giovedi` 14 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Tre giorni della rabbia palestinese contro il piano di pace di Trump 26/06/2019

Tre giorni della rabbia palestinese contro il piano di pace di Trump
Commento di Deborah Fait

a destra i leader di Gaza,

Immagine correlata
aggiungiamo Abu Mazen

Si chiama "Pace e prosperità" la prima parte, quella economica, del piano di pace di Donald Trump per i palestinesi. Un enorme progetto che vede 50 miliardi di dollari da investire tra un futuro stato palestinese, la Giordania, il Libano e l'Egitto. Un'opportunità incredibile per i palestinesi, fiumi di soldi per rendere Gaza e la sua spiaggia una specie di città-vacanze, moderna e piena di vita come Tel Aviv, la Costa Azzurra, le spiagge della Sardegna. Fiumi di soldi per costruire ospedali, scuole, università, per rendere bella e serena l'esistenza dei palestinesi, per far vivere loro una vita piena di opportunità, di possibili scelte, di agiatezza. Case nuove, reti fognarie e condutture di acque reflue per ripulire Gaza e la parte dei territori cosiddetti palestinesi che faranno parte del nuovo stato, dalle immondizie e dall'inquinamento. Israele e gli USA sono pronti. I palestinesi no. 
Non solo rifiutano tutto ma hanno organizzato tre giorni di sciopero, "I giorni della vendetta", e di manifestazioni violente per ribadire il loro rifiuto.
Abbas dice che la soluzione deve essere politica, non riesce a capire che questo è solo il primo passo per dare ai palestinesi una vita decente. Niente da fare, a lui, come ai capi di Gaza, Ismail Haniyeh, Khaled Meshaal e l'ultimo, Yahya Sinwar, reduce da 20 anni nelle galere israeliane, condannato a 4 ergastoli per terrorismo, non interessa niente della loro gente che vive in situazioni tremende, nella sporcizia e nella violenza. Lo stanno dimostrando da quasi un secolo ormai boicottando tutto e rifiutando ogni tentativo di pace e benessere. 
Ragionando con la testa di Mahmoud Abbas è tutto molto chiaro: il benessere, il lavoro e il potersi confrontare con i giovani israeliani e del resto del mondo diminuirebbe il numero dei terroristi, renderebbe più difficile fare il lavaggio del cervello agli adolescenti, diminuirebbe la pioggia di soldi senza…ricevuta… che i donatori fanno cadere nelle tasche dei capi e nei loro conti nelle banche svizzere o londinesi. Il piano politico di Abbas è presto detto: cancellare Israele con un'invasione di arabo-palestinesi residenti nei campi profughi creati 70 anni fa dai paesi della Lega Araba, fare di Gerusalemme la capitale della Palestina e mandare gli ebrei a nuotare nel Mediterraneo.
Lo diceva Arafat, lo ripetono da anni tutti i capi del terrorismo palestinese. 
Abbas continua a ribadire che lui non accetterà nessun piano di pace proposto da Trump. "Nessun piano di pace proposto dalla America sarà accettato da noi. Vogliamo l'Europa, la Cina, la Russia e l'ONU." La cosa che rifiuta più di qualunque altra è una normalizzazione con Israele, l'odiata nazione che lui vorrebbe distruggere prima di rendere l'anima al demonio. 
I tre giorni della "vendetta" contro il summit del Bahrain porteranno altra violenza, ettari di territori israeliani del sud sono carbonizzati a causa degli aquiloni incediari, non sappiamo cosa hanno in mente per protestare contro un piano che potrebbe cambiare radicalmente in meglio le loro miserabili vite.
Boicottaggi e rifiuti, l'elenco è lungo: 
Il piano Rogers rifiutato nel 1969-71. Camp David nel 1978, con Jimmy Carter. 1981, Piano Fahd, principe saudita. 1982, Piano Reagan. 1991, Summit di Madrid. 1993/1995 Oslo. 2000, altro summit a Camp David con relativa fuga di Arafat per non essere costretto ad accettare le proposte di Ehud Barak di dargli praticamente tutto. 2002/2003 Iniziativa di pace araba e Road Map, tutto inutile. 2007 summit di Annapolis. 2013/2014 colloqui di pace di Washington finiti nel nulla. 
Da allora Abbas rifiuta ogni incontro con i dirigenti israeliani. Per la dirigenza palestinese e presumo anche per la popolazione che non si ribella, è meglio vivere da parassiti, essere mantenuti, fare terrorismo e non avere nessuna responsabilità.
Uno stato va governato dunque meglio continuare a fare le vittime e ricevere soldi e solidarietà da tutti gli idioti del mondo. 
Trump fa l'ennesimo tentativo ed è giusto così, Jared Kushner ha avvisato: " se non lo volete nessuno ci obbliga ad aiutarvi", praticamente ha fatto loro capire che, dopo questo tentativo, saranno mandati definitivamente a quel paese…che non sarà la Palestina! 
Israele aspetta e spera, pronto ad aiutare i propri nemici mortali. Loro, i palestinesi, i diretti interessati, quelli che avrebbero tutto da guadagnare e nulla da perdere, sanno soltanto urlare "Allahu Akhbar… morte agli USA e a Israele…Non tradiremo i nostri martiri". 
Ogni altro commento è superfluo.


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT