venerdi 17 gennaio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La storia di Chanukkah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
12.12.2019 Israele, nessun accordo per il governo, si torna al voto il 2 marzo
Cronaca di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 12 dicembre 2019
Pagina: 15
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Nessun accordo Israele rivota: Ŕ la terza volta in un anno»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 12/12/2019, a pag.15, con il titolo "Nessun accordo Israele rivota: Ŕ la terza volta in un anno" il commento di Davide Frattini.

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini

Risultati immagini per gantz netanyahu+
Benny Gantz, Benjamin Netanyahu

Gli israeliani potrebbero votare per la prima volta nella loro Storia il lunedý. Gliá avversari Bibi Netanyahu eá Benny Gantz sembrano essere riusciti a mettersi d'accordo solo su questo: fissare la data delle elezioni al 2 marzo, invece di scegliere un martedý come avrebbero imposto tradizione e legge. I deputati alla Knesset hanno votato fino a mezzanotte di ieri per far passare il nuovo appuntamento, una delle poche decisioni prese in tre mesi dall'ultimo voto. Qualunque sia il giorno, Ŕ la terza volta in meno di un anno che il Paese torna alle urne. E gli analisti prevedono che il risultato non sarÓ molto diverso: i due partiti principali non avrebbero i numeri per formare la coalizione, anche se i sondaggi giÓ danno Blu Bianco di Gantz con qualche vantaggio in pi¨. Il calendario politico si incrocia con quello giudiziario: Netanyahu resta premier ad interim, il 22 novembre Ŕ stato incriminato per corruzione ed Ŕ in attesa del processo. Dentro al suo Likud almeno un contendente — Gideon Sa'ar — sta cercando di spodestarlo: tra due settimane il partito sceglierÓ il nuovo leader o incoronerÓ ancora una volta il vecchio.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT