sabato 24 agosto 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Europa schierata con l'Iran cerca di conservare l'accordo sul nucleare. La risposta di Benjamin Netanyahu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
L’appello di Christchurch, è davvero un autentico sussulto d’indignazione dell’Occidente? 18/05/2019

L’appello di Christchurch, è davvero un autentico sussulto d’indignazione dell’Occidente? 
Commento di Michelle Mazel

 (Traduzione di Yehudit Weisz)

Immagine correlata
L'incontro di Parigi, gli Usa non hanno aderito

https://benillouche.blogspot.com/2019/05/lappel-de-christchurch-veritable.html?spref=fb&fbclid=IwAR1Ba-_672LQdVmjNvelAFlbtz-YcXLVRBrDf1cnKlho_Fdd4CnpfV1iRKI

Immagine correlata
La strage di Christchurch

 Sono anni che i luoghi di culto, da sempre venerati come veri santuari, sono diventati trappole mortali per i fedeli. Un fenomeno tristemente troppo frequente in Medio Oriente. Se ci sono due distinte categorie di vittime in questa regione del mondo, i responsabili sono sempre gli stessi. Infatti, sono da un lato le chiese cristiane e dall'altro le moschee, ad essere prese di mira dallo stesso fanatismo musulmano. Per quanto riguarda le chiese, non più solo gli edifici, come è avvenuto durante la massiccia distruzione orchestrata dallo Stato islamico. Questa volta cariche esplosive e commando suicidi hanno deliberatamente puntato su uomini, donne e bambini in preghiera. Gli attacchi più cruenti si sono verificati in Egitto, funestando la forte minoranza copta la cui presenza sulla terra del Nilo precede di oltre sette secoli l’arrivo dell'Islam. E le moschee, direte? Le moschee pagano il prezzo delle guerre di religione che oggi, in nome dello stesso Dio compassionevole e misericordioso, mettono i fedeli di un Islam sunnita contro quelli dell'Islam sciita. In questa lotta fratricida tutti i mezzi sono buoni: esplosivi, veicoli d’assalto e militanti fanatici che innescano il loro carico di morte tra i fedeli. Morti e feriti sono a migliaia. Dovremo credere che ci abituiamo a tutto? In Occidente queste atrocità non fanno più notizia, rimangono limitate al Medio Oriente. La sanguinosa offensiva dei musulmani nello Sri Lanka contro le chiese nel giorno di Pasqua è stata un'eccezione, senza causare però alcuna crisi di coscienza. Non c'è stato alcun appello a combattere contro il terrorismo musulmano; I capi di Stato e di governo non si sono incontrati d’urgenza per esaminare una politica comune nei confronti dei messaggi di odio così frequenti e diffusi sui social media e su Internet. Fino a mercoledì scorso, 15 maggio, quando si è finalmente deciso di fare qualcosa. Su iniziativa del Presidente Macron, si è tenuto a Parigi un incontro internazionale. Tra i partecipanti c'erano un re, tre presidenti, un vicepresidente e cinque primi ministri che si sono incontrati per inviare un messaggio forte. Quel’era l'obiettivo, secondo Le Figaro del 15 maggio? Eliminare i contenuti terroristici online, “combattere le cause del terrorismo e della violenza estremista ... applicare le leggi esistenti (!) ... e garantire che i media si occupino degli attacchi in modo eticamente responsabile”. Questo ambizioso programma ha ricevuto il sostegno di una formidabile task-force: sempre secondo Le Figaro, non meno di otto rappresentanti del settore delle nuove tecnologie sono in lizza, tra cui Amazon, Google, Microsoft, Facebook e Twitter. Venti Paesi, continua il quotidiano, hanno già firmato il testo. Tuttavia c’è un piccolo problema: gli Stati Uniti hanno dichiarato di non voler aderire a questa encomiabile iniziativa. A proposito, perché questa benedetta, anche se tardiva, presa di coscienza di un flagello le cui vittime ormai sono innumerevoli? È perché nella città di Christchurch, in Nuova Zelanda, un suprematista bianco ha massacrato cinquantuno cittadini musulmani intenti nelle loro preghiere in due moschee. Da qui deriva il nome dato a questa importante iniziativa: "L’appello di Christchurch” .

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT