giovedi` 26 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
20.10.2020 Sarà il Sudan il prossimo Paese islamico a firmare la pace con Israele?
Le parole del presidente Usa Donald Trump

Testata: Avvenire
Data: 20 ottobre 2020
Pagina: 14
Autore: la redazione di Avvenire
Titolo: «Trump: toglierò il Sudan dalla lista del terrore. Imminente 'uno storico accordo' con Israele»
Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 20/10/2020, a pag.14 la breve "Trump: toglierò il Sudan dalla lista del terrore. Imminente 'uno storico accordo' con Israele".

News about #bahrain on Twitter
La vignetta di Dry Bones: "Il Bahrein si aggiunge ai Paesi arabi che vogliono la pace con Israele". Il prossimo sarà il Sudan?


Il presidente americano Donald Trump ha annunciato che revocherà il Sudan dalla lista dei Paesi sponsor del terrorismo dopo che Khartum ha acconsentito a «pagare 335 milioni di dollari alle vittime americane del terrorismo e ai loro familiari”. «Finalmente giustizia per il popolo americano e una grande passo per il Sudan!”, ha aggiunto il capo della Casa Bianca in un tweet. Lo stesso Trump potrebbe annunciare già oggi l'allacciamento di relazioni diplomatiche fra Israele e Sudan. Questo sviluppo, ha aggiunto Trump, avverrebbe nel contesto dell"`Accordo di Abramo" raggiunto il mese scorso da Israele con gli Emirati arabi uniti e col Bahrein, con il quale hanno messo nero su bianco quanto già stabilito nei giorni scorsi: la normalizzazione delle reciproche relazioni diplomatiche e il riavvicinamento sotto la sfera commerciale ed economica. Una vittoria diplomatica, giudicata dagli analisti molto importante per l'inquilino della Casa Bianca, pronto a giocarsi il successo anche nella corsa alla rielezione. Un accordo che, invece, isola ulteriormente i palestinesi. Oggi intanto arriverà in Israele una delegazione ministeriale dagli Emirati. I suoi membri saranno ricevuti dal premier israeliano Benjamin Netanyahu.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT