martedi` 26 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
11.01.2021 Una poesia per salutare il 2021
di Dror Eydar, Ambasciatore di Israele in Italia

Testata: Corriere della Sera
Data: 11 gennaio 2021
Pagina: 29
Autore: Dror Eydar
Titolo: «I miei versi dedicati al 2021»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 11/01/2021, a pag.29, la poesia di Dror Eydar, Ambasciatore di Israele in Italia, nell'articolo intitolato "I miei versi dedicati al 2021".

pagine ebraiche (@paginebraiche) | Twitter
Dror Eydar

Dror Eydar è l'ambasciatore israeliano in Italia dal 2 settembre 2019. Di formazione umanista, con un dottorato di ricerca in Ebraico e Letteratura ebraica, è stato per anni editorialista del quotidiano Israel Hayom (Israel Today). Con questa poesia ha voluto salutare l'arrivo del nuovo anno: «E dunque? Un nuovo anno preme/ alla soglia del cuore,/ graffiato di tristezza da un anno che passa/ ripudiato/ stravolgendo le gioie della festa./E dunque? Non saremo forse ospitali?/ Non gli tenderemo la mano/ con stupore di bimbi pronti a ricominciare tutto da capo,/ pur di ricevere la carezza di uno sguardo materno,/ a conferma della nostra esistenza, che trema di perdono in perdono,/ di remissione in dialogo/tra amici che conoscono la propria anima/e quelle altrui, così vulnerabili, così ricurve, così delicate./ E dunque? Preme alla soglia/di ogni essere umano che ha permesso e vietato,/promesso e mantenuto, tardato e recintato la soglia di ogni essere umano/Non gli concederemo un posto in mezzo a noi, un posto ai nostri piedi?/Riposo sul palmo della speranza che affonda/ e tinge le nostre notti con papaveri/di gioia./E dunque?»

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT