Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

fiammanirenstein.com Rassegna Stampa
02.01.2022 Il lato oscuro di Desmond Tutu
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: fiammanirenstein.com
Data: 02 gennaio 2022
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Il lato oscuro di Desmond Tutu»
Il lato oscuro di Desmond Tutu
Commento di Fiamma Nirenstein

(da fiammanirenstein.com)

Sudafrica: è morto l'arcivescovo Desmond Tutu, eroe della riconciliazione  dopo l'apartheid | Sky TG24
Desmond Tutu

Desmond Tutu è stato sepolto ieri con tutti gli onori, ed è giusto: perché il vescovo sudafricano è stato un grande combattente della battaglia contro l'apartheid in Sud Africa, e ha contribuito a distruggere l'obbrobrio razzista, la peggiore delle violazioni dei diritti umani. Ma dobbiamo essere giusti, ed evitare, specie in tempi di antisemitismo crescente, di costruire falsi santini. Qualcosa si è confuso nella psiche del vescovo rivoluzionario, se il suo messaggio dalla sacrosanta crociata contro il razzismo si è avventurato in una autentica guerra contro il Popolo ebraico, la sua religione, il suo Stato. Purtroppo restano nella sua biografia le frequenti affermazioni contro la "lobby" ebraica definita "troppo potente” e "terrificante", gli stereotipi che usava per gli ebrei sul "denaro", il "potere", "l'arroganza", l'idea nazifascista che siano gli ebrei "la causa di molti problemi nel mondo". Tutu era appassionatamente filopalestinese, e questo è legittimo: ma sostanziava la sua passione con una quantità di stereotipi menzogneri, paragonando gli ebrei ai nazisti, e trasferendo su di loro il concetto di Shoah. Diceva che gli ebrei si attribuisco il monopolio dell'Olocausto, e che il mondo non vuole perdonare i nazisti, mentre perdona Israele per l'Olocausto che opera sui palestinesi; ha persino detto che "le camere a gas" erano comunque "una morte più pulita" di quella inflitta dall'apartheid di Israele sui palestinesi. Tutu immaginò proditoriamente e con violenza propagandistica che Israele fosse razzista, come lo era il Sud Africa bianco, verso gli arabi… E non finisce qui. La sua invenzione che Israele sia razzista è la madre della delegittimazione odierna del Paese del Popolo ebraico, che è invece multirazziale, multietnico, multiculturale, multicolore, pieno di immigrati dall'Africa, con una minoranza araba che ha tutti i diritti, che protegge i cristiani, i bahai, qualsiasi minoranza religiosa. Gli arabi siedono in Parlamento e nel Governo con un Partito della Fratellanza musulmana oltre ad avere accesso a ruoli di primaria importanza nelle università, negli ospedali, nell'high-tech, nella vita sociale e pubblica. L'invenzione di boicottare Israele, di Desmond Tutu, è la madre del BDS: un movimento che cerca di soffocare Israele, compreso gli arabi israeliani e i palestinesi che vi sono legati, strangolandolo culturalmente ed economicamente, ed è difficile da attribuire a un cuore cristiano e altruista. Tutu ha risposte all'accusa di essere antisemita dicendo che "c'è poco da fare, gli ebrei sono un popolo peculiare, gli piaccia o meno". Sì, peculiare, altruista, morale, forte e determinato: lui se lo immaginava in modo stravolto dall'odio, e questo si chiama antisemitismo. Niente monumenti per favore.


www.fiammanirenstein.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui