lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
22.10.2013 Negazionismo: Odifreddi tenta, senza successo, di discolparsi
e attacca a vuoto Aldo Grasso

Testata: Corriere della Sera
Data: 22 ottobre 2013
Pagina: 43
Autore: Piergiorgio Odifreddi - Aldo Grasso
Titolo: «Camere a gas: le frasi di Odifreddi»

Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 22/10/2013, a pag. 43, la lettera di Piergiorgio Odifreddi con la risposta di Aldo Grasso dal titolo "Camere a gas: le frasi di Odifreddi".


Piergiorgio Odifreddi          Aldo Grasso

E' possibile leggere l'articolo di Aldo Grasso a cui si riferisce Odifreddi cliccando sul link sottostante
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=51080

La difesa tentata da Odifreddi è inconsistente e tutta basata sull'attacco ad Aldo Grasso, che viene definito, nel finale della lettera, nazista.
Odifreddi, poi, tenta anche la via del vittimismo: Grasso, attaccandolo, avrebbe colto "
l’occasione per colpire ancora una volta, e possibilmente affondare per sempre, un individuo che lui non può proprio sopportare, perché professa un libero pensiero contrario alla Chiesa, da un lato, e alla politica di Israele, dall’altro.". Purtroppo Odifreddi non è 'affondato per sempre', continuerà con le sue pubblicazioni nonostante le sue idee negazioniste.
Ribadiamo il fatto che REPUBBLICA non ha mai scritto una riga sulle vergognose affermazioni di Odifreddi. Silenzio corporativo ?
Ecco lettera e risposta:

In riferimento alla rubrica di Aldo Grasso (Corriere, 2o ottobre), l’autore manipola una frase estrapolata ad arte da un mio commento estemporaneo sul mio blog, in cui dicevo che sulle camere a gas «mi uniformo all’opinione comune»: il che, in italiano, significa che le accetto, e non che le nego! Ovviamente, Grasso ha capito benissimo ciò che volevo dire, ma ha deciso di fingere di fraintenderlo, per i motivi che lascia trasparire nel suo scritto. E cioè, cogliere l’occasione per colpire ancora una volta, e possibilmente affondare per sempre, un individuo che lui non può proprio sopportare, perché professa un libero pensiero contrario alla Chiesa, da un lato, e alla politica di Israele, dall’altro. E, per giunta, riceve addirittura le «troppo generose» attenzioni di un Papa. Ma non ho certo bisogno di arrampicarmi sui vetri per dimostrare l’assurdità delle accuse rivoltemi da lui e dai pappagalli che gli fanno eco nella rete. Anche senza scomodare i miei libri e i miei articoli, basta infatti guardare senza pregiudizi i post del mio blog. Ad esempio, quello del 15 ottobre 2011, in cui criticavo il negazionista Claudio Moffa dicendo che «i dubbi sulla Shoah sono ridicoli». E citavo Borges: «Il proposito di abolire il passato fu già formulato nel passato, e paradossalmente, è una delle prove che il passato non può essere abolito. Il passato è indistruttibile, prima o poi ritornano tutte le cose, e una delle cose che tornano è il progetto di abolire il passato». Una delle cose che prima o poi tornano sono i roghi dei libri. E oggi c’è chi, aizzato da gente come Grasso, ha cominciato a bruciare i miei: provare, per credere, a digitare su Google il mio cognome, insieme al sito «formamentis». Ottimo risultato, spingere la gente a credere che il miglior modo per mantener viva la memoria dei crimini nazisti sia ripeterli…

Ecco la replica di Aldo Grasso:

Piergiorgio Odifreddi Invece di processare le intenzioni e perdere tempo a scrivere repliche pretestuose e offensive, Odifreddi farebbe bene a meditare un po’ di più prima di scrivere su temi così delicati. Non ho estrapolato nulla ma mi sono limitato a citare alla lettera alcune sue frasi, tra l’altro scritte nel corso degli anni. Del resto, se non sono il solo ad aver messo il dito nella piaga, una qualche ragione ci sarà.  (a. g.)

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT