domenica 21 aprile 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Sono i terroristi di Hamas i veri responsabili dell'oppressione degli arabi palestinesi a Gaza' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
Sinistro vaudeville (operetta) a Gaza 19/03/2019

Sinistro vaudeville (operetta) a Gaza
Commento di Michelle Mazel

https://benillouche.blogspot.com/2019/03/vaudeville-gaza-par-michele-mazel.html#more


rivolta nelle strade di Gaza

I fatti: la sera di giovedì scorso, 14 marzo, sono stati lanciati due razzi Fajr da Gaza su Tel Aviv. Questi piccoli gioielli di fabbricazione iraniana pesano poco meno di una tonnellata, ed hanno un carico utile di poco meno di duecento chili. Un razzo esplode in aria e l'altro cade in mezzo a un campo. Nessun ferito, nessun danno ma una grande paura per gli abitanti di Tel Aviv, sgomenti tra sorpresa e incredulità. Nel frattempo, a Gaza City, dove quello stesso giorno si era svolta una manifestazione popolare su vasta scala contro Hamas, repressa a colpi di gas lacrimogeni e di pallottole vere, la tensione non si era ancora placata. Di certo non era stata la prima dimostrazione, ma questa volta le persone sono visibilmente allo stremo e non esitano a scendere in strada e a scontrarsi con le forze di sicurezze. Una situazione imbarazzante per il capo dell'organizzazione terroristica, Yahya Sinwar, che sta cercando, con l’intermediazione di una delegazione militare egiziana, una via d'uscita dalla crisi con Israele. Un anno dopo l’inizio della Grande Marcia del Ritorno, dopo le dimostrazioni alla frontiera, gli aquiloni e poi i palloncini esplosivi, gli attacchi contro la barriera di recinzione che separa la Striscia di Gaza dallo Stato di Israele all'interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale, Hamas non ha riportato la minima vittoria. I gazawi morti e feriti non mietono più alcun consenso, e non meritano più neppure un trafiletto sui media occidentali. Peggio ancora, con l'avvicinarsi delle elezioni in Israele, l'IDF ha già ricevuto l’ordine di contrattaccare dopo ogni pallone incendiario, dopo qualsiasi tentativo di attraversare la barriera.

Per quanto riguarda l'Autorità palestinese, ha smesso di pagare i suoi funzionari a Gaza e di versare le somme riscosse e dovute a Hamas a fronte dei diritti doganali. Senza il sostegno economico del Qatar, non ci sarebbe nemmeno più elettricità. Se quella sera gli egiziani erano a Gaza, non è per simpatia verso una parte o l'altra, ma perché vogliono la pace ai loro confini. Quindi sono pronti a fare da intermediari, a trasmettere le proposte e le reazioni reciproche. Mentre la discussione è in pieno svolgimento, suona il telefono del capo della delegazione egiziana. All’altro capo della linea, il suo interlocutore al Cairo urla e vuole sapere perché Hamas lancia missili su Tel Aviv. Sinwar sembra sorpreso, nega. Qualcuno accende la televisione. Le immagini sono lì, inconfutabili. C'è un attimo di esitazione. Sinwar finge di non saperne nulla, giura che andrà fino in fondo, esorta immediatamente gli egiziani, che sono furibondi, a chiamare il loro corrispondente in Israele per dichiarare che Hamas non è responsabile. È necessario a tutti i costi evitare l’escalation. In Israele i toni politici del centro e della destra stanno già montando con dichiarazioni bellicose. Comunque, il messaggio è passato e le rappresaglie israeliane - innescate con un certo ritardo per consentire alla delegazione egiziana di attraversare il confine verso Israele - rimangono limitate. Nel frattempo, le organizzazioni jihadiste a Gaza stanno dichiarando, una dopo l'altra, di non aver nessuna responsabilità del lancio di razzi. Solo dopo lunghe ore Hamas ammette che è stato lui - o uno dei suoi militanti - a premere il pulsante per "errore" , non una, ma due volte, e che, per puro caso, i razzi erano stati programmati per colpire Tel Aviv. Il colpevole, si dice, sarà severamente punito. Come misura precauzionale e per non aggravare le cose, Hamas dichiara che per la prima volta in quasi un anno, venerdì prossimo non ci saranno proteste al confine, nessun pallone incendiario e nessuna provocazione. La calma del venerdì nella Striscia di Gaza è stata quindi disturbata solo da un'altra manifestazione popolare. Non contro Israele, ma contro Hamas.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron”


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT