domenica 01 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Rinascita - Informazione Corretta Rassegna Stampa
22.02.2012 Rinascita, quel giornale che nega la Shoà, finanziato dallo Stato italiano
commento di Giacomo Kahn

Testata:Rinascita - Informazione Corretta
Autore: Giacomo Kahn
Titolo: «Quel giornale che nega la Shoà, finanziato dallo Stato italiano»

Riportiamo dal sito della Comunità Ebraica di Roma l'articolo di Giacomo Kahn dal titolo "Quel giornale che nega la Shoà, finanziato dallo Stato italiano ".


Per scrivere a Rinascita, cliccare sul link sottostante
http://www.rinascita.eu/?action=contatti


Robert Faurisson,   Giacomo Kahn, direttore di Shalom

Il quotidiano Rinascita – che ha ricevuto un finanziamento pubblico di 2,489 milioni di euro – ha pubblicato ieri un articolo di Robert Faurisson

“Impostura dell'Olocausto (Olocausto scritto fra virgolette)”.

”Costruzione del mito del genocidio, delle camere a gas e dei sei milioni di ebrei uccisi”.

“Prodotti di disinfezione come lo Zyklon B”.

“Claude Lanzmann ci ha gratificati con un documentario-documenzognero di oltre nove ore: Shoah”.

“L’Olocausto (sempre tra virgolette) non è decisamente altro che una gigantesca impostura”.

“Il revisionismo non è un'ideologia ma un rimedio alla tentazione dell'ideologia”.

"Le pretese camere a gas hitleriane ed il preteso genocidio degli ebrei formano una sola e medesima menzogna storica, che ha permesso una gigantesca truffa politico finanziaria di cui i principali beneficiari sono lo Stato di Israele ed il sionismo internazionale, e le cui principali vittime sono il popolo tedesco — ma non i suoi dirigenti — e l'intero popolo palestinese."

Queste sono solo alcune delle vergognose espressioni revisioniste e soprattutto negazioniste della Shoà di un articolo firmato da Robert Faurisson e che sono state pubblicate – senza commento, senza prenderne le distanze, senza alcun senso di vergogna e di pudore – dallo pseudo giornale ‘Rinascita’, diretto dal giornalista Ugo Gaudenzi.

Un articolo – dal titolo “Contro l’Hollywoodismo, il Revisionismo” – che in realtà è la relazione che lo stesso Faurisson ha tenuto agli inizi di febbraio a Teheran, volta a negare la Shoà e lo stermino degli ebrei.

Perché ‘Rinascita’ – giornale che ha ricevuto dallo Stato italiano la bellezza di un finanziamento pubblico di ben 2,489 milioni di euro per il 2010 – pubblica senza commento una tale vergogna?

La risposta sta forse nel comprendere chi sia questo Gaudenzi (in passato giornalista dell’Ansa) e cosa pensi, rileggendosi l’intervista che ha rilasciato pochi giorni fa (http://pocobello.blogspot.com/2012/02/steno-lamonica-intervista-il-direttore.html).

In quella occasione Gaudenzi dà libero sfogo alle sue pulsioni culturali, parlando di religioni (Il monoteismo orientale è fonte di pensiero unico e totalitario); di politica (Nutro un profondo rispetto per Benito Mussolini, per le sue idee e realizzazioni socialiste, sociali. Per la sua geopolitica di liberazione nazionale, euro mediterranea, per l’universalità del suo messaggio – mutuato dal risorgimento e dal socialismo autentico – di riscatto dei popoli poveri, delle nazioni proletarie, contro le plutocrazie) e ci spiega la sua visione dei rapporti tra palestinesi e israeliani (Personalmente sono stato a Beirut per tre anni, fino alle stragi di Sabra e Shatyla. Oltre a conoscere la storia del Vicino Oriente, ho quindi anche visto con i miei occhi la vergognosa continua rapina di una terra altrui al popolo che vi abitava. Difendiamo l’identità ancestrale di una terra che si è sempre chiamata “Palestina”, la terra dei filistei, dei palestinesi, e che è stata regalata a Jalta, da Stalin, Roosevelt e Churchill, ad un’etnia aliena, una “comunità” che su quella terra poteva soltanto vantare una “promessa” del suo dio).

Bene, dopo averlo letto ci chiediamo: ma perché lo Stato italiano deve continuare a finanziare il suo giornale? Per continuare a fare disinformazione e per negare la Shoà?

Per inviare la propria opinione a Rinascita, cliccare sul link sottostante


http://www.rinascita.eu/?action=contatti
http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT