sabato 20 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Benjamin Netanyahu con John Bolton sul Golan (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Oggi, 10 febbraio, ricordiamo la tragedia delle foibe 10/02/2019

Franco Licciardello Ci sta però una cosa da non dimenticare: le foibe era il destino degli sconfitti. Ognuno di noi vede il colore del sangue della propria gente più rosso di quello degli altri, ma gli italiani della IIWW furono solo quelli dell' ultima serie.La grande tematica di fondo rimane i rapporti fra popolazioni confinanti che non hanno trovato un sistema di vita comune

Franco Licciardello

Gentile signor Licciardello,

Le foibe sono state una immensa vergogna, un crimine contro l'umanità. Un eccidio spaventoso perpetrato dalle truppe comuniste contro la popolazione italiana inerme, solo perché erano italiani. Alla tragedia delle foibe seguì l'esodo e la vergognosa accoglienza riservata dall'Italia ai 300.000 profughi. Veniva loro rifiutata persino l'acqua e il latte destinato ai bambini assetati e affamati veniva versato sulle rotaie dei treni. A suggello di tale infamia per 60 anni il partito comunista prima e i partiti di sinistra poi, ne hanno impedito il ricordo, cercarono di osteggiare in tutti i modi il disegno di legge presentato nel 2003 dal governo Berlusconi. Ancora oggi, a più di 70 anni da quella tragedia, c'è chi nega le foibe, lo fa l'ANPI senza vergogna, lo fanno alcuni miserabili dei centri sociali che vanno a vandalizzare i vari simboli del Ricordo imbrattandoli con la falce e il martello. Una macchia nera per l'Italia che ha coperto quella tragedia per troppo tempo, ammazzando quelle 11.000 persone, tutti civili anche bambini, una volta di più per ogni anno di scandaloso oblio.

 Shalom


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT