Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Corriere della Sera Rassegna Stampa
30.01.2022 La Risiera di San Sabba, il lager italiano dimenticato
Commento di Edek Osser

Testata: Corriere della Sera
Data: 30 gennaio 2022
Pagina: 37
Autore: Edek Osser
Titolo: «La Risiera di San Sabba, il lager italiano dimenticato»
Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 30/01/2022, a pag. 37, con il titolo "La Risiera di San Sabba, il lager italiano dimenticato", il commento di Edek Osser.

Risiera di San Sabba - Wikipedia
La Risiera di San Sabba

Il 27 gennaio Ŕ stata celebrata la Giornata della Memoria, ma non per un luogo simbolo della mortale collaborazione tra fascismo e nazismo. Sono nato a Udine e conosco la storia delta Risiera di San Sabba a Trieste, punto di smistamento per Auschwitz di migliaia di ebrei e altri źnemici╗ del regime, ma anche unico campo di sterminio italiano con forno crematorio, dove sono state uccise dalle 3 alle 5 mila persone. In questi giorni ho cercato invano sui mezzi d'informazione, tv e giornali, la vicenda delta Risiera. Del resto, alla fine della guerra nel 1945, la sua esistenza Ŕ stata prima negata e poi dimenticata. Disperse e ignorate le testimonianze di chi l'ha vissuta e sapeva. Soltanto trent'anni dopo, nel 1916 aTrieste si Ŕ celebrato un processo per quei delitti: aula vuota e nessun imputato presente. II direttore del campo, Joseph Oberhauser, condannato all'ergastolo, continu˛ a vendere birra a Monaco. L'Italia non chiese allora l'estradizione. Da quel lager ancora poco noto da noi, pass˛ anche un amico di mio padre, il conte Elio Morpurgo, ebreo, personaggio di primo piano in Friuli e a Trieste, giÓ sindaco di Udine. Aveva 86 anni, malato, fu arrestato in ospedale, portato a San Sabba e caricato sul treno per Auschwitz dove non arriv˛ mai. II suo corpo non fu ritrovato. Oggi la Risiera Ŕ un diventato un museo testimonianza della attivitÓ di un campo di sterminio anche in Italia.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui