lunedi` 13 luglio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
11.01.2020 Usa/Iran: e adesso che cosa può succedere?
Maurizio Molinari risponde a un lettore

Testata: La Stampa
Data: 11 gennaio 2020
Pagina: 22
Autore: Maurizio Molinari
Titolo: «Dopo l'uccisione di Soleimani Usa e Iran restano in bilico fra pace e guerra»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 11/01/2020, a pag.22, con il titolo "Dopo l'uccisione di Soleimani Usa e Iran restano in bilico fra pace e guerra" la risposta a un lettore del direttore Maurizio Molinari.

Visualizza immagine di origine
Maurizio Molinari

Caro Luciani, 

né gli Stati Uniti né l'Iran hanno interesse ad un'escalation militare in Medio Oriente. Il presidente Trump eliminando Qassem Soleimani ha ottenuto il risultato perseguito di indebolire militarmente l'Iran - privandolo dello stratega e comandante delle milizie sciite protagoniste dell'espansione dell'influenza iraniana in Medio Oriente - ed ora ha bisogno di tempo per osservare l'impatto della sua morte sull'assetto interno del potere teocratico di Teheran, ovvero per capire se Ali Khamenei si è indebolito o meno fra gli ayatollah. L'Iran da parte sua non ha interesse ad un'escalation militare con gli Usa perché sa bene di non poterla sostenere ed ha bisogno a sua volta di tempo per riorganizzare la Forza Al Quds nella regione attorno al successore di Soleimani. 



Ali Khamenei

Ciò significa che si crea una finestra di opportunità per eventuali contatti segreti fra Washington e Teheran al fine di aprire un nuovo negoziato sul nucleare destinato a sostituire l'accordo del 2015 oramai di fatto decaduto. Ma sarebbe un grave errore pensare che i due rivali del Golfo abbiamo sepolto l'ascia di guerra. È vero l'esatto contrario: Teheran cercherà una vendetta spietata e spettacolare ma ibrida, ovvero realizzata da un gruppo di miliziani o terroristi non riconducibili direttamente a lei - come avvenne a Beirut 1983 con la distruzione della caserma dei Marines da parte degli Hezbollah - così come Washington rafforzerà il dispiegamento militare in Iraq e nel Golfo per mantenere la pressione alta sugli ayatollah. Quello che si apre è dunque uno scenario di conflitto latente fra Iran e Usa capace di generare qualsiasi tipo di sorprese: da uno scontro sanguinoso ad un accordo diplomatico. D'altra parte questo è il Medio Oriente: si vive sempre in bilico fra pace e guerra.


Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/065681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT