martedi` 21 gennaio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La storia di Chanukkah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
13.12.2019 Inghilterra al voto: crolla il Labour dell'antisemita e stalinista Corbyn
Analisi di Enrico Franceschini (con due evidenti errori)

Testata: La Repubblica
Data: 13 dicembre 2019
Pagina: 3
Autore: Enrico Franceschini
Titolo: «La fine di Jeremy l'idealista ostinato che ha commesso troppi errori»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 13/12/2019, a pag.3 con il titolo "La fine di Jeremy l'idealista ostinato che ha commesso troppi errori", l'analisi di Enrico Franceschini.

A destra: Jeremy Corbyn "antisemita e razzista"

Enrico Franceschini elenca con chiarezza i tre motivi principali dell'inadeguatezza di Jeremy Corbyn: ambiguità sulla Brexit e l'Europa, modello socio-economico ispirato a quello che fu dell'Unione Sovietica, antisemitismo dilagante.
Quando si tratta di descrivere lo scandalo relativo all'antisemitismo nel Labour, però, Franceschini sostiene che Corbyn non sia personalmente antisemita, ma  irretito da una ideologia obsoleta - la propria - che lo rende incapace di vedere la realtà. Di fatto l'antisemitismo di Corbyn non ha bisogno di giustificazioni, neppure se parziali come questa: più volte Corbyn ha partecipato a marce all'insegna dell'odio contro Israele e fatto dichiarazioni contro lo Stato ebraico, per non dir nulla dei ripetuti tentativi di insabbiare le decine di casi di antisemitismo scoppiate all'interno del Labour negli ultimi anni.
Inadeguato anche il titolo della redazione di Repubblica, che sminuisce le responsabilità di Corbyn nella deriva del Labour descrivendo il politico - stalinista non pentito - come un "idealista", come se questo aspetto - peraltro tutto da verificare - possa essere un'attenuante.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Enrico Franceschini

Goodbye, Jeremy Corbyn. Battuto due volte alle urne in due anni, ieri travolto dalla peggiore sconfitta nella storia del suo partito, adesso il leader laburista non ha altra scelta che dimettersi, scomparire. Il dubbio è se scomparirà anche il corbynismo, la svolta che ha spostato il Labour radicalmente a sinistra. Leader a interim potrebbe diventare il suo vice John McDonnell, che cantava con Corbyn "bandiera rossa" a pugno chiuso. I sindacati e l'organizzazione giovanile Momentum, le fazioni che più lo hanno sostenuto, dicono che la linea politica non cambia. Ma una batosta di queste dimensioni, se confermata dai risultati ufficiali, brucia. Il Labour rischia di restare all'opposizione fino al 2024: 14 anni. Un'eternità. Saranno tre i capi di imputazione nei suoi confronti. Il primo è la posizione pilatesca sulla Brexit: né per l'Europa, né contro l'Europa. Quando i libri di storia elencheranno i responsabili della Brexit, Corbyn non mancherà nell'elenco. Se nel referendum del 2016 si fosse impegnato appena un po', l'esito sarebbe stato differente: non si ricorda un comizio in cui abbia difeso la Ue. Perché, gli domandai in un'intervista, lei è contro l'Europa? «Non sono contro — rispose serio — ma dell'Europa non mi piacciono tante cose». Prigioniero di un'ideologia marxista anni '70, Corbyn vede la Ue come un'associazione di banchieri che speculano sulla pelle dei lavoratori. Ha impiegato tre anni e mezzo a fare parziale retromarcia, pressato da una larga parte del suo partito, fino a promettere un secondo referendum. «Ma resterò neutrale — precisava — pronto ad eseguire qualsiasi decisione presa dal popolo. Perché questo Paese ha bisogno di unirsi». Le urne indicano che ha sbagliato. Avrebbe dovuto provare a unire per prima cosa il proprio partito, quindi il Paese intero, spiegando che la Brexit è un inganno: il tentativo di fare della Ue il capro espiatorio di dieci anni di austerity imposta dal governo conservatore. Non l'ha fatto perché è il primo a diffidare dell'Europa. Prediligeva un altro progetto: costruire "il socialismo in un solo paese", per dirla con il noto slogan. Il suo programma economico, in effetti, suonava come una demolizione, non una riforma, del capitalismo. Un secondo passo falso, dopo Brexit, che ha spaventato il centro moderato, necessario per vincere. E il terzo errore è la tolleranza dell'antisemitismo. Non che Corbyn sia intimamente antisemita: ma la sua visione dell'ebraismo, come quella della Ue, è colorata da un'ideologia obsoleta. Ottusa. «Sono contro ogni forma di discriminazione», ripeteva, incapace di comprendere che l'Olocausto è il male supremo. Ecco perché, con tutti i suoi difetti e le sue bugie, ha prevalso Boris Johnson. Un altro leader laburista, probabilmente, lo avrebbe sconfitto. Ma il premier conservatore aveva un asso nella manica: Jeremy Corbyn. Più che una grande illusione, il corbynismo potrebbe passare alla storia come un'occasione clamorosamente mancata. E rivelarsi una lezione per la sinistra anche altrove, a cominciare dalle presidenziali americane.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT