Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Il Foglio Rassegna Stampa
30.06.2022 Francia, l’appello di Alain Finkielkraut e Elisabeth Badinter
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 30 giugno 2022
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Come Samuel Paty»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 30/06/2022, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'Come Samuel Paty'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Alain Finkielkraut: racconto “in prima persona” - Mosaico
Alain Finkielkraut

se a noi tocca la boldrini, in francia si godono elisabeth badinter - ecco  chi e' - Cronache
Elisabeth Badinter

Roma. “Sia rafforzato il servizio di sorveglianza”, ha chiesto alla polizia il rettorato di Parigi. Il liceo Carlo Magno, nel quarto arrondissement, da giorni è oggetto di attenzione da parte dei servizi accademici, giudiziari e prefettizi. Da quando un insegnante è rimasto vittima di minacce di morte. Un nuovo caso Samuel Paty? Una inchiesta è stata appena aperta in Francia per omissione di soccorso dopo che la famiglia di Paty, il professore di storia e geografia assassinato da un islamista nei pressi della scuola in cui insegnava, ha denunciato l’amministrazione pubblica per non averlo sufficientemente protetto. La vicenda al liceo Carlo Magno inizia quando una ragazza col velo si presenta davanti al liceo per partecipare all’esame di maturità. Il dirigente scolastico le chiede di togliersi il chador, come prevede la legge del 2004. Iniziano a circolare minacce di morte sui social, fino a quando è divulgata l’identità del professore. Studenti parlano di “islamofobia”. Qualcuno rievoca i “fatti del 1989”, quando durante il bicentenario della Rivoluzione francese e con la pubblicazione del romanzo di Salman Rushdie “I versi satanici” un liceo di Creil (Oise) negò l’ingresso a tre studentesse velate, prima di cedere. In un appello lanciato dal Nouvel Observateur e firmato da Alain Finkielkraut e Elisabeth Badinter, diversi intellettuali parlano di “Monaco della scuola repubblicana”. Di capitolazione in capitolazione… “Caroline L.”, della facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Aix-Marseille, è stata accusata di “islamofobia” e ha ricevuto minacce di morte. Il suo crimine? La professoressa ha detto in classe: “Non c’è libertà di coscienza nell’islam. Se sei nato da padre musulmano, sei un musulmano a vita. Una specie di religione trasmessa sessualmente. Uno dei maggiori problemi che abbiamo con l’islam, e purtroppo non è l’unico, è che l’islam non riconosce la libertà di coscienza. E’ assolutamente terrificante”. Il liceo Pierre Joël Bonté di Riom è stato chiuso a causa di “insulti e minacce di morte” contro gli insegnanti. Un altro insegnante è stato fisicamente minacciato alla scuola Battières di Lione, dove iniziò la carriera Paty. Il padre di un alunno è andato a trovare l’insegnante, sfidandolo davanti a testimoni. Il docente è stato messo in congedo e ha chiesto il trasferimento. In un liceo di Caluire-et-Cuire, a Lione, uno studente ha minacciato un insegnante di “tagliargli la testa”. Ad Albertville, in Savoia, la polizia ha dovuto convocare quattro alunni e i loro genitori perché in classe avevano detto che “quell'insegnante merita di morire”. A Grenoble, un estremista è stato arrestato per aver minacciato di decapitare un docente di storia e geografia. Alla scuola media Pierre Mendès France, a Samur, uno studente ha detto al suo insegnante: “Mio padre ti decapiterà”. E’ diventato impossibile anche solo tenere un elenco preciso di questi episodi. Si verificano quotidianamente in Francia. Un nuovo sondaggio rivela il livello di autocensura tra gli insegnanti francesi. Per evitare possibili incidenti, un docente su due ammette di autocensurarsi in classe, specie quando si tratta di islam. Mediante la paura, il terrore e l’intimidazione, l’islamismo raccoglie ciò che ha seminato.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui