sabato 16 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
Nascondete questa verità che non si può vedere 28/10/2019
Nascondete questa verità che non si può vedere
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione diYehudit Weisz)


Risultati immagini per Mantes la Jolie
Mantes la Jolie


È una constatazione molto triste quella che fa Le Figaro del 26 ottobre: “Nella regione di Parigi aumentano gli agguati contro la polizia e i vigili del fuoco” . E il quotidiano continua: “Seguendo uno copione ben rodato, le auto di pattuglia erano state chiamate per un veicolo in fiamme prima di cadere in un vero agguato. Circondati da un centinaio di sconosciuti che sparavano con mortai artigianali e lanciavano una pioggia di proiettili, una trentina di poliziotti si sono serviti di lanciatori di proiettili da difesa (LBD) e gas lacrimogeni per difendersi e ripristinare la calma.” I fatti si sono svolti “in un'area sensibile”, a Mantes la Jolie. Il canale di notizie in streaming BFMTV ha precisato che erano state utilizzate anche delle bottiglie molotov, aggiungendo che “Nella stessa sera, un’ora prima, la stazione di polizia di Mureaux era stata attaccata da colpi di mortaio” . Quindi, nel cuore della Francia, si sta profilando una guerriglia urbana contro le forze dell’ordine, dove misteriosi aggressori con spavalderia usano lanci di mortaio e bottiglie incendiarie? Ci sarebbe piaciuto saperne di più su questi misteriosi sconosciuti, il loro programma, le loro rivendicazioni. I media, tuttavia, stanno ben attenti a non toccare questo argomento; unico indizio, "due giovani" sono rimasti feriti nello scontro di Mantes la Jolie. Ma non prendiamoci in giro: i francesi non hanno alcun problema a decifrare queste parole in codice che sono "quartiere sensibile" e "giovani". Quindi perché non scriverlo, perché non dirlo apertamente? La realtà è che i giornalisti non vogliono correre rischi. E senz’altro non hanno torto: abbiamo visto cosa è successo a Clement Weill-Raynal. Questo vicedirettore di France-3 era stato chiamato in causa e minacciato di sanzioni dalla sua stessa direzione, per aver osato essere il primo a menzionare l'ipotesi di un attacco di ispirazione islamica durante l’aggressione col coltello nella Prefettura di Parigi, lo scorso 3 ottobre, che si era conclusa con quattro morti. Eppure lui aveva messo insieme dei solidi argomenti. Nel frattempo, secondo Le Parisien : “ È stata inoltre aperta un'indagine sui responsabili di “violenze, con agguato di gruppo armato”, “partecipazione a un gruppo formato per commettere atti di violenza” e “oltraggi” a pubblico ufficiale, ha dichiarato il Pubblico Ministero.” Rimarremo quindi nell’ambito della violenza ordinaria e staremo ben attenti a non cercare le fonti. Soprattutto, non bisogna stigmatizzare nessuno, il che è encomiabile, ma come si può risolvere un problema se ci si rifiuta di ammetterne l’esistenza? Ultimo dettaglio, sempre secondo Le Parisien: “ Almeno uno dei due giovani feriti ha già sporto denuncia contro l’ IGPN (Ispettorato generale della polizia nazionale) e molti nel quartiere urlano contro la brutalità della polizia. Sono i poliziotti che ora rischiano di trovarsi sul banco degli accusati. Siamo certi che quando dovranno rispondere alla prossima chiamata, proveniente da un “quartiere sensibile, lo faranno con un gran peso sul cuore”.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT