domenica 15 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
Ah sì? Sarebbero stati lanciati 500 razzi su Israele? 07/05/2019

Ah sì? Sarebbero stati lanciati 500 razzi su Israele?
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)

https://benillouche.blogspot.com/2019/05/ah-bon-on-aurait-tire-500-roquettes

Immagine correlata

Sabato scorso, con l'ennesimo episodio della saga dei Gilets Gialli, gli eventi di Gaza non hanno minimamente catturato l'attenzione dei francesi. Del resto, è già tanto se sono stati riportati dalla stampa. L'argomento era stato esaurito nelle precedenti "escalation di violenza". Cosa si potrebbe aggiungere ancora? E poi menzionare queste dozzine, e ancor più queste centinaia di colpi mirati specificamente alla popolazione civile, senza poter puntare il dito "sulla mancanza di proporzioni" delle rappresaglie israeliane, non si addice alla linea editoriale adottata da lungo tempo. Eppure domenica mattina, visto che "l'eccesso di febbre" non era sceso , si è reso necessario parlarne. Con cautela. Così Le Figaro: "Israele adotta delle sanzioni dopo la pioggia di razzi lanciati da Gaza". Il francese è una lingua meravigliosa, che usata artatamente, si presta alla manipolazione. Qui l'attenzione si concentra sulle sanzioni, non su questa "pioggia" lanciata da Gaza – a proposito, da chi? E su cosa e su chi? È più importante invece insistere sulla rappresaglia israeliana. Inoltre, secondo il quotidiano, ripetendo senza verificare la narrativa del Ministero della Salute a Gaza: “Queste rappresaglie hanno causato la morte di quattro palestinesi, tra cui un bambino e sua madre incinta, e sette feriti”. Per quanto riguarda la madre e il bambino, il portavoce dell’esercito israeliano ha negato formalmente, precisando che le vittime sono state colpite da un razzo esploso a Gaza. Nell’articolo ancora online questa mattina (domenica n.d.t.), Le Figaro afferma che "i servizi di soccorso israeliani hanno assicurato che i razzi non hanno mietuto vittime". Strana affermazione. Si contano già un morto e un centinaio di feriti, tra cui alcuni in gravi condizioni. Anche qui, si cerca di minimizzare, se non di occultare, la tragedia dei civili israeliani, uomini, donne e bambini che vivono dall’altra parte del confine internazionalmente riconosciuto tra Israele e la Striscia di Gaza, da cui lo Stato ebraico si era completamente ritirato nel 2005. Questi uomini, donne e bambini hanno vissuto l’angoscia, per non parlare del terrore di 450 allarmi, del sinistro ululato delle sirene, della folle corsa ai rifugi che non tutti hanno fatto in tempo a raggiungere. Le batterie missilistiche Iron Dome hanno abbattuto la maggior parte dei razzi, ma le schegge hanno comunque arrecato ingenti danni. Ci sono stati anche dei razzi che superato lo sbarramento, hanno colpito in pieno delle case. E a Gaza, ci si domanderà? Ebbene, a Gaza l'esercito israeliano punta su siti ben precisi: tunnel di attacco, fabbriche di razzi, quartieri generali di organizzazioni terroristiche. Quattro morti, tra cui due leader terroristi, in più di cento bombardamenti aerei. Parlando per una volta all’unisono, Stati Uniti e Unione Europea chiedono a Hamas di smettere il lancio dei suoi missili. Hamas nel frattempo si pavoneggia, e vuole estendere i suoi lanci al cuore del Paese. Ma torniamo alla stampa francese. Il moderatore di questo grande quotidiano che è Le Monde ha pubblicato questo commento senza esitazioni : "palladio 05/05/2019 – ore 08h17. Fin dall'inizio, il diplomatico britannico Montaigu (1917) e la commissione universitaria anglo-americana King-Crane (1919) hanno sottolineato i pericoli del progetto sionista (un progetto di conquista e di espropriazione). Ma dopo 100 anni di violenze generate dal sionismo, Le Monde continua a non mettere mai in discussione le conseguenze del sionismo, il suo ruolo nell'escalation secolare della violenza. In modo indiscriminato". Io l'ho segnalato. Chissà, potrebbe essere rimosso prima che venga pubblicata questa mia analisi.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT