martedi` 19 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
06.01.2021 Accordo tra Arabia e Qatar, quali conseguenze per Israele?
Cronaca di Guido Olimpio, un pessimo titolo del Foglio

Testata: Corriere della Sera
Data: 06 gennaio 2021
Pagina: 17
Autore: Guido Olimpio
Titolo: «Qatar e Arabia Saudita, la pace del deserto dopo tre anni di liti»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 06/01/2021, a pag.17 con il titolo "Qatar e Arabia Saudita, la pace del deserto dopo tre anni di liti" il commento di Guido Olimpio.

Il Foglio titola "Toh, senza Trump il principe saudita Bin Salman è più docile e fa la pace con il Qatar", dimostrando di non aver abbandonato la linea fanaticamente ostile a Donald Trump. Secondo il quotidiano fondato da Giuliano Ferrara è merito dell'elezione di Biden se l'erede al trono saudita Mohammed bin Salman ha scelto l'accordo con il Qatar, Paese vicino all'Iran e sponsor della Fratellanza Musulmana e di Hamas. Seguiremo con attenzione le relazioni tra Arabia Saudita e Qatar e le ripercussioni che avranno su Israele e la stabilità in Medio Oriente.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Guido Olimpio

Un accordo con una proiezione internazionale. Un'intesa che mette fine a tre anni di contrasti che vanno ben oltre i confini regionali. L'Arabia Saudita ha abolito l'embargo aereo nei confronti del Qatar, mossa seguita anche da Bahrein, Egitto ed Emirati, che si sono accodati per scelta e perché non avevano molte alternative. Svolta cementata dal vertice ad AI Ula, località a nord di Medina, dove si è riunito il Consiglio del Golfo ed è arrivato anche l'emiro qatarino Tamim bin Hamad al Thani. A riceverlo Mohammed bin Salman, il figlio del re e erede al trono, ma soprattutto regista ambizioso (e impetuoso) nel regno. Grandi saluti, sorrisi dietro le mascherine e ritorno delle relazioni diplomatiche piene. Clima diverso da quanto avvenne nel 2017. Allora Riad e i suoi alleati lanciarono un ultimatum in 13 punti ai rivali. Chiedevano la chiusura dell'emittente al Jazeera, la fine del supporto alla Fratellanza musulmana, rapporti minimi con Teheran e molto altro. Doha aveva replicato con un no accettando la sfida del blocco. Scontro innescato da risentimenti personali, ma soprattutto da una competizione politica. I sauditi non perdonavano agli avversari i legami con la Turchia — asse usato in una campagna di influenza in Libia, Somalia e Siria —, non gradivano le relazioni con gli ayatollah, consideravano gli emiri fossero «sponsor del terrorismo». Accusa singolare da parte di chi in passato ha avuto vincoli ben più pericolosi.

What Is Behind The Renewed Friendship Between Saudi Arabia And Qatar? –  Latest Asian, Middle-East, EurAsian, Indian News

Ma l'Arabia ha accettato di mettere da parte i contrasti nonostante Doha abbia concesso solo la rinuncia alle azioni legali mentre in cambio risparmia la tassa salata che doveva pagare a Teheran per transito dei suoi voli. E Riad vuole presentarsi al nuovo presidente Usa, Joe Biden, con abiti nuovi. Fa un regalo a quello uscente — Trump — che ha mediato insieme al Kuwait ed ha mandato in missione a dicembre il genero Jared Kushner. Punta a compattare ulteriormente la famiglia araba davanti al potere sciita e cerca di tirarsi dietro anche gli Emirati, magari non troppo entusiasti. Sarà interessante vedere anche le reazioni di Ankara e del Cairo, avversari tra loro. Come è interessata l'Italia, grande partner del Qatar e in affari con gli altri. Gli osservatori sono convinti che si sia aperta una nuova stagione ma tanti sono i fronti aperti, da quello libico — il Qatar appoggia Tripoli, I concorrenti stanno con Haftar — a quello iraniano. Siamo nel deserto, e le dune possono modificarsi a seconda del vento, la pace può essere fredda o calda.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT