Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Il Foglio Rassegna Stampa
06.07.2022 Minaccia Crimea
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 06 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Minaccia Crimea»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 06/07/2022, a pag. 1, con il titolo "Minaccia Crimea", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Russia-Ukraine war: List of key events, day 113 | Russia-Ukraine war News |  Al Jazeera

Roma. La Russia teme che l’Ucraina possa attaccare il ponte di Kerch, la struttura che collega la Crimea alla regione russa di Krasnodar inaugurata da Vladimir Putin quattro anni fa e alla quale Margarita Simonyan, direttrice di Rt, dedic un film, una commedia sentimentale patriottica: la definizione del genere cinematografico la sua. Abbattere il ponte sarebbe un risultato importante per gli ucraini: interromperebbe una delle arterie usate dai russi per rifornire i soldati stanziati in Crimea. Gli ucraini hanno dimostrato di saper essere precisi e i russi, per evitare che il ponte venga colpito, hanno iniziato ad avvolgerlo di nebbia artificiale per nasconderlo alle ricognizioni aeree, correndo il rischio di tamponamenti tra gli automobilisti che lo percorrono. La Crimea la penisola che la Russia ha occupato nel 2014 e in otto anni l’ha anche preparata per l’invasione dell’Ucraina, che non un’idea estemporanea, ma un progetto coltivato da tempo. Una delle direttrici lungo le quali Mosca ha mosso le sue truppe contro Kyiv proprio la penisola: dalla Crimea iniziato l’attacco contro Kherson, la prima regione occupata dai russi dall’inizio dell’invasione. Negli anni dopo l’occupazione della Crimea, l’Ucraina aveva cercato di interrompere le vie di comunicazione con il resto del paese e anche le riserve idriche. Ora Mosca ha annunciato che la Crimea pronta a essere ricollegata con altri territori occupati, attraverso un “ponte di terra, come lo ha chiamato il ministro della Difesa Sergei Shoigu, che la renda accessibile dalle oblast di Kherson e di Zaporizhzhya, anche attraverso il ripristino dei collegamenti ferroviari. La campagna russa per russizzare il sud dell’Ucraina va avanti, un’azione di forza che mira ad avere il controllo sociale e burocratico. La penisola ha un alto valore strategico: si allunga tra il Mar Nero e il Mare di Azov, che ormai in mano russa. Negli anni dell’occupazione, non diventata il miracolo economico che Putin aveva promesso, anzi, si impoverita nonostante il Cremlino le abbia destinato pi sussidi che a regioni russe come il Daghestan o la Cecenia. Anche il turismo ne ha risentito e oggi, con la guerra e le immagini dei caccia che sorvolano le spiagge, gli alberghi hanno visto i loro ospiti diminuire ulteriormente: oltre un terzo rispetto allo scorso anno. L’aeroporto di Sinferopoli chiuso e la penisola parte cruciale del conflitto, si estende per acque in cui passano navi da guerra. Le altre navi che percorrono le acque della Crimea sono i mercantili carichi di grano. Il porto di Sebastopoli uno dei punti chiave da cui esportare il grano rubato all’Ucraina. I cereali dei raccolti di Kyiv di cui la Russia si appropria vengono spesso portati in Crimea, dove, in parte, vengono mischiati con il grano russo, e mandati nel paesi disposti a comprarli. Secondo il Wall Street Journal, il bel tempo e i flussi russi del grano hanno contribuito a temperare la crisi alimentare. La Russia uno dei pi grandi esportatori di grano e quest’anno, secondo i dati relativi al periodo di aprile, ha esportato l’80 per cento in pi rispetto allo scorso anno. Una delle rotte del grano va proprio da Kherson fino alla Crimea, dove viene caricato sulle navi e poi fatto partire. La Crimea, l’avamposto che Putin ha messo su con pazienza, piazzato tra i due mari ucraini, il Mar Nero e il Mare d’Azov, oggi una delle condizioni che ha permesso all’invasione russa di procedere da sud. Per questo gli ucraini studiano come liberarsi della minaccia che viene dalla penisola, che nel cuore della strategia russa. In otto anni Putin ha creato la base dell’invasione e va tenuto a mente quando oggi si suggerisce di lasciare alla Russia il Donbas, il cuscinetto a est. Otto anni fa, con la Crimea, si prefer aspettare, lasciarla al Cremlino. Se si lasciasse il Donbas alla Russia, le conseguenze potremmo vederle nei prossimi otto anni. E’ questo che gli ucraini non si stancano di ripetere.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui