Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Il Foglio Rassegna Stampa
10.03.2021 Peter Pan censurato
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 10 marzo 2021
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Il libro che non c'è»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 10/03/2021, a pag.1, con il titolo "Il libro che non c'è", l'analisi di Giulio Meotti.

Immagine correlata
Giulio Meotti

Le avventure di Peter Pan, Walt Disney in viaggio verso l'isola che non c'è
Peter Pan censurato

Roma. Il clima è quello in cui il più celebre fumettista americano, Theodor Geisel, "Dr. Seuss", scomparso nel 1991 e che ha venduto 650 milioni di copie di libri per l'infanzia, fra cui "Il Grinch", è diventato infrequentabile. Sei libri del Dr. Seuss non verranno più stampati a causa di "immagini razziste" e sono stati ritirati dalle scuole della Virginia, dal portale di vendite eBay e dalla Chicago Public Library. Appena sei anni fa, Michelle Obama aveva portato uno dei libri del Dr. Seuss alla Casa Bianca, "The cat in the hat". Oggi l"`Iliade", "Le avventure di Huckleberry Finn", "Il buio oltre la siepe" di Harper Lee e "Uomini e topi" di John Steinbeck vengono ritirati da molte scuole, mentre "Tintin in Congo" di Hergé, scrive il New York Times, "è diventato praticamente introvabile negli Stati Uniti". Allo stesso modo i libri di Richard Scarry, il prolifico autore e illustratore di libri per bambini che ha venduto 160 milioni di copie, sono stati "rivisti" per riflettere l'uguaglianza di genere. Così un orso poliziotto è diventato un orso femmina e una gatta che spinge un passeggino è diventata un gatto. Nel 2018 e nel 2019, la Toronto Public Library ha ricevuto numerose richieste di rimozione di libri. Come "Good Dog Carl and the Baby Elephant", perché in esso "i bambini piccoli vengono lasciati incustoditi in uno zoo e interagiscono con animali selvatici, concetti obsoleti". Volevano che il libro fosse rimosso dalla collezione dei bambini e che la biblioteca "distruggesse tutte le copie". Racconta il National Post che "Peter Pan è stato rimosso dalla Toronto Public Library". Il libro di J. M. Barrie è stato collocato in una sala speciale di lettura di titoli controversi, accusato di contenere "molti stereotipi grotteschi, scene di appropriazione culturale e dialoghi offensivi". In Unione Sovietica avevano le "spezkhran", i fondi speciali delle biblioteche. Libri con il timbro "per uso di servizio". Lo slogan era: "Meglio vigilare troppo che poco". Alla biblioteca di Leningrado, ogni libro aveva una, due o tre stellette a seconda del "rischio" che rappresentava. C'erano i romanzi di Balzac, George Sand, Emile Zola e Ibsen, perché "quasi tutti i personaggi dei suoi drammi danno vita a una dura protesta contro la struttura sociale". Qualche giorno fa, sul New York Times, Pierre Nora, che in Francia ha diretto il Débat, ha attaccato cosi la cancel culture: "Alcuni di noi sono abbastanza vecchi da avere echi in testa di Goebbels che disse: `Quando sento la parola `cultura', metto mano alla pistola".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui