domenica 15 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
Ah, che persone perbene! Novità sull'attentato in rue des Rosiers a Parigi 10/08/2019

Ah, che persone perbene! Novità sull'attentato in rue des Rosiers a Parigi 
Commento di Michelle Mazel 

(Traduzione di Yehudit Weisz)

https://benillouche.blogspot.com/2019/08/ah-les-braves-gens-du-nouveau-sur.html#more

Visualizza immagine di origine
Il "Lodo Moro" in versione francese

 

È grazie a Le Parisien , un quotidiano d’informazione con ampia diffusione, ma senza una chiara linea politica, che forse finalmente saremo in grado di svelare il mistero dell'attentato in rue des Rosiers, questa strada mitica e un tempo centro nevralgico della vita ebraica a Parigi. Un attentato per il quale, nonostante le molteplici e dubbie rivendicazioni, nessuno è mai stato arrestato.
È successo esattamente 37 anni fa ieri, lunedì 9 agosto 1982. È poco dopo l'una del pomeriggio. L’ora di pranzo. Situato all'angolo tra rue des Rosiers e rue Ferdinand Duval, il ristorante di Jo Goldenberg è al completo; una cinquantina di ospiti sono seduti ai tavoli. All'improvviso degli uomini mascherati fanno irruzione. Quanti sono? Tre? Cinque? Solo due? Le testimonianze raccolte in seguito saranno contraddittorie. Tutto è accaduto così in fretta. Lanciano una granata e aprono il fuoco, colpendo a caso sul personale e sui commensali. Tre minuti dopo, lanciano una seconda granata e scappano. Bilancio: sei morti e ventidue feriti.

La giustizia, si sa, non è una signora impaziente e il dossier dell’attentato è tuttora in esame, anche se molti indizi concordanti fanno emergere la colpevolezza del gruppo Abu Nidal. I mandati di arresto internazionali emessi contro i principali sospettati non sono mai stati eseguiti e i Paesi in cui risiedono, come la Giordania e la Norvegia, si sono rifiutati di farlo.
Nell'ufficio del magistrato incaricato delle indagini, un uomo sta per dare una soluzione alla storia. Non è una persona qualunque. Si chiama Yves Bonnet; è l'ex capo dei servizi di intelligence francesi. Ecco i suoi commenti, riportati da Le Parisien :
" Abbiamo ottenuto una sorta di accordo verbale dicendo loro: Non voglio più attentati sul suolo francese e in cambio, ti lascio venire in Francia , ti garantisco che non ti succederà niente .”
Di chi si tratta? Proprio del gruppo Abu Nidal. Il patto è suggellato, prosegue il quotidiano: i membri di Abu Nidal rifugiati all'estero possono "venire in Francia, senza il rischio di essere perseguiti; in cambio, si impegnano a non intraprendere alcuna azione violenta". 
Per l'ex capo dell’intelligence il gioco valeva la pena. Ma ascoltiamolo ancora: "Eccome se ha funzionato, non ci sono stati più attacchi a partire della fine del '83, nell'84 e fino alla fine del '85 ... Se poi hanno commesso attentati in Italia, per esempio, non mi riguardava, purché non succedesse nulla sul suolo francese.” 

Yves Bonnet nega di aver praticamente collaborato con dei terroristi e definisce questo un accordo in via amichevole tra persone perbene, un "patto di non aggressione". Ricordiamoci bene che, pur arrestato in Francia nel 1977 in base al mandato di arresto delle autorità tedesche, il terrorista Abu Daoud, responsabile del massacro degli atleti israeliani alle Olimpiadi di Monaco, fu tuttavia rilasciato; la Francia lo lascerà volare via in tutta tranquillità, verso climi più miti. Una storia senza morale su cui riflettere la prossima volta che la Francia farà la lezioncina a Israele.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT