. Nell'insieme, è improbabile che gli attacchi missilistici causino dei danni devastanti.
  • Gli attacchi contro i Paesi vicini. Sono possibili gli attacchi terroristici perché negabili. Sono improbabili gli attacchi missilistici perché Teheran non vuole farsi altri nemici.
  • Gli scontri con la Marina militare Usa. Sono probabili, ma dato l'equilibrio delle forze, essi causano dei danni limitati.
  • Minare segretamente lo Stretto di Hormuz. Non è da escludere, e questo provocherebbe un'impennata dei prezzi energetici.
  • Tentare di chiudere lo Stretto di Hormuz. È improbabile che accada. È un obiettivo difficile da raggiungere e potenzialmente anche troppo dannoso per gli interessi iraniani, perché il Paese ha bisogno di quello stretto per il commercio.

Questi due autori prendono altresì in considerazione tre potenziali effetti collaterali di un attacco aereo israeliano. Sì, gli iraniani potrebbero stringersi intorno al loro governo subito dopo un attacco, ma a lungo termine Teheran "potrebbe essere criticata perché il modo in cui avrebbe gestito il dossier nucleare avrebbe portato allo scontro militare". Si prevede costantemente che la cosiddetta "strada araba" insorga come reazione a un attacco militare esterno, ma non è così; probabilmente il malcontento fra gli sciiti del Golfo Persico sarebbe controbilanciato dai numerosi arabi che plaudono in silenzio gli israeliani. Quanto all'ipotesi di abbandonare il Trattato di non-proliferazione e di avviare un programma d'urto per la fabbricazione di armi nucleari, se è vero che una "possibilità molto reale", bisogna anche dire però che più gli iraniani faranno rappresaglie, più difficile sarà per loro ottenere i mezzi necessari per un programma del genere.

 

 

La USS Enterprise: quanto è seria la minaccia iraniana contro di essa?

 

 

Nel complesso, questi pericoli sono spiacevoli ma non catastrofici, gestibili e non devastanti. Eisenstadt e Knights prevedono che ci sarà una breve fase contraddistinta da una reazione iraniana di forte intensità, seguita da "un lungo conflitto a bassa intensità che potrebbe durare mesi o anche anni" – così come già esiste tra l'Iran e Israele. Un attacco israeliano preventivo, arguiscono i due analisti, anche se è "un progetto ad alto rischio che potrebbe portare a un'escalation di violenze nel Levante e nel Golfo (…) non sarebbe però l'evento apocalittico che qualcuno prevede".

Quest'analisi dimostra in modo convincente che il pericolo di armi nucleari che cadono nelle mani iraniane supera di gran lunga il pericolo che costituirebbe un attacco militare per impedire che ciò accada.

 

 

Illustrazione di Linas Garsys per il Washington Times.

 

 

Per inviare la propria opinione a Giornale e It.danielpipes.org, cliccare sulle e-mail sottostanti


segreteria@ilgiornale.it
meqmef@aol.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT