Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Il Foglio Rassegna Stampa
23.06.2022 Al Consiglio europeo la decisione sullo status dell’Ucraina
Editoriale

Testata: Il Foglio
Data: 23 giugno 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «E’ ora di pianificare la guerra lunga»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/06/2022, a pag.3, l'editoriale "E’ ora di pianificare la guerra lunga".

Ucraina Russia: news di oggi sulla guerra - La Stampa

Il Consiglio europeo di oggi è storico per la decisione di concedere lo status di paese candidato all’Ucraina. Inimmaginabile il 28 febbraio, quando quattro giorni dopo l’invasione della Russia Volodymyr Zelensky ha firmato la richiesta di adesione, questo gesto può apparire simbolico: un incoraggiamento a un popolo che resiste contro l’aggressore e difende i valori europei. In realtà, è molto di più. E’ il riconoscimento della lunga lotta degli ucraini, che hanno attraversato due rivoluzioni (arancione del 2004 ed Euromaidan del 2014) e due guerre (l’annessione della Crimea e il separatismo nel Donbas nel 2014 e l’invasione nel 2022) per vedersi riconoscere le loro aspirazioni. E’ la dimostrazione che l’Ue rimane un faro che attrae pacificamente chi vuole vivere in democrazia, libertà e prosperità. E’ la risposta migliore all’imperialismo di Vladimir Putin che offre solo asservimento. E’ l’impegno dell’Ue a sostenere l’Ucraina fino in fondo: nel conflitto e nella ricostruzione economica e istituzionale.

Ucraina Russia, news sulla guerra di venerdì 17 giugno- Corriere.it

Lo status di candidato non è l’adesione (ci vorranno anni), ma non è nemmeno la fine della guerra. Da questo punto di vista, il Consiglio europeo rischia di essere un’occasione mancata. Oltre a quella del Donbas, Putin ha lanciato una guerra di logoramento contro l’Ue sul gas e minaccia la Lituania. Eppure i leader sono riluttanti a discutere della proposta di Mario Draghi di un tetto al prezzo del gas, la contromossa più efficace per rispondere a Putin. Alcuni leader non vogliono nemmeno parlare di Lituania o di nuove sanzioni. Questo dovrebbe essere il momento di pianificare la lunga guerra, anche con strumenti straordinari dell’Ue per far fronte alle urgenze militari, securitarie ed energetiche interne. “Questo è il momento dell’Europa” che deve avere lo stesso “coraggio che ha dimostrato Zelensky”, aveva detto Draghi durante la visita a Kyiv. Il suo appello rischia di rimanere inascoltato.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui