venerdi 30 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
03.12.2015 Per l'ANPI di Roma gli ebrei buoni sono quelli morti
Presentato un libro di propaganda contro Israele e il sionismo

Testata: Informazione Corretta
Data: 03 dicembre 2015
Pagina: 1
Autore: IC redazione
Titolo: «Per l'ANPI di Roma gli ebrei buoni sono quelli morti»

Gli ebrei che osano difendersi quando attaccati e non si fanno massacrare in silenzio non piacciono all'ANPI. La sezione romana dell'Associazione Nazionale Partigiani Italiani, infatti, ha organizzato la presentazione di un libro di volgari menzogne, "Sionismo, il vero nemico degli ebrei", di Alan Hart. All'ANPI di Roma certamente preferiscono gli ebrei morti a quelli vivi di Israele.

Di seguito pubblichiamo la lettera di Roberto Cenati, Presidente dell'ANPI Prov.le di Milano, e di Marco Cavallarin, di AnpiLibri, che prendono le distanze da una simile ignominia. Una vicenda che apre una finestra sulla camera buia dell'ANPI, non nuova nel promuovere iniziative contro Israele.

Ecco le due lettere:

Immagine correlata

Immagine correlata
"Sionismo, il vero nemico degli ebrei"

Immagine correlata
Roberto Cenati

Caro Roberto Jarach,
v. Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, il libro che verrà presentato a Roma sotto l'egida dell'ANPI Provinciale di Roma suscita la mia profonda indignazione e quella dell'ANPI Provinciale di Milano. Il libro si caratterizza per la sua pericolosa carica antisemita,e suscita profonda preoccupazione in tutti noi, proprio nel momento in cui l'Europa sta attraversando una delicatissima fase per gli attacchi terroristici della jihad islamica e per il rifiorire di movimenti antisemiti, xenofobi e razzisti. Purtroppo il Comitato Provinciale di Roma non è nuovo a prendere posizioni di questo tipo, che noi condanniamo con estrema fermezza. Credo che, a questo punto, sia indispensabile l'intervento dell'ANPI Nazionale. Alla Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, alla Comunità Ebraica di Roma esprimo tutta la mia personale solidarietà. Un caro saluto.

Roberto Cenati,
Presidente ANPI Prov.le Milano

Immagine correlata
Marco Cavallarin

Caro Presidente Gattegna, cari Consiglieri dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane,
come curatore di AnpiLibri di Milano, mi associo senza alcuna perplessità alle parole del Presidente dell'ANPI Provinciale di Milano, Roberto Cenati, nel condannare come sconsiderata e provocatoria l'iniziativa dell'ANPI di Roma, Sez. don Pietro Pappagallo, di ospitare la presentazione di un libro dichiaratamente antisemita già nel titolo e nelle parole del suo traduttore: "Questo è il sionismo e il suo progetto di dominio del mondo. Ormai radio, tv e grandi giornali sono controllati dai sionisti e dai loro obbedienti maggiordomi", che evocano il complotto giudaico-massonico che ancora oggi ispira l'antisemitismo più becero, generatore di odio.

E' grave che l'iniziativa di cui stiamo parlando sia stata posta sotto l'egida di una sezione intitolata a don Pietro Pappagallo, sacerdote cattolico, assassinato alle Fosse Ardeatine, che durante l'occupazione nazista di Roma diede soccorso a perseguitati di ogni fede e condizione. Don Pietro Pappagallo "si prodigò in soccorso di ebrei, soldati sbandati, antifascisti ed alleati in fuga dando loro aiuto per nascondersi e rifocillarsi": così recita la motivazione della Medaglia d'Oro conferitagli nel 1998 dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Purtroppo il Comitato Provinciale ANPI di Roma non è nuovo a prendere posizioni di questo tipo, che condanniamo con estrema fermezza. Auspico che il Presidente Nazionale, Carlo Smuraglia, e la direzione nazionale dell'ANPI vogliano esprimere in maniera efficace il loro dissenso rispetto all'iniziativa in oggetto e prendere conseguenti provvedimenti, anche in nome di quanto dichiarato formalmente assumendo come proprie le parole del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, pronunciate il 30 gennaio 2013: "... rifiuto intransigente, totale dell'antisemitismo, in ogni suo travestimento ideologico come l'antisionismo".

Proseguiva il Presidente Smuraglia, indicando chiaramente la linea dell'ANPI sull'argomento: "L'Anpi è e deve essere in ogni sua componente e in ogni suo iscritto assolutamente contraria ad ogni forma di razzismo, di antisemitismo e simili. Certi scritti, che si leggono talora sulla rete, ci fanno semplicemente orrore perché vanno oltre il negazionismo e il revisionismo (pur da deprecare vivamente per sfociare nell'odio razziale. Abbiamo rapporti amichevoli e leali con molte comunità ebraiche, in diverse città. Con loro, spesso celebriamo, insieme, il giorno della memoria; e questa è una linea che seguiamo con chiarezza ovunque. Noi siamo contrari anche a manifestazioni di antisionismo ... e ribadiamo che su questo terreno non possono né devono insorgere equivoci né malintesi" (ANPInews n. 76 del 27 maggio 2013).

Su questa stessa linea si è mosso il Presidente dell'ANPI Provinciale di Milano, Città Medaglia d'Oro della Resistenza, Roberto Cenati, quando, il 28 aprile 2014, scriveva a Lei, Presidente Gattegna: " Vorrei anche sottolineare il contributo dei numerosi ebrei italiani che parteciparono alla lotta per la liberazione nazionale. Essi avevano anche delle ragioni in più per combattere il regime nazifascista: dovevano riconquistare quei diritti che erano stati loro sottratti dalla legislazione antisemita del 1938. Molti ebrei ebbero ruoli fondamentali nella guida della Resistenza, come Leo Valiani ed Emilio Sereni, che fecero parte del Comitato insurrezionale nominato il 29 marzo 1945 dal CLNAI. Ricordiamo, tra gli altri, il giovane Emanuele Artom, trucidato dai nazisti, a Torino il 7 aprile 1944, Leone Ginzburg, di Giustizia e Libertà, tra i fondatori della Casa Editrice Einaudi, ucciso a Regina Coeli il 5 febbario 1944, i fratelli Carlo e Nello Rosselli, Giulio Bolaffi, comandante della IV Divisione Giustizia e Libertà, raggruppamento Stellina, Umberto Terracini. Franco Cesana, nato a Mantova nel 1931, cadde in montagna appena tredicenne: era il più giovane partigiano italiano caduto. I nomi di ebrei milanesi come quelli di Eugenio Curiel, fondatore del Fronte della Gioventù, ucciso a Milano il 24 febbraio 1945, di Mino Steiner, appartenente alle formazioni di Giustizia e Libertà, deportato nel lager di Ebensee, dove muore il 28.2.1945 e di tanti nostri concittadini, che hanno subito la deportazione a seguito della persecuzione antisemita, sono scolpiti sotto la Loggia dei Mercanti, insieme ai Combattenti per la Libertà.

Da tempo l'ANPI di Milano e la Comunità Ebraica milanese hanno chiesto che questo luogo simbolo di Milano Città Medaglia d'Oro della Resistenza sia definitivamente tolto al degrado e diventi luogo vivo della memoria, della cultura e della storia della nostra città. Siamo estremamente preoccupati per il pericoloso ripresentarsi di manifestazioni e movimenti neofascisti e antisemiti, in Europa, ma anche nel nostro Paese, che offendono la coscienza degli italiani e di Milano capitale della Resistenza. Saremo sempre al vostro fianco per condannare, respingere e combattere insieme questi vergognosi rigurgiti che si pongono in aperto contrasto con i principi sanciti dalla Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza." Presidente Gattegna, nel ribadire la solidarietà dell'ANPI agli ebrei e l'indignazione per iniziative di questo genere, Le porgo i miei più solidali e sentiti saluti,

Marco Cavallarin
AnpiLibri


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT