venerdi 24 gennaio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La storia di Chanukkah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
E’ la violenza ad essere cieca? 07/01/2020
E’ la violenza ad essere cieca?
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)


Risultati immagini per villejuif
Villejuif


“Noi continueremo la nostra battaglia contro la cieca violenza”ha twittato il Presidente Macron dopo quello che viene chiamato “il dramma di Villejuif”. Un morto, tre feriti gravi, e il sospettato, che li aveva attaccati con un coltello gridando secondo testimoni “Allah Akhbar”, ucciso dalle forze di polizia. Il che ci offre l’occasione di rileggere quel che scriveva Albert Londres nel 1929 nel suo celebre “L’Ebreo errante è arrivato”. “Il pogrom è una specie di rabbia…Gli arrabbiati non mordono chiunque. Solo gli ebrei portano i segni dei loro denti.” Evidentemente in Francia il fenomeno non è assolutamente identico. Gli arrabbiati non attaccano soltanto gli ebrei. Ma cos’è che li fa arrabbiare? Ai tempi di Albert Londres, le cose erano semplici: secondo lui, erano i governi. Ma oggi? Non si può che perdersi in congetture su quel che spinge gli individui ad attaccare i propri simili invocando una divinità del medio oriente. Non si tratta di certo di una loro appartenenza ad una religione di pace; e ancor meno di una fedeltà ad un’organizzazione terroristica che si appella a questa religione, e che vuole imporla al mondo intero. Giustizia e pubblici poteri si dimostrano ben fermi su questo punto. No, quel che fa scattare questa cieca violenza, imprevedibile, è innanzitutto un disturbo mentale.

Risultati immagini per Albert Londres
Albert Londres

Dato che la giustizia e gli specialisti della sanità mentale non hanno respinto con forza questa spiegazione troppo semplice, si potrebbe credere che questo disturbo colpisca più facilmente una certa categoria di individui. No, non è così: occorre che a questo disturbo mentale si aggiunga un fattore indipendente. Noi sappiamo che questo fattore può essere la droga, che l’individuo avrebbe assunto proprio per le turbe psichiche di cui soffriva. Allora è il puro caso che ha scatenato una cieca violenza contro una ebrea, violenza di cui lui non è evidentemente responsabile. Nel caso di Villejuif, abbiamo a che fare con un tutt’altro scenario. Cominciamo con i fatti secondo Le Monde: “Un morto in un aggressione al coltello a Villejuif, il sospetto soffriva di turbe psichiche. L’aggressore, che è stato ucciso dalla polizia, non era noto per essersi radicalizzato”. Prosegue il quotidiano: ”Coltello in mano, vestito con la djellaba, il giovane di 22 anni e originario della regione parigina, ha colpito poco prima tre persone”. Cos’è che ha spinto questo giovane ad agire? Le Monde non si pone la domanda. Il giornale Le Parisien invece dà una spiegazione. “Un appartamento vuoto, un testamento… Secondo le nostre informazioni, numerosi elementi farebbero pensare che l’autore dell’attacco di Villejuif aveva previsto una fine fatale prima di passare all’azione”. Perché andare a cercare più lontano? Il disgraziato, che soffriva anch’egli di turbe psichiche, voleva semplicemente porre fine alla sua esistenza e non sapendo come procedere, ha deciso di far fare ai poliziotti il lavoro in vece sua. Che abbia pensato che, coinvolgendo dei passanti incontrati sul suo cammino, si sarebbe garantito il paradiso? Non c’è nulla che lo faccia pensare.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT