domenica 17 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Varie
Non c'è da preoccuparsi
messaggio da una donna israeliana
Non sono una delle tante che ha paura di andare in qualsiasi posto, Sull’autobus e al supermercato.



Non ho cambiato né smesso di fare niente

Che facevo prima che questo casino cominciasse!



Le persone tendono a dimenticare che le vittime della strada

Sono il doppio delle vittime del terrorismo!



Altre persone muoiono ancora

Per attacchi di cuore, cancro

Ed altre cose,

Soltanto che non appaiono in TV.



Non fraintendetemi,

D’accordo c’è una guerra in atto

E non è piacevole, ma guardiamo in faccia la realtà:



NON SIAMO MAI STATI MEGLIO DI OGGI!



Sono solo la tv e i media

Che fanno pensare alla gente

Che la fine del mondo stia arrivando.



Soltanto 60 anni fa

Stavano conducendo gli ebrei alla morte,

Come pecore al macello!



Nessuno Stato, nessun esercito. 55 anni fa!



Sette nazioni arabe dichiararono guerra

Al piccolo Stato ebraico,

Nato da poche ore.



Eravamo allora 650.000 ebrei!

Contro il mondo arabo intero.



Niente Zahal,

Nessuna aviazione,

Soltanto gente determinata

Senza nessun altro posto dove andare.



Libano, Siria, Iraq, Giordania, Egitto,

Libia e Arabia Saudita ci avevano attaccato tutti insieme.



Il paese che L’Onu “ci dava”

Era per il 65% deserto.



Lo Stato iniziò da un fazzoletto di terra!



35 anni fa! Abbiamo combattuto

Contro i tre più forti eserciti del Medio Oriente

E li abbiamo spazzati via in sei giorni.



Abbiamo combattuto contro

Diverse coalizioni di Paesi arabi

Con eserciti moderni

E tonnellate di armi sovietiche

Ed abbiamo vinto ancora!



Abbiamo oggi

Uno Stato,

Una forte aviazione,

Un’alta tecnologia che esporta per milioni.



Intel, IBM e Microsoft sviluppano i loro prodotti qui.



I nostri medici vincono premi internazionali

Per le loro ricerche.



Abbiamo fatto fiorire il deserto

Vendendo arance e verdura al resto del mondo.



Israele ha lanciato il suo satellite nello spazio!

Tre satelliti tutti insieme!



Sediamo senza timore

Allo stesso tavolo con gli Stati Uniti e i loro 250 milioni di abitanti,

Con la Russia e i suoi 200 milioni di abitanti,

Con la Cina e i suoi 1,1 miliardi di abitanti,

Con gli europei- Francia, Germania e Inghilterra-

E i loro 350 milioni di abitanti,

Gli unici paesi

Ad avere messo in orbita qualcosa nello spazio.



Israele fa oggi parte

Della famiglia nucleare

Insieme a Stati Uniti, Russia, Cina, Francia ed Inghilterra

[non lo ammettiamo ufficialmente … ma tutti lo sanno...]



Pensare che soltanto 60 anni fa,

Eravamo condotti,

Pieni di paura

Senza speranza,

Alla nostra morte!



Siamo saltati fuori dai camini di cenere dell’Europa,

Abbiamo vinto le nostre guerre con meno di niente

Tra le mani,

Abbiamo costruito un “impero” dal niente.



Chi diavolo sei tu Arafat

Per mettermi paura?



Mi fai soltanto ridere!



Abbiamo celebrato Pesach,

Ricordiamo la storia.

Siamo sopravvissuti al Faraone,

Siamo sopravvissuti ai Greci,

Siamo sopravvissuti ai Romani,

Siamo sopravvissuti all’inquisizione spagnola,

Siamo sopravvissuti ai pogrom della Russia,

Siamo sopravvissuti a Hitler,

Siamo sopravvissuti ai tedeschi,

Siamo sopravvissuti alla Shoah,

Siamo sopravvissuti agli eserciti di sette paesi arabi,

Siamo sopravvissuti a Saddam.



Tranquilli, ragazzi,

Supereremo

Anche i nostri nemici attuali.



Non importa

Da che parte della storia la si guardi!



Pensaci,

Per noi,

Il popolo ebraico,

La situazione non è mai stata migliore.



E allora,

Tiriamo su la testa,

E dobbiamo ricordarci che:



Ogni nazione e cultura

Con la quale abbiamo avuto a che fare

E' stata distrutta - mentre noi continuiamo ad andare avanti!



L’Egitto?



C’è qualcuno che sa dove sia finito questo impero?



I Greci?



Alessandro Magno?



I Romani?



C’è qualcuno che parla ancora latino?



Il terzo Reich?



Qualcuno ha avuto sue notizie ultimamente?



Guardaci,

Il popolo del Libro,

Dalla schiavitù d’Egitto,

Siamo ancora qui,

Parliamo ancora la stessa lingua!

Qui e adesso.



Gli arabi non lo hanno ancora capito,

Ma lo impareranno.



Fintanto che manterremmo la nostra identità

Saremo eterni.



Scusate allora se non mi preoccupo,

Se non piango

E se non ho paura.



Le cose vanno bene qui.



Potrebbero essere sicuramente migliori,



Comunque, non:



Farti abbattere dalla spazzatura dei media,

Loro non ti dicono

Che nonostante tutto

Ci sono feste che vanno avanti,

Che la gente continua a vivere,

A uscire

E a vedersi con gli amici.



Sì, il nostro morale è basso,

E allora?



È soltanto perché piangiamo i nostri morti

Mentre loro amano la morte.



E’ la stessa ragione per cui dopo tutto

Alla fine vinceremo.



Puoi mandare questa lettera

Se credi a tutti gli ebrei del mondo,

Anche agli altri.



Sono parte della nostra forza,

Può aiutare alcuni di loro

Ad alzare la propria testa.



Dì loro

Che non c'è niente da preoccuparsi.



Dì loro di pensare in grande, e

Di guardare il tutto, l’intera immagine.



"Ci vediamo l’anno prossimo a Gerusalemme".
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT