Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Italia Oggi Rassegna Stampa
12.04.2016 Israele: tutti i numeri della crescita economica
Quasi nessuno Ŕ disoccupato, moneta forte e risorse da gestire

Testata: Italia Oggi
Data: 12 aprile 2016
Pagina: 16
Autore: la redazione
Titolo: «L'economia israeliana quasi senza disoccupati»

Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 12/04/2016, a pag. 16, la breve "L'economia israeliana quasi senza disoccupati".

Immagine correlata

Gli indicatori economici di Israele farebbero la felicitÓ dei paesi occidentali. L'ultimo rapporto macroeconomico della Banca centrale israeliana attesta che, malgrado il rallentamento globale, il pil del paese Ŕ cresciuto del 2,5% nel 2015, e indica che dovrebbe mantenersi pi¨ o meno su questo livello anche quest'anno. II ministero delle finanze prevede un 2,8% per il 2016, in ribasso rispetto alla stima iniziale di un pi¨ robusto 3%.

Nonostante l'export abbia sofferto la concorrenza internazionale, l'economia ha beneficiato della forte caduta del costo dell'energia globale e del prezzo delle materie prime. Uno degli indicatori pi¨ positivi Ŕ il tasso di disoccupazione che l'anno scorso era a quota 5,3% contro il 5,9% del 2014. Un record dalla metÓ degli anni Ottanta. Tra il 1995 e il 2010 la media era del 10,4%.

Immagine correlata

Soddisfatto il premier Benyamin Netanyahu che ha difeso la necessitÓ di diversificare gli scambi per aumentare ulteriormente la crescita. Le esportazioni sono enormemente cresciute grazie al primo accordo di libero scambio con la Cina. Parallelamente sono state avviate trattative pi¨ favorevoli con il Giappone. Inoltre, l'estrazione di gas dai giacimenti marini porterÓ miliardi nelle casse dello stato a tutto vantaggio dell'economia del paese che dovrÓ registrare un aumento dei consumi.

Dietro questi propositi e questo ottimismo la realtÓ Ŕ un po' pi¨ complessa. II ministero delle finanze ha rivisto al ribasso le stime di crescita per il 2016, a 2,8% invece del 3%, in conseguenza soprattutto del calo dell'export, sceso del 3,6% a febbraio 2016 e dell'1,3% complessivamente sul 2015. II deficit di competitivitÓ Ŕ una preoccupazione. La banca centrale che possedeva un'ammontare record di riserve in valuta (91 mld di dollari, circa 80 mld di euro) Ŕ obbligata a intervenire in conseguenza della forza dello shekel, la moneta israeliana che a marzo si Ŕ apprezzata come non mai dal 2011.

Immagine correlata

Un'altra questione riguarda l'annullamento, da parte della Suprema Corte, dell'accordo storico fra il consorzio americano Noble Energy e l'israeliana Delek Drilling, per lo sfruttamento dei giacimenti di gas offshore, Tamar e Leviathan, scoperti nel 2009 al largo di Israele. I giudici hanno dato un anno di tempo per rivederlo. La posta in gioco Ŕ l'indipendenza energetica del paese. Pesano anche l'elevato costo delle case e il governo dovrÓ moltiplicare gli sforzi per aumentare l'offerta a prezzi ridotti e per diminuire la povertÓ: un problema che riguarda 2,6 milioni di persone (31,9% della popolazione), tra i quali 998 mila bambini.

Per inviare la propria opinione a Italia Oggi, telefonare 02/ 582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


italiaoggi@class.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui