mercoledi` 12 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
Una strana guerra 11/08/2018

Una strana guerra
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)

http://www.jforum.fr/drole-de-guerre-par-michele-mazel.html

Immagine correlata
Terroristi di Hamas

Dei centocinquanta razzi e di tutti i colpi di mortaio che la mattina del 9 agosto Hamas ha lanciato sui villaggi e sopra ai kibbutzim di Israele, non si è fatta alcuna menzione nella stampa occidentale. Né sono stati citati i venticinque feriti, tutti civili, e le due donne incinte trasportate d’urgenza in ospedale per un parto prematuro. C’è stato silenzio, fatta eccezione per Le Monde, il quale annuncia che "Hamas mercoledì ha sparato decine di razzi verso Israele. Tre persone, tra cui un neonato, sono state uccise nei bombardamenti di rappresaglia. " L’importante quotidiano si riferisce ovviamente alle vittime palestinesi, delle altre non gliene importa assolutamente nulla. Così come è di scarso interesse la situazione delle migliaia di bambini che hanno passato la notte nei rifugi. Per quel che riguarda l’enorme danno materiale, a chi importa? Del resto in passato, prima della Guerra dei Sei Giorni, quando micidiali raid terroristici erano stati lanciati contro Israele all’interno dei suoi confini, riconosciuti a livello internazionale, una famosa caricatura mostrava i membri del Consiglio di Sicurezza intenti a redigere la condanna delle rappresaglie che lo Stato ebraico non perdeva l’occasione di innescare. Ci si perde in congetture sulle ragioni di questa cecità dell'Occidente che si vorrebbe attribuire all'antisemitismo o all'anti-sionismo.

Immagine correlata

Da mesi ormai Israele ha invano rivendicato i poveri resti di due soldati morti in battaglia quattro anni fa durante l'operazione ”Margine di protezione”. Vuole avere anche notizie di due civili, apparentemente squilibrati, che avevano attraversato erroneamente il confine. Questi due uomini non sono mai stati visitati da un rappresentante della Croce Rossa e le loro famiglie non sanno nemmeno se sono ancora vivi. Ci si aspettava che delle organizzazioni umanitarie così pronte a criticare Israele, sarebbero insorte contro questo trattamento disumano e, naturalmente, contrario a tutte le convenzioni internazionali e al senso umano in generale. Stiamo ancora aspettando e il silenzio di queste persone, che fanno della loro buona coscienza la loro ragion d’essere, è assordante. Come è assordante il silenzio dei leader europei di fronte alle devastazioni di questi aquiloni innocui e di altri palloncini incendiari. Semplicemente non si vuole vedere. Eppure qualcuno c’è , che vede il pericolo, che sta tentando con ogni mezzo di calmare le acque.

L'Egitto, un Paese di confine sia della Striscia di Gaza che di Israele, ha compreso il pericolo. Sta facendo ogni sforzo per riportare Hamas alla ragione, usando ora la carota ora il bastone. E resta totalmente emarginato. I leader di Hamas però sono sordi alla ragione, perché sono armati dell'incomprensibile tacito sostegno di un'Europa invischiata nei suoi egoistici problemi e intrappolata in una concezione manichea, secondo cui lo Stato ebraico è colpevole di tutti i peccati, e lo è Israele, che si oppone ai coraggiosi combattenti per la libertà. Non importa a nessuno se questa sinistra strana guerra, che dura da più di tre mesi, rischia di trasformarsi da un momento all'altro in un conflitto, tanto reale quanto mortale.

Risultati immagini per michelle mazel
Michelle Mazel


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT