martedi` 31 marzo 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Bernie Sanders contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
16.02.2020 La Gerusalemme di Amos Oz in un libro
Recensione di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 16 febbraio 2020
Pagina: 26
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Il cuore mappa la Gerusalemme di Amos Oz»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 16/02/2020, a pag.26, con il titolo "Il cuore mappa la Gerusalemme di Amos Oz" il commento di Davide Frattini.

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini

Risultato immagini per Yerushalayim she Amos Oz
Amos Oz

In cinquant'anni di passeggiate per le vie di Gerusalemme ha raccolto 140 mila tra schizzi, mappe, appunti e ha scattato 150 mila foto. Adesso l'architetto David Kroyanker ha seguito le briciole letterarie lasciate per la città dall'amico Amos Oz (Yerushalayim she Amos Oz, Keter Publishing, pp. 346, shekel 168): «Avrei voluto regalargli il libro nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Sarebbe stato il 4 maggio 2019, Amos è purtroppo morto prima», ha detto ad «Haaretz». Ripercorre una Gerusalemme fatta di palazzi che non esistono più e di odori che lo scrittore inseguiva all'alba, duravano poco, portavano il profumo di luoghi ed esistenze lontane. Come i magazzini della Tnuva, la più grande industria alimentare israeliana, dove ogni mattina i camion scaricavano i prodotti delle campagne da distribuire in tutto il Paese. Costruito nel '35, l'edificio fu demolito una ventina d'anni fa, resta la descrizione in Una storia di amore e di tenebra. La Gerusalemme di Oz ricostruisce mappe emotive e reali (con gli acquerelli di Kroyanker), ogni percorso ha le sue pietre miliari, luoghi per superare la linea d'ombra dell'adolescenza: i cinema Edison, Rex e Studio dove si concentrava la vita culturale e mondana fin dai tempi del mandato britannico. Una città amata nei suoi cambiamenti ma forse diventata troppo diversa da quella in cui Oz era cresciuto: «Sono di Gerusalemme e non potrei vivere senza — scriveva il romanziere in una lettera privata —ma negli ultimi anni trovo difficile restarci per più di pochi giorni perché l'atmosfera è piena di estremismo».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT