Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

La Stampa Rassegna Stampa
24.01.2022 A Novara la corsa per la Memoria
Commento di Elena Loewenthal

Testata: La Stampa
Data: 24 gennaio 2022
Pagina: 14
Autore: Elena Loewenthal
Titolo: «La risposta di Novara»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 24/01/2022, a pag.14, con il titolo 'La risposta di Novara', l'analisi di Elena Loewenthal.

A destra: Shaul Ladany

Risultati immagini per elena loewenthal
Elena Loewenthal

Capita molto di rado che la storia si faccia giustizia da sola. Capita ancor più di rado con il presente, i fatti di solito restano in sospeso. Novara, alla vergogna dei No Pass vestiti da prigionieri dei Lager nazisti, ha risposto con la Corsa della memoria. E in corsa c'era prima di tutto Shaul Ladany, ottantacinque anni, sopravvissuto allo sterminio nazista. E ieri correva a Novara, insieme a tutti gli altri partecipanti della «Run for memory», la maratona della memoria che si tiene ogni anno ormai a qualche giorno di distanza dal Giorno della Memoria. «Tre mesi fa», ha spiegato il sindaco della città Alessandro Canelli, «manifestare indignati contro il corteo dei no green pass che avevano strumentalizzato ai loro fini la deportazione. Noi ci siamo compattati tutti, istituzioni e società civile per dire tutto il nostro sdegno. E anche per questo abbiamo accolto con grande piacere la scelta di portare a Novara la Run for memory». Insieme a Shaul, a Enrico Ruggeri che ha dato il via alla manifestazione, erano davvero in tanti ieri a Novara, a correre per ricordare, per marcare il territorio di Novara che, come altra città e angolo d'Europa, porta il segno di quello che è stato. In tanti a correre per la città, a ricordare e anche a dire che no, il passato non è un comodo strumento da manipolare a misura delle proprie ossessioni e dei deliri no vax. Così, con questa corsa, con la sua partecipazione, con lo slancio civile di tutta la sua città di Novara e del suo sindaco che ha fortemente e giustamente voluto portarvi la Run for Memory di quest'anno, è successa una cosa che in fondo da sempre racconta la tradizione ebraica: e cioè che la vocazione, e la missione del genere umano è quella di «riparare» il mondo. Di veder cosa vi è di ingiusto, di male, di sbagliato, e provare giorno per giorno a rimediare. A lavorare per lasciare il mondo un po' meglio di come lo si trova. Non è detto che ci si riesca, ma nessuno può esimersi dal provare, dall'impegnarsi. È proprio in ottemperanza a questo principio primario, dunque, che ieri la città di Novara, e in primis il suo sindaco, ha detto no all'indifferenza. Anche quella delle parole: perché le parole non sono mai indifferenti, e men che meno i gesti. Quello che è successo tre mesi fa, a Novara, era una vergogna, un insulto al passato, alle donne, agli uomini e ai bambini che quel passato l'hanno vissuto, ci sono morti o ne sono usciti. Era un insulto alle parole. Era, soprattutto, un insulto alla città di Novara. Reagire correndo tutti insieme, per non dimenticare - né quel passato tremendo né quello che era successo tre mesi fa- ha significato davvero sentire che l'indifferenza è ingiustizia e che all'ingiustizia si può e si deve rimediare, sentendosi parte di un'umanità che è a questo mondo anche per provare a ripararlo, a far sì che qualcosa di meglio possa e debba succedere. La città di Novara, il suo Sindaco, i testimoni, le gambe che ieri correvano per le sue strade, hanno dimostrato che si può.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui