Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Informazione Corretta Rassegna Stampa
06.10.2021 Contro la propaganda sui 'coloni antisemiti': il discorso di Dagan all'Onu
Commento a cura di Celeste Vichi

Testata: Informazione Corretta
Data: 06 ottobre 2021
Pagina: 1
Autore: Celeste Vichi
Titolo: «Contro la propaganda sui 'coloni antisemiti': il discorso di Dagan all'Onu»
Contro la propaganda sui 'coloni antisemiti': il discorso di Dagan all'Onu
Commento a cura di Celeste Vichi

(tratto dal Jerusalem Post)

Yossi Dagan criticizes the expected move with the United Arab Emirates
Yossi Dagan

Il capo del Consiglio regionale della Samaria, Yossi Dagan, ha affermato che il diverso standard utilizzato dalle Nazioni Unite per descrivere la violenza ebraica contro la violenza palestinese era antisemita. Le Nazioni Unite devono annullare la loro narrativa errata su come i coloni ad agosto hanno rapito un adolescente palestinese, che si basava su un linguaggio che si allinea con i paradigmi antisemiti, ha accusato il capo del Consiglio regionale della Samaria Yossi Dagan. Dagan ha parlato in una lettera che ha scritto al coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente Tor Wennesland la scorsa settimana che è stata inviata ai media martedì sera. Ha contestato il briefing di Wennesland al Consiglio di sicurezza di New York ad agosto che riguardava le accuse di un adolescente palestinese secondo cui era stato rapito e picchiato da un gruppo di coloni. Dagan ha detto che Wennesland ha parlato dei presunti attacchi di ebrei contro un adolescente palestinese come "efferati", ma quando in seguito ha fatto riferimento ai palestinesi condannati per aver ucciso ebrei in attacchi terroristici ha parlato di loro come "martiri".

Dagan ha denunciato che il diverso standard usato da Wennesland per descrivere la violenza ebraica contro la violenza palestinese fosse antisemita. Inoltre, ha detto Dagan, le accuse dell'adolescente palestinese erano prive di fondamento e prese fuori contesto. L'esercito e la polizia ad agosto hanno collegato le accuse di rapimento alle notizie di un lancio di pietre avvenuto vicino all'insediamento evacuato di #Homesh vicino alla città palestinese di Jenin, nel nord della Cisgiordania. L'esercito all'epoca disse di aver ricevuto quel giorno una segnalazione di palestinesi che lanciavano pietre contro gli israeliani vicino a Homesh. Le forze che sono arrivate sul posto hanno visto gli israeliani, presunti coloni, inseguire un adolescente palestinese. I soldati sono intervenuti e hanno restituito l'adolescente alla sua famiglia, ha detto l'IDF all'epoca. L'ONG palestinese Defence for Children International-Palestine ha filmato l'adolescente Tareq Abdel Razzak Mohammed Zubaidi, di 15 anni, descrivendo l'evento e pubblicizzando la sua narrativa. "Il 17 agosto, un ragazzo palestinese di 15 anni è stato aggredito nel nord della Cisgiordania, durante il quale un gruppo di coloni israeliani ha rapito il ragazzo, lo ha legato a un albero e lo ha brutalmente aggredito, tagliato e bruciato", ha detto Wennesland. l'UNSC. "Sono profondamente preoccupato per questo atto atroce e mi aspetto che le autorità israeliane intraprendano un'indagine rapida, approfondita e trasparente e garantiscano che gli autori siano ritenuti responsabili", ha aggiunto. Wennesland non ha fatto alcun riferimento a notizie di lancio di pietre collegate all'attacco. Dagan ha contestato la descrizione dell'attacco di Wennesland.

"Le autorità israeliane non sembrano aver trovato alcuna prova che il giovane membro della banda di lanciatori di sassi sia stato "rapito" o "brutalmente aggredito" o bruciato da un individuo ebreo. Inoltre, nessun rapporto medico affidabile sull'incidente menziona che il minore sia stato bruciato da qualcuno. A settembre, prima della lettera di Dagan, Wennesland aveva già attenuato la sua caratterizzazione dell'attacco quando l'ha inclusa, ancora una volta, nel suo briefing dell'UNSC. "Il 17 agosto, un ragazzo palestinese di 15 anni è stato attaccato... durante il quale un gruppo di coloni israeliani ha rapito il ragazzo e lo ha brutalmente aggredito", ha detto Wennesland. Ha tralasciato, per la seconda volta, di fare riferimento ai rapporti secondo cui era collegato a un incidente con lancio di pietre. Nel suo briefing dell'UNSC di agosto, Wennesland ha anche fatto riferimento ai pagamenti mensili dell'Autorità Palestinese alle famiglie dei terroristi palestinesi incarcerati e uccisi, che ha definito "martiri". Durante il suo briefing di settembre, ha lasciato cadere il riferimento ai "martiri" quando ha descritto quella che gli israeliani hanno definito la politica "pay-for-play" dell'Autorità Palestinese. Nulla nella sua lingua indicava che la politica prevedeva pagamenti ai palestinesi responsabili dell'uccisione di cittadini israeliani innocenti. Dagan ha affermato che il rapporto di Wennesland ha avuto conseguenze potenzialmente dannose. "Sicuramente sei anche consapevole che le accuse di violenza ebraica e israeliana, anche quando non vere, tendono a incoraggiare atti di violenza antisemita contro gli ebrei", ha scritto Dagan. "Mi aspetto che tu e tutti i funzionari competenti dell'UNSC emendate il protocollo e rimuova le accuse antisemite incriminate", ha scritto Dagan. "Si prega di fare attenzione che i rapporti futuri siano basati sui fatti e non includano accuse o allusioni non verificate o antisemite come si è verificato in questo caso", ha aggiunto.

Celeste Vichi (@celeste_vichi) | Twitter
Celeste Vichi

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui