Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Informazione Corretta Rassegna Stampa
20.03.2021 La migliore recensione al libro di memorie di Barack Obama
A cura di ZOA, organizzazione sionista americana

Testata: Informazione Corretta
Data: 20 marzo 2021
Pagina: 1
Autore: ZOA
Titolo: «La migliore recensione al libro di memorie di Barack Obama»
La migliore recensione al libro di memorie di Barack Obama
A cura di ZOA, organizzazione sionista americana

Amazon.it: A Promised Land - Obama, Barack - Libri in altre lingue
La copertina del libro di Barack Obama

Scriviamo per conto dell'Organizzazione Sionista d'America (ZOA), la più antica e una delle più grandi organizzazioni filo-israeliane negli Stati Uniti. La ZOA è leader nella lotta contro l'antisemitismo e il pregiudizio anti-israeliano ovunque sorgano questi problemi. Avendo ricevuto lamentele dai nostri sostenitori e conducendo la nostra revisione, siamo profondamente preoccupati per le inesattezze fattuali, le omissioni materiali e le vere e proprie falsità contenute in una delle vostre recenti pubblicazioni - "A Promised Land" dell'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. I tanti errori sono gravi e dannosi. Il libro ha già raggiunto e influenzato milioni di lettori e avrà un impatto su molti altri. Ci aspettiamo che a questo libro venga assegnata la lettura nelle scuole, nei college e nelle università, influenzando il modo in cui i giovani e i futuri leader percepiscono Israele. I molti errori di fatto e le dichiarazioni fuorvianti di Obama saranno probabilmente ripetuti e citati in articoli e altri libri. Di conseguenza, milioni di persone saranno indotte in errore nel trarre conclusioni false e negative su ebrei e Israele. Parafrasando il senatore Daniel Patrick Moynihan, il presidente Obama ha diritto alle proprie opinioni su Israele, che esprime nel capitolo 25 del suo libro. Ma non ha diritto ai suoi fatti. Riteniamo che apprezzi l'accuratezza dei tuoi libri di saggistica e sostieni un controllo appropriato perché, secondo quanto riferito, fornisci uno stipendio ai tuoi autori di saggistica per assumere verificatori di fatti. Dati i molti errori di fatto che abbiamo identificato e delineato di seguito, il controllo dei fatti di "A Promised Land" è stato fatto in modo sciatto, se mai è stato fatto. Sapendo che questo libro, scritto da un ex presidente degli Stati Uniti, avrebbe avuto una portata e un'influenza enormi, è stato un errore non sottoporre questo libro alla verifica dei fatti più scrupolosa possibile. Per rimediare al danno, ti invitiamo a richiamare i libri che sono stati stampati in modo che gli errori e le omissioni materiali siano corretti. Come minimo, le correzioni necessarie dovrebbero essere apportate alla versione digitale e nelle future edizioni cartacee. Inoltre, poiché questo libro è il primo di due volumi, vi esortiamo a includere un capitolo che corregga le falsità e le deficienze del volume uno all'inizio del secondo volume.

Le falsità di Obama (a p. 623): "Il conflitto tra arabi ed ebrei era stato una piaga aperta nella regione per quasi un secolo, a partire dalla Dichiarazione Balfour del 1917, in cui gli inglesi, che allora occupavano la Palestina, si è impegnato a creare "una casa nazionale per il popolo ebraico" in una regione popolata in modo schiacciante da arabi ".
I fatti : questa apertura alla discussione di Obama sul conflitto arabo-israeliano suggerisce falsamente ai suoi lettori che gli ebrei erano relativamente nuovi arrivati a quella che allora era chiamata Palestina, e che violavano i diritti dei molti arabi che vivevano nella terra. In effetti, il popolo ebraico ha vissuto in quella che una volta era chiamata Palestina per più di 3700 anni e ha sempre mantenuto un legame e una presenza nella loro patria religiosa e ancestrale. Anche dopo che il Secondo Tempio fu distrutto nel 70 d.C. e gli ebrei furono esiliati, la vita ebraica continuò lì. Prima che diventasse nota come Palestina, la regione aveva un nome diverso: Giudea , da cui deriva il termine "ebrei". Dopo che i romani conquistarono la terra nel 2 ° secolo, cambiarono il nome della regione da Giudea a Filistea (che in seguito divenne Palaestina o Palestina), per diminuire il legame di lunga data degli ebrei con la terra. Il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere che il popolo ebraico ha un antico legame con la terra di Israele, che risale a migliaia di anni fa. Tuttavia, trascurando i fatti storici, sta fuorviando i suoi lettori a credere che gli ebrei fossero arrivati di recente nel paese, invadendo gli arabi che vivevano lì. Inoltre, nel suo riferimento alla Dichiarazione Balfour del 1917 - una dichiarazione del governo britannico che riconosceva il diritto del popolo ebraico a una casa nazionale in quella che allora era chiamata Palestina - il presidente Obama si riferisce alla Gran Bretagna come all'epoca "occupante la Palestina" . Ciò suggerisce ai suoi lettori che la Gran Bretagna non aveva l'autorità per parlare su questo tema. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, solo cinque anni dopo, nel 1922, la Società delle Nazioni - il precursore delle Nazioni Unite - affidò alla Gran Bretagna il mandato per la Palestina . Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere anche che il Mandato per la Palestina riconosceva specificamente “il legame storico del popolo ebraico con la Palestina e. . . i motivi per ricostituire la loro casa nazionale in quel paese. " Inoltre, comprendendo che la scelta delle parole è importante, in particolare in un documento legale, il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere che il mandato utilizzava il termine "ricostituzione" della nazione ebraica in Palestina, a significare una comprensione e un riconoscimento che lo stato nazionale di il popolo ebraico era già esistito in questa terra. Eppure il presidente Obama ha omesso tutti questi fatti importanti, fuorviando i lettori a concludere che la creazione di uno stato per il popolo ebraico nella loro patria religiosa e ancestrale fosse infondata, illegittima e non supportata dalla comunità internazionale. Tutte queste conclusioni sono false.

Falsità di Obama (a p. 623): "Nel corso dei successivi venti anni circa [dopo la Dichiarazione Balfour del 1917], i leader sionisti mobilitarono un'ondata di migrazione ebraica in Palestina e organizzarono forze armate altamente addestrate per difendere i loro insediamenti".
I fatti : ancora una volta, il presidente Obama minimizza il legame ebraico con la terra, suggerendo erroneamente che pochi ebrei vivevano nella terra allora chiamata Palestina, e che hanno iniziato a migrare lì dopo il 1917 su istigazione dei "leader sionisti". In effetti, come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, gli ebrei hanno mantenuto una presenza continua in "Palestina" per migliaia di anni, anche durante i loro 2000 anni di esilio, e molti di più sono emigrati nella terra a migliaia ben prima della Dichiarazione Balfour del 1917 . Nel 1844 , la maggioranza della popolazione di Gerusalemme era costituita da ebrei. Dal 1882 al 1903 (chiamata la Prima Aliyah ), gli ebrei dell'Europa orientale e dello Yemen tornarono in patria per sfuggire ai pogrom e alle persecuzioni. Dal 1904 al 1919 (la Seconda Aliyah ), circa 40.000 ebrei tornarono in patria. Molti erano giovani e ispirati da ideali socialisti; il primo kibbutz del paese fu fondato nel 1909. Dal 1919 al 1923 (la Terza Aliyah ), circa 40.000 ebrei tornarono in patria, mentre gli ebrei affrontarono i pogrom in Russia, Polonia e Ungheria. Dal 1924 al 1929 (la Quarta Aliyah ), circa 82.000 vennero in patria, dopo aver affrontato le politiche antiebraiche in Polonia e le rigide quote di immigrazione da parte degli Stati Uniti Dal 1929 al 1939 (la Quinta Aliyah ), quasi 250.000 ebrei tornarono in patria, sfuggire alla persecuzione nazista. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, gli ebrei furono attratti dalla terra dei loro antenati. Molte preghiere ebraiche parlano di Gerusalemme e della terra d'Israele; quando gli ebrei pregano, ovunque nel mondo, si rivolgono a Gerusalemme in Israele. Gli ebrei che affrontano odio e oppressione cercarono naturalmente rifugio nella loro patria religiosa e ancestrale. Tuttavia, a prescindere dai fatti storici, Obama induce in errore i suoi lettori a credere che gli ebrei siano stati "spinti" a popolare la loro patria. Inoltre, scrivendo che gli ebrei immigrati nel paese "hanno organizzato forze armate altamente addestrate per difendere i loro insediamenti", il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere perché gli ebrei dovevano difendersi. Ma, fuorviando i suoi lettori, ha omesso il fatto importante che era perché gli arabi li stavano attaccando e uccidendo . Questa è stata un'importante opportunità per il presidente Obama per illuminare i suoi lettori che la violenza araba e il terrorismo contro gli ebrei non sono iniziati dopo che lo Stato di Israele è stato istituito nel 1948, o dopo che Israele presumibilmente ha "occupato" la Giudea e la Samaria (una regione che la Giordania ha ribattezzato West Bank dopo averla sequestrata illegalmente nel 1948) e Gaza. Come Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, la violenza araba e il terrorismo contro gli ebrei in "Palestina" erano un problema anche prima che ci fosse uno Stato di Israele.

Falsità di Obama  (a pp. 623-24): "I leader sionisti abbracciarono il piano [del 1947] [di dividere la Palestina in uno stato ebraico e uno stato arabo], ma i" palestinesi arabi, così come le nazioni arabe circostanti che erano appena uscito dal dominio coloniale, si oppose strenuamente. Quando la Gran Bretagna si ritirò, le due parti caddero rapidamente in guerra ".
I fatti : come sicuramente sa il presidente Obama, la scelta delle parole è importante. Ha scelto di fare riferimento a "leader sionisti", piuttosto che "leader ebrei" che hanno abbracciato il piano di partizione, diminuendo il legame ebraico con la terra e minimizzando il fatto che coloro che hanno considerato e accettato il piano di partizione erano ebrei che volevano vivere come una nazione nella loro patria religiosa e ancestrale. Quel che è peggio è la falsa rappresentazione del presidente Obama di "le due parti che cadono rapidamente in guerra". Come sapeva o avrebbe dovuto sapere, dopo che gli ebrei accettarono il piano di spartizione e Israele dichiarò la sua indipendenza, gli arabi non si limitarono a "rigettare strenuamente" il piano. Cinque nazioni arabe hanno attaccato il nascente stato ebraico con l'obiettivo di distruggerlo. Israele non è stato distrutto, ma ha subito perdite devastanti . Quasi 6400 israeliani furono uccisi e 15.000 feriti. Obama Falsehood # 4 (p. 624): L'istituzione dello stato ebraico è stato un "sogno realizzato" per il popolo ebraico. "Ma per i circa settecentomila arabi palestinesi che si sono trovati apolidi e cacciati dalle loro terre, gli stessi eventi sarebbero stati parte di quella che divenne nota come la Nakba, o 'Catastrofe'". I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, gli arabi palestinesi non si sono "trovati apolidi". Hanno rifiutato uno stato, quindi se hanno deciso di etichettare la situazione risultante come Nakba o Catastrofe, è stata una loro creazione. Inoltre, prima del piano di spartizione, non c'era mai stato uno stato arabo palestinese nella regione conosciuta come Palestina. Il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere anche che la maggior parte degli arabi palestinesi non era "cacciata dalle proprie terre"; se ne andarono da soli , o furono incoraggiati dai loro leader ad andarsene, sulla base del presupposto in ultima analisi errato che gli arabi sarebbero stati vittoriosi nella guerra e Israele sarebbe stato distrutto. I leader ebrei in realtà hanno esortato gli arabi che vivevano in quella che era chiamata Palestina a rimanere e diventare cittadini di Israele. Circa 160.000 arabi rimasero e divennero cittadini israeliani. Anche il presidente Obama avrebbe dovuto essere più attento nell'identificare il numero di arabi palestinesi colpiti. Non più di 650.000 arabi palestinesi sarebbero potuti diventare rifugiati; un rapporto del Mediatore delle Nazioni Unite sulla Palestina ha concluso che il numero era ancora più piccolo: 472.000 . Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere anche che non c'erano solo rifugiati arabi che erano il risultato della guerra araba contro Israele. Tuttavia, fuorviando i suoi lettori, omette il fatto importante che dopo la creazione di Israele, c'erano oltre 800.000 rifugiati ebrei che furono cacciati dai paesi arabi in cui loro e le loro famiglie avevano vissuto, molti per secoli. Questi rifugiati ebrei dovettero trovare rifugio altrove e non furono mai risarciti dai governi arabi che li perseguitarono, confiscarono i loro beni e li costrinsero a lasciare le loro case, i mezzi di sussistenza e le comunità.

Falsità di Obama (a p. 624): "Per i successivi tre decenni [dopo la costituzione dello Stato di Israele], Israele si impegnerà in una serie di conflitti con i suoi vicini arabi". I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Israele non si è "impegnato in una serie di conflitti con i suoi vicini arabi". In effetti, Israele si è difeso da attacchi su attacchi da parte di paesi arabi e terroristi arabi il cui obiettivo era la distruzione di Israele. Falsità di Obama (a p. 624): Durante la Guerra dei Sei Giorni nel 1967, “un esercito israeliano notevolmente inferiore di numero mise in rotta gli eserciti combinati di Egitto, Giordania e Siria. Nel processo, Israele ha preso il controllo della Cisgiordania e Gerusalemme Est dalla Giordania, la Striscia di Gaza e la penisola del Sinai dall'Egitto e le alture del Golan dalla Siria ". I fatti : la descrizione del presidente Obama è fuorviante e omette i fatti essenziali. Come sapeva o avrebbe dovuto sapere, gli eserciti di Egitto, Giordania, Siria e Libano si sono riuniti ai confini di Israele - sostenuti dagli eserciti di Iraq, Algeria, Kuwait e Sudan - e hanno chiarito che il loro obiettivo era la distruzione di Israele. Israele ha dovuto agire per proteggersi dall'annientamento. Inoltre, come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, quando Israele conquistò la cosiddetta Cisgiordania dalla Giordania e dalla parte orientale di Gerusalemme, questa terra non era la Giordania per cominciare. La Giordania l'ha occupata nel 1948 e l'ha annessa illegalmente nel 1950. Inoltre, come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, non c'è mai stato un luogo chiamato "Gerusalemme est" e il termine è quindi di fatto impreciso. Gerusalemme non è mai stata una città divisa fino a quando la Giordania non ne ha conquistato il cuore storico (dove si trovano la Città Vecchia, il Quartiere Ebraico, il Monte del Tempio, il Monte degli Ulivi, il Quartiere Cristiano e la Chiesa del Santo Sepolcro) ed è stata espulsa i suoi ebrei. Come anche il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Israele ha unificato la città di Gerusalemme nel 1967, ripristinando la parità di accesso a tutti i siti religiosi presenti. La parte orientale di Gerusalemme è semplicemente un quartiere di quella città. Inoltre, Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere che, subito dopo la guerra, Israele era pronto e disposto a ritirarsi dai territori acquisiti, in cambio della pace. Ma i leader arabi hanno risposto con tre no : nessuna pace con Israele, nessun riconoscimento di Israele e nessun negoziato con Israele. Omettendo tutti questi fatti critici, Obama sta fuorviando i suoi lettori a credere che Israele sia stato l'aggressore nel 1967, che abbia occupato la terra rubata e che questa "occupazione" abbia ostacolato la pace nella regione. Tutte queste conclusioni sono false.

Falsità di Obama (a p. 624): L'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) è nata dopo la Guerra dei Sei Giorni, come "risultato" dei "Palestinesi che vivevano nei territori occupati. . . 
I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, l'OLP non è sorta dopo la guerra dei sei giorni a causa dei palestinesi che vivevano nei territori conquistati da Israele. L'OLP è nata tre anni prima della guerra, nel 1964 , quando la Giordania occupava e controllava la cosiddetta Cisgiordania e l'Egitto controllava Gaza. Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere anche che prima della guerra del 1967, l'OLP non si preoccupava di rivolgersi ai "palestinesi che vivevano nei territori occupati". L'OLP non ha mai chiesto alla Giordania o all'Egitto di creare uno stato arabo palestinese indipendente in questi territori. L'obiettivo dell'OLP, stabilito nel suo statuto , era la distruzione di Israele.

Falsità di Obama (a p. 625): Durante il Summit di Camp David, svoltosi dall'11 al 24 luglio 2000, l'allora primo ministro israeliano Ehud Barak fece incredibili concessioni per la pace [offrendo di ritirarsi dal 97% della Giudea e Samaria e tutta Gaza, e per fare dei quartieri arabi nella parte orientale di Gerusalemme la capitale di un nuovo stato arabo palestinese], ma “Arafat ha chiesto più concessioni. . . e le trattative sono crollate in recriminazioni ".
I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, i colloqui non sono semplicemente "crollati in recriminazione". Infatti, Arafat ha rifiutato la generosa offerta di Israele, non ha fatto alcuna contro offerta e, poco dopo il Vertice di Camp David, il 28 settembre 2000, ha scatenato la Seconda Intifada. I terroristi arabi finanziati da Arafat hanno ucciso più di 1100 israeliani e ne hanno feriti più di 8000. Questi terroristi hanno preso di mira uomini, donne e bambini israeliani innocenti, sugli autobus, nei ristoranti e per le strade della città, incluso il massacro di ebrei innocenti che festeggiavano insieme a un Seder di Pasqua. Falsità di Obama (alle pp. 625-26): la visita di Ariel Sharon al Monte del Tempio di Gerusalemme - "uno dei luoghi più sacri dell'Islam" - nel settembre 2000 è stata "deliberatamente provocatoria" e una "trovata" che "ha fatto infuriare gli arabi vicini e lontani. " I fatti : Obama sostiene erroneamente che la visita di Sharon al Monte del Tempio abbia provocato la Seconda Intifada. Ingannando i suoi lettori, omette il fatto importante che il Monte del Tempio è il sito più sacro del giudaismo. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Arafat pianificò la Seconda Intifada molto prima della visita di Sharon al Monte del Tempio. Nel marzo 2001, l'Associated Press ha riferito che un ministro del gabinetto palestinese ha ammesso che Arafat ha iniziato a tramare il terrorismo e la violenza nel luglio 2000, dopo aver respinto le iniziative di pace di Israele e Stati Uniti.

Falsità di Obama (a p. 626): "I razzi di Hamas lanciati da Gaza nelle città di confine israeliane [hanno ricevuto risposta dagli elicotteri Apache israeliani forniti dagli Stati Uniti che livellano i quartieri di Gaza".
I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Israele non risponde agli attacchi missilistici "livellando i quartieri". A differenza di Hamas - il gruppo terroristico designato dagli Stati Uniti che governa Gaza e prende deliberatamente di mira civili innocenti - Israele prende di mira i terroristi che lanciano razzi nelle città e nei paesi israeliani. Ingannando i suoi lettori, Obama omette i fatti chiave - che Hamas usa i civili arabi palestinesi come scudi umani e lancia razzi in Israele da quartieri, ospedali e moschee. Inoltre omette in modo significativo i passi straordinari che Israele intraprende per evitare di uccidere i civili. Ciò include il lancio di volantini e l'effettuazione di telefonate per avvertire le persone di un attacco imminente, anche se ciò significa sacrificare l'elemento sorpresa e consentire ai terroristi di fuggire. La descrizione del presidente Obama del "livellamento dei quartieri" di Israele non è conforme alla valutazione brillante delle azioni di Israele da parte di un gruppo indipendente di esperti militari in tutto il mondo, dopo la guerra di Hamas del 2014 contro Israele. Questi esperti militari hanno concluso che "gli sforzi di Israele erano del tutto giustificati, concepiti in modo appropriato e legittimamente eseguiti, e necessari nella difesa della sicurezza nazionale di quel paese". Questi esperti, che avevano ricoperto posizioni militari di vertice negli Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania e altri paesi, hanno riferito: "Nessun paese accetterebbe la minaccia contro la sua popolazione civile che questi razzi presentano ai centri abitati israeliani". Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, tutte queste informazioni sarebbero state cruciali per comprendere e valutare le azioni difensive di Israele a Gaza. Ma non è riuscito a includerlo, fuorviando i suoi milioni di lettori. Falsità di Obama (a p. 626): dopo la morte di Arafat nel 2004, "Gaza è passata sotto il controllo di Hamas e presto si è trovata sotto un blocco israeliano strettamente imposto". I fatti : il presidente Obama ha palesemente omesso i seguenti fatti essenziali, che hanno portato Israele a rafforzare il confine con Gaza. Come Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, nel 2005 Israele si è ritirato unilateralmente da Gaza e ha sradicato gli oltre 9000 ebrei che vivevano lì, nella speranza che questo avrebbe portato la pace. Dal 2005, non c'è stato un solo civile o soldato ebreo a Gaza. Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere anche che l'auspicata pace che ha ispirato il ritiro di Israele ha portato invece al terrorismo. Il gruppo terroristico Hamas ha preso il controllo di Gaza e ha bombardato Israele con missili, mortai e altri attacchi terroristici che hanno deliberatamente preso di mira i civili israeliani. Israele ha dovuto rafforzare i suoi valichi di frontiera per impedire ad Hamas di contrabbandare armi e materiali per costruire armi a Gaza e per impedire ai terroristi di Hamas di infiltrarsi nei confini di Israele e uccidere civili israeliani. Allo stesso tempo, Israele ha assicurato che ogni giorno centinaia di camion pieni di cibo, medicinali e altri rifornimenti umanitari vengano consegnati a Gaza. Per ragioni simili a quelle di Israele, anche l'Egitto ha rafforzato il confine con Gaza e ha posto restrizioni alle spedizioni. Il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto conoscere tutti questi fatti salienti. Ma li ha omessi tutti, fuorviando seriamente i suoi lettori sulle azioni di Israele.

Falsità di Obama (a p. 626): "Gli attentati terroristici e gli attacchi all'interno di Israele erano quasi cessati, in qualche misura a causa del fatto che Israele aveva eretto un muro lungo più di quattrocento miglia tra se stesso e i centri abitati la Cisgiordania, punteggiata da posti di blocco strategicamente posizionati per controllare il flusso di lavoratori palestinesi dentro e fuori Israele ".
I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Israele non ha costruito "un muro lungo più di quattrocento miglia". Israele ha costruito una recinzione come misura di sicurezza necessaria per fermare gli attacchi terroristici che i civili israeliani stavano subendo dalla cosiddetta Cisgiordania e Gaza. Solo circa 15 miglia di questa barriera di sicurezza (meno del 3%) è un muro di cemento alto 30 piedi. Il muro è stato costruito in aree dove impedirà ai cecchini arabi di sparare alle auto israeliane, come hanno fatto per anni lungo una delle strade principali di Israele. Inoltre, come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, i checkpoint israeliani non sono stati creati "per controllare il flusso di lavoratori palestinesi dentro e fuori Israele". I checkpoint erano un'altra misura di sicurezza necessaria, per impedire ai terroristi arabi di entrare in Israele e commettere attentati suicidi, sparatorie, coltellate e altre forme di violenza che uccidono e mutilano israeliani innocenti. Come la barriera di sicurezza, i checkpoint sono un inconveniente. Negli Stati Uniti comprendiamo che, a causa delle preoccupazioni legate al terrorismo, anche noi dobbiamo sopportare procedure di sicurezza intensificate e fastidiose nei nostri aeroporti e negli edifici. Ma queste misure sono necessarie ed efficaci per salvare vite umane. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, se non ci fosse il terrorismo arabo, non ci sarebbero posti di blocco e nessuna barriera di sicurezza. Ma ha omesso questi fatti, fuorviando i suoi lettori su Israele.

Falsità di Obama (a p. 628): “Milioni dei palestinesi mancavano di autodeterminazione e di molti dei diritti fondamentali di cui godevano anche i cittadini di paesi non democratici. Generazioni stavano crescendo in un mondo affamato e rattrappito dal quale non potevano letteralmente sfuggire, la loro vita quotidiana soggetta ai capricci di un'autorità distante, spesso ostile e ai sospetti di ogni soldato con la faccia inespressiva e armata che chiedeva di vedere il proprio documenti a ogni posto di blocco che hanno superato. "
I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, le condizioni in cui vivono gli arabi palestinesi nella cosiddetta Cisgiordania e a Gaza sono attribuibili alle azioni e alle decisioni dei loro stessi leader, non a Israele. Obama ha omesso i seguenti fatti essenziali: che gli arabi palestinesi avrebbero potuto avere un proprio stato, ma la loro leadership ha rifiutato numerose offerte per uno stato perché si sono rifiutati di accettare l'esistenza di uno stato ebraico vicino; che la maggior parte degli arabi palestinesi che vivono in "Cisgiordania" sono governati dall'Autorità Palestinese, non da Israele; che gli arabi palestinesi che vivono a Gaza sono governati da Hamas, un gruppo terroristico designato dagli USA, non da Israele; e questo invece di destinare miliardi di dollari in aiuti che si sono riversati in entrambe le regioni dalla comunità internazionale per soddisfare i bisogni delle persone che vivono lì, la maggior parte finisce nelle mani di leader arabi palestinesi corrotti che usano i soldi per arricchirsi e promuovere la loro guerra contro Israele. Eppure il presidente Obama ha omesso tutti questi fatti critici, fuorviando i lettori a credere alla falsità secondo cui Israele è responsabile delle difficoltà che gli arabi palestinesi devono affrontare. Obama lancia anche un oltraggioso e immeritato colpo di pistola contro i soldati israeliani - disumanizzandoli e demonizzandoli come "senza volto" e "portatori di fucili" - che stanno semplicemente facendo ciò che ogni soldato americano dovrebbe fare - salvaguardando le vite umane dal terrorismo e dalla violenza .

Falsità di Obama (a p. 631): il presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas è stato preferito a guidare i palestinesi dopo la morte di Arafat "in gran parte a causa del suo riconoscimento inequivocabile di Israele e della sua rinuncia di lunga data alla violenza".
I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Abbas non ha mai riconosciuto Israele come uno stato ebraico. Nell'aprile 2009, quando il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha invitato Abbas a riconoscere Israele come stato ebraico, per consentire i negoziati di pace, Abbas ha risposto : “Non lo accetto. . . Non è mio compito fornire una descrizione dello stato. Chiamati Repubblica Socialista Ebraica: non sono affari miei ". Nel novembre 2014, Abbas ha affermato che "noi [gli arabi palestinesi] non riconosceremo mai l'ebraicità dello stato di Israele". Inoltre, come Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Abbas non ha mai rinunciato alla violenza. In effetti, l'ha glorificato e incentivato , intitolando strade, scuole e squadre sportive ai terroristi arabi che uccidono ebrei e premiando i terroristi e le loro famiglie con pensioni a vita per aver ucciso ebrei. Più odioso è il crimine, più alta è la pensione. Oltre a promuovere falsità su Abbas, il presidente Obama ha omesso fatti cruciali su Abbas che dimostrano la sua ostilità verso ebrei e Israele. Come Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Abbas è un negazionista di lunga data dell'Olocausto , il quale afferma che il numero di ebrei uccisi è stato grossolanamente esagerato (Abbas dice che è un milione di ebrei, non sei milioni), e afferma in modo spregevole che gli ebrei ha contribuito a perpetrare l'Olocausto. Come anche il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, Abbas è razzista; ha chiarito che se esiste uno stato arabo palestinese, sarà Judenrein , cioè ripulito dagli ebrei: “In una risoluzione finale, non vedremmo la presenza di un solo israeliano - civile o soldato - sulle nostre terre. " Sotto la guida di Abbas, anche la vendita di terreni agli ebrei israeliani è un tradimento e punibile con la morte. Omettendo tutti questi fatti, il presidente Obama induce in errore i suoi lettori a credere che Abbas accetti Israele e il suo carattere di stato ebraico e che si sia sinceramente impegnato a fare la pace con Israele. Nessuno dei due è vero.

Falsità di Obama (a p. 627): “. . . quasi tutti i paesi del mondo consideravano l'occupazione israeliana dei territori palestinesi una violazione del diritto internazionale. . . "
I fatti : come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, non c'è consenso sul fatto che le comunità ebraiche in Giudea e Samaria siano illegali. Numerose autorità legali affermano il diritto legale delle comunità israeliane di esserci. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, non è corretto riferirsi a Giudea, Samaria e Gerusalemme come "territori palestinesi". In effetti, Israele ha diritto a queste aree in base al diritto internazionale, tra cui la risoluzione di San Remo , il mandato britannico , il trattato anglo-americano del 1924 e l' articolo 80 della Carta delle Nazioni Unite . Gli ebrei hanno vissuto in questi territori sin dai tempi antichi, tranne dal 1948 al 1967, quando la Giordania li occupò illegalmente ed espulse gli ebrei. Questi territori non sono mai appartenuti alla Giordania o agli arabi palestinesi che non hanno mai avuto la sovranità o i diritti sovrani lì, o in nessuna parte di quella che era conosciuta come Palestina. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, era inesatto per lui riferirsi a Giudea, Samaria e Gerusalemme orientale come "occupate". Israele non può essere definito un occupante di terre su cui Israele ha il legittimo diritto sovrano. Per quanto riguarda il riferimento di Obama al diritto internazionale, la Quarta Convenzione di Ginevra vieta il trasferimento forzato di persone di uno Stato nel territorio di un altro Stato che il primo Stato ha occupato a seguito di una guerra. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, gli ebrei non sono mai stati costretti ad andare in questi territori; in realtà si trasferirono lì volontariamente, in un luogo dove vivevano i loro antenati prima di essere espulsi dalla Giordania nel 1948. Inoltre, come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, nessun presidente degli Stati Uniti dopo Jimmy Carter ha mai descritto le comunità israeliane in Giudea e Samaria come illegali o una violazione del diritto internazionale. Disgraziatamente, durante gli ultimi giorni della presidenza Obama, gli Stati Uniti si sono astenuti da una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che richiedeva che Israele "cessasse immediatamente e completamente tutte le attività di insediamento nel territorio palestinese occupato, compresa Gerusalemme est". La risoluzione ha anche dichiarato che la creazione di insediamenti da parte di Israele "non ha validità legale e costituisce una flagrante violazione del diritto internazionale". L'astensione dell'amministrazione Obama ha assicurato l'approvazione della risoluzione. La risoluzione rappresentava un importante allontanamento dai precedenti veti statunitensi in risposta a decenni di misure anti-israeliane delle Nazioni Unite. Il danno causato dal presidente Obama è stato in gran parte annullato nel novembre 2019, quando il Segretario di Stato ha chiarito che le comunità ebraiche in Giudea e Samaria non sono illegali secondo il diritto internazionale e non sono una "barriera alla pace". Obama conosceva o avrebbe dovuto conoscere tutti questi fatti, eppure li ha omessi, inducendo i lettori a credere alla falsità che la Giudea e la Samaria, compresa la parte orientale di Gerusalemme, siano territori palestinesi e che le comunità ebraiche siano illegittime e illegali. Le ostilità personali di Obama fuorviano irresponsabilmente i lettori su Israele e gli ebrei In "A Promised Land", il presidente Obama ritiene che gli israeliani siano diventati meno inclini a colloqui di pace con gli arabi palestinesi. Inoltre, esprime le sue opinioni sul motivo per cui esiste un sostegno così duraturo per Israele tra gli americani. Anche se Obama ha certamente diritto alle sue opinioni, esse sono chiaramente fondate più nella sua personale ostilità verso Israele - e gli ebrei - che nei fatti e nelle verità - e quindi vale la pena parlarne qui.

Secondo Obama, "gli atteggiamenti israeliani verso i colloqui di pace si erano inaspriti, in parte perché la pace non sembrava più così cruciale per garantire la sicurezza e la prosperità del paese" (p. 626). Obama dipinge un'immagine negativa ed egoista degli israeliani come disinteressati alla pace. L'immagine è falsa e offensiva. Come il presidente Obama sapeva o avrebbe dovuto sapere, la storia dimostra l'impegno incrollabile di Israele per il processo di pace, fino al punto di fare concessioni unilaterali - come lo sradicamento degli ebrei dalle loro case e comunità a Gaza - nella speranza che ciò portasse la pace. La storia dimostra che i leader israeliani hanno fatto ripetute e generose offerte di pace ai leader arabi palestinesi, che sono stati respinti e spesso hanno risposto con più terrorismo e violenza, non con la pace. La storia dimostra che la leadership araba palestinese non accetta l'esistenza di uno stato ebraico nella regione e che il loro obiettivo rimane la distruzione di Israele. Questi fatti storici sono sicuramente ciò che ha influenzato l'atteggiamento israeliano verso la pace, ma Obama li omette, fuorviando i lettori a dubitare dell'impegno di Israele per il processo di pace e per vivere pacificamente nella regione. Inoltre, il presidente Obama attribuisce il continuo forte sostegno bipartisan a Israele al Congresso alle "preoccupazioni per l'attraversamento dell'American Israel Public Affairs Committee (AIPAC), una potente organizzazione di lobbying bipartisan dedicata a garantire il fermo sostegno degli Stati Uniti a Israele" (p. 628). È significativo che Obama ometta che molti membri del Congresso comprendano la storia della guerra araba contro Israele; che le case e le comunità israeliane nel cuore ebraico non sono gli ostacoli alla pace; e che il vero problema è l'esistenza stessa di uno stato ebraico nella regione. La maggior parte dei membri del Congresso comprende anche che Israele è l'unica democrazia fiorente in Medio Oriente; che Israele condivide i valori e gli interessi degli Stati Uniti; e che Israele è l'alleato più affidabile del nostro paese. Queste sono le ragioni per cui c'è un sostegno bipartisan a Israele, non a causa di una presunta preoccupazione per l'AIPAC. Nell'esprimere tale ostilità personale verso Israele, Obama si lancia pericolosamente nella promozione di stereotipi antisemiti sul potere degli ebrei e sul controllo ebraico sul governo. Il libro di Obama è pieno di errori e omissioni che avrebbero dovuto essere colti e corretti prima che il suo libro fosse pubblicato. Ciò influisce sulla sua credibilità e anche sulla tua. Partiamo dal presupposto che desideri che i lettori si fidino di te e delle tue pubblicazioni, in particolare di quelle scritte da un ex presidente degli Stati Uniti. "A Promised Land" dovrebbe essere richiamato e corretto. Come minimo, la versione digitale del libro e le future edizioni cartacee dovrebbero essere riviste per riflettere i fatti. Inoltre, il secondo volume del presidente Obama dovrebbe includere un capitolo iniziale che corregga le sue falsità e dichiarazioni fuorvianti e fornisca i fatti materiali che ha omesso dal primo volume. "A Promised Land" è descritto come il "racconto avvincente e profondamente personale della storia in divenire" del presidente Obama. I lettori contano e meritano la verità. Grazie per considerare le nostre preoccupazioni. Siamo in attesa della tua risposta.

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui