Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Corriere della Sera Rassegna Stampa
16.11.2021 Noemi Di Segni, Ruth Dureghello: due donne al vertice dell'ebraismo italiano e romano
Commento di Paolo Conti

Testata: Corriere della Sera
Data: 16 novembre 2021
Pagina: 32
Autore: Paolo Conti
Titolo: «Donne al vertice: dall'ebraismo il buon esempio»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 16/11/2021, a pag.32, con il titolo "Donne al vertice: dall'ebraismo il buon esempio" il commento di Paolo Conti.

A destra: Noemi Di Segni

Immagine correlata
Paolo Conti

Senza proclami né clamori, ma concretamente e nei fatti, l'ebraismo italiano sta impartendo una civilissima lezione all'intera società italiana sul terreno della conquista delle leve di comando operativo e non simbolico da parte delle donne. Domenica 7 novembre Noemi Di Segni, protagonista di recenti e durissime battaglie contro i rigurgiti antisemiti nell'estrema destra, è stata riconfermata presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane per un secondo mandato e proprio oggi sarà al Padiglione Italiano all'Expo Dubai 2020 per una tavola rotonda internazionale sul dialogo religioso.

Ruth Dureghello: “Bisogna lottare per i diritti. È questo l'unico antidoto  contro l'odio e il razzismo” - La Stampa
Ruth Dureghello

La Comunità ebraica romana (la più antica e numerosa d'Italia) è guidata da Ruth Dureghello, a sua volta riconosciuta e combattiva protagonista della complessa scena civile e sociale romana, anche lei riconfermata per un altro mandato nel 2019. Sono donne le presidenti di altre Comunità locali: Merano, Vercelli, Modena, Napoli, Ancona. La comunità ebraica progressiva di Roma «Beth Hillel» è guidata da una donna, Daniela Gean (con una vicepresidente, Pamela Harris, e una presidente onoraria, Franca Eckert Coen). Le due più prestigiose firme dell'attuale letteratura italiana di ispirazione ebraica sono donne, cioè Edith Bruck e Lia Levi, entrambe novantenni, vincitrici di prestigiosissimi premi e autrici di fortunati best seller. Nell'ebraismo, la certezza della trasmissione dell'appartenenza è matrilineare, quindi l'identità è nelle mani delle madri. Nella Torah, a un certo punto, c'è una discussione tra Abramo e sua moglie Sara. E Sara afferma: «Decide Dio chi ha ragione». Dio, rivolgendosi ad Abramo, risponde: «Tutto ciò che Sara ti dice, ascoltalo», un passo che molti Rabbini interpretano come riconoscimento di una sua superiorità profetica. Tutto questo materiale religioso culturale spiega come e perché, nel 2021, l'ebraismo italiano vede tante donne al potere.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottotante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui